Utente 109XXX
Gentili medici psichiatrici
Tempo fa il mio psichiatra sospese il litio per puntare sull'acido valproico.
Sono un bipolare di tipo I con frequenti fenomeni di disturbi dissociativi a scissione verticale.
Altri vari disturbi, come potete immaginare, si associano alle patologie principali. Tra cui elenco il disturbo, di forte matrice, ossessivo compulsivo; e una forte componente autolesionista.
Il mio terapeuta ha puntato di nuovo sul litio aumentandolo da 900 a 1200, motivo range troppo basso, da 0,51 a 0,54 massimo.
Vi chiedo, visto che ho forti sbalzi di umore, essendo da tre giorni reintrodotto il litio, quanto tempo, se un tempo standard c'è, occorrerà affinchè possa raggiungere un range che cominci a stabilizzare l'umore?
La mia tera pia è la seguente

Gabapentin 1200 (1 ore 8, 1 ore 14, 2 ore 22)
Carbonlithium 300 (1 ore 8, 1 ore 14, 2 ore 22)
Zeldox 200 (2 da 40mg dopo pranzo, 3 da 40 mg dopo cena)
Lamictal 100 (1 ore 8, 1 ore 14)
Rivotril gocce 15 x 3 (15 gocce ore 8, 15 ore 14, 15 ore 22)
CAUSA RICADUTA IN ABUSO DI ALCOOL:
Alcover flaconcini da 40 ml 3 al giorno (1 0re 12, 1 ore 17, 1 ore 22)
Antabuse 400 solubile (1 sciolta nell'acqua la mattina)*

*Alcover e Antabuse gestito e somministrato, in comune accordo e collaborazione con la mia clinica psichiatrica, da SERT dell'asl di competenza

Se aveste una risposta al mio quesito vi sarei grato.
Poi aggiungo, con l'antabuse devo controllare anche gli ingredienti di cio' che mangio e bevo? Ovvero basta la minima traccia d'alcool per dare gli effetti, tremendi, che ha se ne viene in contatto?

Grazie ancora in anticipo e cordiali saluti signori medici psichiatri

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gli effetti di uno stabilizzatore dell'umore si vedono bene a distanza di qualche mese, dipende anche da quanto spesso ha gli sbalzi, se li ha ogni giorno o una volte ogni tre mesi, quando è passato qualche ciclo si può avere idea se effettivamente lo stabilizzatore li previene o li attenua oppure no. Questo però lo giudica il suo medico, glielo chieda direttamente.

La domanda sull'antabuse mi sembra oziosa. L'effetto è proporzionale alla quantità di alcol e alla dose di antabuse. Inoltre "ricaduta" e "abuso" non vanno d'accordo: se è una cosa con ricadute, è alcolismo, e la terapia infatti è per alcolismo (alcover e antabuse).
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2]  
Dr. Santo Cerfeda

24% attività
0% attualità
12% socialità
()

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2002
Egregio signore

Il raggiungimento del range terapeutico del litio (normalmente tra 0,60 e 1,10 mEq/l) avviene in un periodo di tempo molto variabile da persona a persona, comunque raramente prima dei dieci giorni.
Vi sono numerosi fattori che incidono sul raggiungimento del range, e tra questi anche le condizioni del fegato e dei reni, dato che il litio è eliminato prevalentemente dall'emuntorio renale, e la tipologia degli altri farmaci assunti, ragion per cui non si possono fare previsioni certe.
Le raccomando di seguire con attenzione e precisione le indicazioni del suo psichiatra, e fare periodicamente i controlli ematici che le vengono prescritti anche per tenere sotto controllo il fegato anche perchè lei si dichiara alcolista ed assume l'antabuse.
La saluto cordialmente
Dottor Santo Cerfeda, Specialista in Psichiatria

[#3] dopo  
Utente 109XXX

Capisco e Vi ringrazio signori medici. Piccola aggiunta, prendo anche Nozinan 100 alle ore 22 per facilitare il sonno.
Specifico che era molto che non bevevo in maniera costante, per cui gli esami fatti al SERT, sono nella norma, funzioni epatiche incluse.
Dott. Pacini la mia paura e che se io mangiassi un cioccolatino non sapendo che vi è liquore ad esempio, corro rischi di effetti di alcool su antabuse? Spero di essere stato più chiaro su questo punto e aver fatto capire meglio la mia paura.
Cordiali saluti e ringraziamenti a voi dott. Pacini e dott. Cerfeda

[#4]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
"era molto che non bevevo in maniera costante". Non significa niente questo, la diagnosi di alcolismo presuppone la presenza costante di un regime terapeutico di prevenzione delle ricadute.

L'antabuse lo assume in maniera "obbligata" o da solo ?

L'alcover è efficace -a parità di dose- se la distribuzione è più spezzettata, in questo modo interagisce anche meno facilmente con le altre medicine. Di solito si usano almeno 4 somministrazioni nelle 24 ore, non nel senso che se ne aggiunge una, nel senso che la stessa dose totale delle 24 ore viene ripartita in 4 (fino a 6) volte anziché in 3.
A questo magari ci penserà il medico, non prenda ovviamente nessuna iniziativa su come assumere il farmaco.

Per quanto riguarda l'alcol, l'antabuse reagisce con l'alcol, dovunque sia.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it