Attacchi di panico e zoloft

Salve, sono una ragazza ho 23 anni e da anni ormai soffro di attacchi di panico. La settimana scorsa sono andata da uno psichiatra per la prima volta e mi ha prescritto alprazig, 5 gocce dopo colazione, 5 dopo pranzo e 5 dopo cena. Prima di andare a dormire in 1/4 di zoloft per 3 giorni, mezza compressa per 3 giorni ed infine la pastiglia intera (50 mg). E' da due giorni che la prendo intera e oggi sono agitatissima, tachicardia, ansia a non finire e nausea. Mi chiedo se tutto questo è normale e quanto dovrò aspettare perchè questi sintomi diminuiscano.. Vi ringrazio per l'attenzione
P.S E' possibile che lo zoloft faccia perdere peso?
[#1]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 35,3k 861 226
Gentile utente,

l'effetto antipanico si realizza in 4 settimane, e a dose mediamente superiore a quella che sta assumendo. Nelle prime settimane si può avere più ansia, è comune. Questo dipende dal fatto che il primo impatto del disturbo di panico con un tipo di farmaci come quello che sta assumendo non è ansiolitico, mentre l'effetto finale è di neutralizzare i fenomeni di panico. Nei primi giorni può avere nausea o inappetenza, e quindi mangiar di meno, effetto che nel tempo non tende a rimanere.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"

[#2]
dopo
Utente
Utente
Quindi l'agitazione è normale? la sensazione è la stessa di quando mi venne il primo attacco di panico.. agitazione, battiti irregolari, e come se non riuscissi a stare al mondo.. Grazie per la risposta, volevo chiederle un'ultima cosa, solitamente sono una persona che piange molto, a volte pure per delle sciocchezze. Può essere che lo zoloft in un certo senso "blocchi" le emozioni? Non so se sia una coincidenza ma da quando lo assumo mi viene praticamente impossibile piangere. Grazie
[#3]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 35,3k 861 226
Gentile utente,

che significa "è normale ?". Se lei soffre di panico, a distanza di pochi giorni non si prevede che sia passato.
L'effetto di inibizione delle emozioni è invece possibile, solitamente corrisponde ad un "blocco" delle emozioni indesiderate legate allo stato ansioso o depressivo, anche se alcune persone notano una generale riduzione della capacità di "commuoversi" o "stupirsi" anche in positivo, questo però va visto quando la cura è avviata.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio