Utente 560XXX
Buona sera
Volevo un consulto per mia moglie di 33 anni.
Circa sei anni fa , è stato messo a dura prova il nostro rapporto di coppia.
Superata quella fase, dopo 3 anni è nata nostra figlia, al quale mia moglie si è dedicata 24 ore su 24 ore, quasi annullandosi,
Ora la bimba va all' asilo e quindi piu tempo libero anche per lei.
Il problema che adesso sono quasi 4 mesi, che ha sbalzi di umore accentuati, con attacchi di ira.
Sia nei miei confronti, che nei confronti di parenti, (nel mio caso riaprendo la ferita di anni fa), sia con i parenti per cose futili.
Vede tutto nero, e niente gli da lo scossone per ripartire.
Inoltre gli attacchi di ira arrivano improvvisamente senza che ci sia un preavviso o una situazione particolare.
Un giorno , il problema sono io, un altro un parente e si continua cosi all'infinito.
di farsi visitare o parlare da uno psichiatra , nemmeno x idea, dice che sono inutili e non risolvono i problemi.

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Quale e' la sua domanda?
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 560XXX

La domanda era come posso aiutare mia moglie a superare questa fase e da che cosa possa dipendere.

[#3] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Se sua moglie non si fa visitare da uno psichiatra difficilmente può aiutarla.
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#4] dopo  
Dr. Gianmaria Benedetti

28% attività
4% attualità
16% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2008
Potrebbe proporle di fare dei colloqui come coppia (terapia di coppia/familiare), non soltanto come 'scusa' , ma perchè può darsi che fattori di coppia incidano nella situazione. Non è detto che Lei, marito, coinvolto ovviamente nella dinamica di coppia, se ne accorga.
Inoltre l'ipotesi che ci sia un problema di coppia, invece che individuale di sua moglie, è ovviamente meno accusatorio nei suoi confronti e potrebbe così mettersi meno sulla difensiva. L'aggressione nasce dalla paura, come è noto.
Cordialmente
drGBenedetti
Dr. Gianmaria Benedetti

http://neuropsic.altervista.org/drupal/

[#5] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

materialmente in cosa consistono questi attacchi d'ira ? Cosa fa ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 560XXX

Vede la vita tutta tinta di nero, mancanza di progetti, perdita di interesse su tutto.
Anche nei dialoghi con amici , il discorso è improntato a critiche e mai a qualcosa di positivo.
Gli scatti di ira , sono vere e proprie crisi di nervi, con insulti e toni di voce che lasciano trasparire odio e rabbia.
il vero problema che ha delle convinzioni che le porta avanti anche se molti cercano di farla ragionare.
Le crisi di nervi sono molto forti e una volta passate, lasciano spossatezza , senso di svenimento e a voltre un trascinamento delle parole.Le parole sono scandite male.
Una volta rilassata dopo circa 30 minuti tutto passa

[#7] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Le convinzioni di preciso cosa riguardano ? Sono genericamente degli atteggiamenti e delle letture critiche verso tutto e tutti, soprattutto persone vicine, o ha delle ostilità ben precise sulla base di torti che ritiene di aver subito o di subire ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#8] dopo  
Utente 560XXX

Sono atteggiamenti di ostilità verso persone vicine, sulla base di torti che lei ritiene subire, ma che sono il pretesto per attaccare.
Sulla base di queste ostilità iniziano gli attacchi di ira, torti che per altro dice di subire da quando era bambina

[#9] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Uno psichiatra dà un giudizio sulla natura del problema e sulla sua sussistenza in termini medici, cioè di disturbo. Questo è il primo passo in ogni caso per definire una situazione, non ci sono soluzioni particolari per ottenere un'adesione alla proposta di andare dallo psichiatra. L'andarci in due ha un senso, di solito questo crea un primo equivoco sul fatto che l'eventuale cura sia su richiesta dell'altro coniuge, ovvero che implicitamente lo psichiatra prenda le parti dell'altro sostenendo la necessità di una cura. Comunque lo psichiatra di solito gestisce questo tipo di obiezioni.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#10] dopo  
Utente 560XXX

Ieri siamo andati insieme da uno psichiatra, ci ha fatto esporre il problema ed ha preiscritto a mia moglie il Gabapentin e Sereupin.
Questi farmaci aiuteranno il comportamento di mia moglie?
Essendo scettica, avranno la stessa efficacia di chi è propositivo alla cura?
Potranno agire anche sui pensieri ripetitivi che mia moglie ha?

[#11] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Quale diagnosi è stata fatta alla base di questa scelta di cura ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#12] dopo  
Utente 560XXX

Una vera e propria diagnosi non è stata data, ma penso che sia legata a un disturbo comportamentale ossessivo compulsivo.
Dopo quanto tempo i farmaci iniziano a fare effetto?
Dopo due giorni di terapia, non vi è stato nessun cambiamento.
Inoltre, come questi farmaci aiutano ad eliminare delle ossessioni o pensieri negativi che uno fa?

[#13] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Il disturbo ossessivo compulsivo è una diagnosi, se è stata detta questa come diagnosi è chiara. Le medicine (se è un disturbo ossessivo) iniziano a fare effetto dopo circa un mese.
La domanda finale non è chiara: i farmaci non "aiutano", attenuano ed eliminano (nei casi migliori) le ossessioni.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#14] dopo  
Utente 560XXX

Buona sera dopo circa 8 mesi di cura 2 sereopin e 2+1 Gabapentin 100mg in cui mia moglie è rinata in tutti i sensi, comportamentali, perdita delle paure ecc.
Nell' ultimo mese è ricomparsa una irrascibilita nel comportamento.
Visitata dallo Psichiatra, gli è stata proposta una cura per 10 giorni di 2 sereopin, e 2+2 Gabapentin 100mg, se non si hanno effetti, vorrebbe sostituire il Gabapentin, con il Deniban.
Volevo chiedere la differenza tra i due farmaci, e il perchè la terapia precedente non ha continuato il suo effetto.

Grazie

[#15] dopo  
Utente 560XXX

Voglio aggiornare la situazione in attesa di una risposta su come sia possibile una quasi ricaduta pur continuando la terapia da 8 mesi. Lo Psichiatra ha dato questa nuova cura 2 sereopin, 2+2 gabapentin, 1 Deniban da 50 o in alternativa 1\4 di Solian da 200.

[#16] dopo  
Dr. Stefano Martellotti

36% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2012
Gentile Utente,
non è il caso di azzardare risposte semplicistiche in una sede come questa. Tuttavia, una delle prime cose che bisogna chiedersi in questi casi e se accanto ad elementi "endogeni", interni all'individuo, (inerenti, cioè, al decorso naturale del disturbo), non contribuiscano alla ricaduta fattori ambientali, vale a dire "spine irritative" legate a dinamiche relazionali. Non mi fraintenda, non vorrei risultare capzioso, ma ritengo possa essere riconsiderato l'invito del dr.Bendetti datato novembre 2011.
Dr. Stefano Martellotti
www.stefanomartellotti.com

[#17] dopo  
Utente 560XXX

Dott Martellotti, l'invito del dott Benedetti, è stato colto al volo, quando noi andiamo dallo Psichiatra lo facciamo sempre con sedute di coppia, e in questi 8 mesi, a detta dello Psichiatra, il problema è legato solo a fattori di comportamento di mia moglie. Sono questi disturbi di sbalzi di umore, piu che a spine irritattive che conseguono a far star male mia moglie. Infatti , molte volte è scoraggiata tanto da voler terminare la cura. dicendo che queste pastiglie non risolveranno mai i suoi problemi.
Poi volevo fare una domanda, le ricadute avvengono sempre nei mesi piu caldi, Questo puo incidere sulla terapia ?

[#18] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
In presenza di una terapia efficace la ricaduta non dovrebbe presentarsi o essere meno grave qualora si presenti.
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#19] dopo  
Utente 560XXX

Buon giorno dott Ruggiero, in effetti la ricaduta è molto piu lieve e meno brusca della precedente, meno aggressivita nel comportamento, solo questi sbalzi di umore che si alternano di giorno in giorno.e scatti di braccia e gambe, nel sonno ( contrazioni muscolari) Premetto che questo è stato anche un periodo stressante, con la mia rottura del tendine di achille e conseguente immobilismo x 60 giorni, in piu la bimba sempre malata al primo anno di asilo.
I miei post precedenti erano dovuti al fatto di chiedere informazioni su il Deniban, farmaco aggiunto alla precedente terapia.

[#20] dopo  
Dr. Stefano Martellotti

36% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2012
L'influenza del clima varia a seconda degli individui e deldisturbo da cui si è affetti. Ha avuto ulteriori delucidazioni dal curante di sua moglie in merito alla diagnosi?
Dr. Stefano Martellotti
www.stefanomartellotti.com

[#21] dopo  
Utente 560XXX

No nessuna delucidazione in particolare, definito da lui un disturbo ossessivo copulsivo alle prime visite, per poi definirlo un disturbo psicotico del comportamento dove i sintomi negativi prevalgono. A parte che lei è sempre stata molto insicura, dove le decisioni non sono mai state prese da lei in prima persona, ha paura di guidare, e queste paure le ha sempre nascoste in un atteggiamento aggressivo e scontroso.

[#22] dopo  
Dr. Stefano Martellotti

36% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2012
Sua moglie non sta assumendo una terapia usuale per un disturbo psicotico, ma l'importante è che le ricadute siano sempre più rare e che, con gli opportuni aggiustamenti di terapia, siano di minor durata e intensità.
Dr. Stefano Martellotti
www.stefanomartellotti.com

[#23] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Ritornando al problema iniziale, la diagnosi in questi otto mesi, e considerando anche l'andamento delle cure, è stata poi chiarita ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#24] dopo  
Utente 560XXX

No il nostro psichiatra non ha dato ulteriori informazioni riguardo la diagnosi.
Volevo chiedere un informazione, o consiglio.
Mia moglie inoltre fuma molto e ho provato in tutti i modi a cercare di limitare questo vizio, ma il mio psichiatra, dice che in questo momento questo problema è relativo e che un condizionamento, provocherebbe una reazione incontrollata.
Infatti le volte che lo faccio notare, è come se nascondesse questo vizio, e dice che la controllo.
Che fare? Puo essere giusta la condotta dello psichiatra?

[#25] dopo  
Utente 560XXX

Buonasera volevo chiedere una informazione, a distanza di 15 giorni dall' assunzione di solian 50g mia moglie è migliorata, però in questi giorni ha avuto un ciclo mestruale molto ridotto, 1 giorno e secrezioni sierose dal seno, come se la prolattina fosse alta.
Ho letto che questo farmaco puo alzare sensibilmente la prolattina, questo è vero?

[#26] dopo  
Dr. Stefano Martellotti

36% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2012
La prolattina dovrà essere certamente controllata. Non allarmatevi, però, se l'elevazione è di breve durata non ci sono importanti conseguenze.
Dr. Stefano Martellotti
www.stefanomartellotti.com

[#27] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
La cronologia dell'effetto del solian torna, anche la possibilità che aumentando la prolattina vi sia interferenza con il ciclo e stimolazione della produzinoe di latte o secreto simil-latte da parte del seno.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it