Utente 210XXX
Salve
In un concorso per la guardia di finanza ho ricevuto un giudizio di inidoneità a causa della seguente motivazione: TRATTI DI PERSONALITà NON PERFETTAMENTE ARMONICI E SINTONICI. Vorrei sapere se si tratti di un giudizio derivante dal colloquio con lo psichiatra o da quello piu' ampio con lo psicologo. Inoltre abbiamo fatto 4 tipi di test e credo che soprattutto quelli abbiano avuto un ruolo determinante. Da quel che mi è parso di capire 2 erano di natura psichiatrica e altri 2 di natura psicologica. i test erano MMPI2 il minnesota insomma.... il SIGMA-3 se non ricordo male. Poi un test con le vignette da completare che rappresentavano situazioni possibili nella vita quotidiana ed un quarto test era 50 domande a cui rispondere SI e NO cerchiando e di cui non ricordo affatto il nome.
La mia domanda è: Cosa significa il giudizio espresso nei miei confronti? Come posso fare a capire se effettivamente mi posso riconoscere in quel tipo di tratti di personalità? E' presente una sintomologia a cui puo' farsi riferimento?

Ringrazio anticipatamente tutti i professionisti che vorranno apportare il proprio contributo

Cordialmente

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
lo deve chiedere a chi ha fatto tale diagnosi che e' al di fuori dei riferimenti specifici di codificazione.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#2]  
Dr. Giuseppe Nicolazzo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
8% attualità
16% socialità
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

il tratto di personalità, quando rigido e non adattativo, può determinare un disturbo di personalità che di per sè non è una vera e propria patologia, ma una condizione che a sua volta può sfociare in una franca patologia psichiatrica; quindi il tratto di personalità non definisce una malattia mentale( risposta ) ma il modo di essere di quel determinato soggetto che, a discrezione di una commissione medica, può o meno essere in grado di svolgere uno specifico lavoro,

Saluti
Dr G. Nicolazzo
Specialista in Psichiatria
Psicoterapeuta

[#3] dopo  
Utente 210XXX

Grazie per il vostro prezioso contributo.

Al dott. Ruggiero:
mi piacerebbe tanto poter chiedere spiegazioni a chi mi ha fatto tale diagnosi, ma purtroppo per i medici al concorso siamo degli oggetti... Tra l'altro nel provvedimento non c'è alcuna motivazione oltre al 'verdetto' e ci viene notificato da un membro medico-generale della commissione diverso quindi dallo specialista che ci ha visitato.
Che significa che tale diagnosi è al di fuori dei riferimenti specifici di codificazione? Mi scusi per la mia 'laicità'.

AL dott. Nicolazzo
Quando puo' definirsi rigido e non adattativo un tratto di personalità? Certo per arrivare a comportare un giudizio di inidoneità qualcosa che non va secondo loro ci deve pur essere...Nel provvedimento c'è scritto solo TRATTI DI PERSONALITà NON PERFETTAMENTE ARMONICI E SINTONICI e non ho ricevuto alcuna specificanè spiegazione da parte della commissione. Puo' essere abbiano ragione ed io non lo sappia, puo' essere che la loro prima diagnosi non corrisponda al vero. Ho visita di revisione ad Agosto. Sto pensando di farmi visitare da qualche specialista per valutare la opportunità di proporre ricorso innanzi al TAR del Lazio qualora dovessero confermarmi l'inidoneità per tali motivi.

Sentiti ringraziamenti

Cordialmente

[#4]  
Dr. Giuseppe Nicolazzo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
8% attualità
16% socialità
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

come le ho già detto quando un "tratto di personalità" diventa eccessivamente rigido e non adattivo si potrebbe rientrare teoricamente in un "disturbo di personalità" che è tutt' altra cosa e che con lei verosimilmente non ha nulla a che fare.

Su parere di un avvocato lei potrà fare i ricorsi eventualmente previsti nella fattispecie.

A mio parere forse non ha ben compreso che la visita collegiale a cui è stato sottoposto non è finalizzata alla valutazione del suo stato di salute mentale ma all'idoneità a svolgere particolari mansioni,

Saluti
Dr G. Nicolazzo
Specialista in Psichiatria
Psicoterapeuta

[#5] dopo  
Utente 210XXX

Ma come capire se sono "davvero" inidone a svolgere quelle determinate mansioni? Capirà bene dottore che quel giudizio è per me molto importante giacchè potrebbe veicolare la mia vita in una determinata direzione lavorativa. Ho passato le prove culturali con voti molto alti. Quelle parole sono pietre per me. Vorrei che mi aiutasse a capire se effettivamente dal punto di vista psichiatrico non sono portato a fare il maresciallo della finanza.

Grazie

[#6]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Le ribadisco che la valutazione diretta e' quella da cui scaturisce la valutazione.

Se ritiene di doversi appellare lo può fare nelle modalità previste.

Diversamente la valutazione non e' strettamente clinica e non e' quindi una valutazione sulla sua salute mentale.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139