Utente 113XXX
sono un ragazzo di 29 anni, quest'anno a febbraio mi hanno asportato un seminoma stadio I al testicolo. In seguito ho fatto una tac (con liquido di contrasto) di controllo, tutto bene a parte una pseudo formazione nodulare al lobo medio:
''non evidenti alterazioni focali della densità del parenchima polmonare riferibili a lesioni di natura secondaria.
si segnala sfumata area pseudonodulare in corrispondenza del segmento mediale del lobo medio con diametro massimo di 11 mm, di non univoca interpretazione anche se una delle ipotesi più verosimile è che si tratti di lesione di natura flogistica. Se ne consiglia comunque controllo evolutivo a 3 - 6 mesi.
Non linfoadenomegalie mediastiniche ne ilari polmonari bilateralmente. Pervie la trachea e le principali diramazioni bronchiali.
Nella norma l'aorta toracica, l'arteria polmonare e le sue diramazioni.

sono passati due mesi, tra poco farò una tac di controllo tuttavia è una settimana che sento un nodo in gola, gola secca, voce rauca...inizialmente ho pensato all'aria condizionata e all'ansia che mi porto a dietro nell'ultimo periodo, però la proccupazione di avere qualcosa al polmone a volte mi manda un po' in crisi... premetto anche che non ho mai fumato in vita mia, ne faccio un lavoro particolarmente a rischio per sostanze tossiche, gioco a calcio..

chiedevo se fosse il caso di anticipare i controlli, o magari rivolgermi ad un pneumologo anche se sono già seguito dall'oncologo per via del seminoma...sono molto preoccupato visto che so, che nell'ipotesi peggiore, una diagnosi precoce è cruciale nella cura di una neoplasia..

Ringrazio per l'attenzione e faccio i complimenti per il servizio che fornite...cordialmente Marco

[#1] dopo  
Dr. Paolo Scanagatta

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
Buonasera,
questo consulto ha lo scopo soprattutto di fornire qualche rassicurazionee chiarimento, non sostituendo un visita medica.

Tuttavia, sintomi aspecifici come quelli da lei avuti non parrebbero da correlare con la sua storia clinica: ovvero l'ipotesi più plausibile è quella da lei stesso formulata dell'aria condizionata...
Lo "pseudonodulo polmonare" va ricontrollato, e come lei dice dovrà fare la TC a breve, ma non le consiglio di anticiparla prima che siano passati i tre mesi dall'esame precedente per non inficiarne la confrontabilità: il criterio di sospetto è infatti la persistenza del nodulo ed il suo eventuale aumento di volume, cosa che si può studiare meglio solamente avendo la pazienza di aspettare.
Per evitare "fattori confondenti", ovvero immagini sulla TAC da riferire a recenti infiammazioni, circa tre settimane prima dell'esame è a volte opportuno sottoporsi ad un ciclo di antibiotici (ad es. claritromicina 500 mg 1 cp x2 volte/die per 7 giorni).

Il mio consiglio è comunque, nei limiti del possibile, in quanto capisco i suoi problemi, stare tranquilli e aspettare con serenità l'esito dell'esame.

La saluto cordialmente,
Dr. Paolo Scanagatta
ISTITUTO NAZIONALE DEI TUMORI - MILANO
http://sites.google.com/site/dottpaoloscanagatta/Home