Utente 453XXX
Buonasera,leggo sempre con attenzione le discussioni sul vostro sito e questa volta "purtroppo" tocca a me chiedervi aiuto.
Mio padre ha 74 anni,grande fumatore,in situazione di ottima salute da sempre,ultimamente ha avuto episodi di sangue nell'espettorato ed il suo medico ha iniziato l'iter con RX toracica e poi pneumologo e TAC con MDC.
Ecco il referto:In quadro di enfisema centrolobulare e parasettale,si osserva voluminoso addensamento parenchimale con enhancement
periferico ad aspettoparzialmente colliquato in corrispondenza del segmento superiore e del segmento postero-basale del lobo inferiore dx con invasione delle arterie bronchiali e concomitante segno di broncogramma aereo con coinvolgimento dei bronchi tributari nelle porzioni piú craniali,cui si associano aree a vetro smerigliato nelle porzioni parenchimali adiacenti.
Il quadro sopradescritto appare,in prima ipotesi,sospetto con lesione di tipo eteroproduttiva,ma comnque meritevole di ulteriori approfondimenti diagnostici.
Centimetrica nodularitá calcifica in sede lingulare
Non versamneto pleurico o pericardico.
Alcuni linfonodi superiori al cm si osservano in sede paratracheale,sotto carenale e in sede ilare dx; non linfoadonopatie in sede ilare controlaterale.
Non tumefazioni surrenaliche.
Alcune subcentimetriche cisti epatiche diffuse in entrambi i lobi e millimetrica cisti pancreatica in corrispondenza della coda.

Questo esito lo specialista lo leggerá tra una settimana.......Se fosse possibile vorrei avere gentilmente una Vs valutazione nel contempo.
Vi ringrazio e vi stimo moltissimo!

[#1] dopo  
Dr. Vito Di Cosmo

32% attività
16% attualità
16% socialità
ANDRIA (BT)
MARGHERITA DI SAVOIA (BT)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Gentile utente,
dal solo referto della TC toracica, potremmo evincere alcuni aspetti che fanno pensare solo ad una flogosi, come ed es. focolaio di broncopolmonite: "addensamento" e non "opacità", e sopratutto segni di "broncogramma aereo". Altri aspetti come "invasione delle arterie bronchiali", potrebbe far pensare a eteroplasia e, ovviamente, possono coesistere entrambe la patologie. Il consiglio è di effettuare una PET TC, che valuta con più precisione il grado di attività del tessuto in esame, dei linfonodi ed un eventuale coinvolgimento di altri organi.Quindi subito una consulenza chirurgo toracica con esame bioptico. Nella peggiore delle ipotesi avremmo già a disposizione una tipizzazione e stadiazione, per una terapia medica (di qualsiasi natura) e\o chirurgica.

CORDIALMENTE
Dr. Vito Di Cosmo ANDRIA
PNEUMOLOGIA TERRITORIALE Barletta-Andria-Trani
Già Pneumologia e Broncologia Ospedale CSS di S G Rotondo

[#2] dopo  
Utente 453XXX

Gentilissimo Dr. Di Cosmo,
la ringrazio per la sua solerte risposta,ma vorrei porre un'altra domanda. Nella peggiore delle ipotesi che si trattasse di eteroformazione......Lei
parlava di altri organi "interessati", ma dalla Tac non si sarabbe giá dovuto vedere se Fegato,Pancreas e ossa dello sterno fossero giá intaccati?
Mi scusi ma come puó ben immaginare sono molto preoccupata!
La ringrazio di nuovo,
cordilamente,
Barbara

[#3] dopo  
Dr.ssa Maria Cristina Nocerino

20% attività
0% attualità
0% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2011
Gentile Signora,
concordo col Collega sulla necessità di eseguire a breve termine una PET TAC per meglio definire la natura della lesione polmonare è dei linfonodi coinvolti. Dalla lettura del referto TC l aspetto invasivo della lesione sembra essere circoscritto a livello polmonare , bronchiale e vasale,senza interessamento a distanza. Sarebbe utile completare il tutto estendendo la PET TC anche all'addome e aggiungere una RMN dell encefalo.
Dr.ssa maria cristina nocerino