x

x

Genetica nella depressione e un figlio

Gentilissimi Dottori ho già provato a porre questa domanda nella sezione genetica,che mi sembrava più appropriata ,ma con nessuna risposta quindi mi rivolgo a voi.Saro' brevissimo anche se ovviamente racchiudere tutta una storia in 2 parole non è semplice.Ma ci proverò: mio nonno materno,sanissimo fino alla età di 77 anni si ammalò di depressione,credo maggiore da come me ne parla mia madre io ero troppo piccolo per ricordarmi.Dopo circa 1 anno si suicidò.I miei genitori sono sanissimi e non hanno problemi di alcun tipo tantomeno i depressione.Io ho 38 anni,mai avuto problemi fino ad1 anno fa,quando in seguito ad un paio di attacchi di panico sono caduto in una forma importante di depressione che purtroppo persiste tutt'oggi.Sono sposato da circa 1 anno e 4 mesi,e tra le tante cose che ,causa questa malattia,non sono riuscito e non riesco a dare a mia moglie non vorrei anche privarla della felicità di diventare mamma.Ovviamente mi pongo la domanda...dopo mio nonno,adesso me.....quanti rischi correrebbe il mio eventuale figlio di contrarre questa malattia così devastante??perche credetemi l'idea di ,seppur involontariamente,saperlo un giorno soffrire quel che sto soffrendo io mi invita a desistere dal metterlo al mondo.Con profonda stima in attesa di una risposta,grazie anticipatamente
[#1]
Dr. Vassilis Martiadis Psichiatra, Psicoterapeuta 7.1k 159 114
Gentile utente,
Non sono ancora completamente noti i meccanismi che predispongono alla tendenza alla aggregazione familiare della depressione. É certo che i geni coinvolti nella genesi della depressione sono molti e quindi, non é automatica la trasmissione da padre a figlio. Quello che si eredita é un rischio maggiore rispetto alla popolazione generale. Questo non significa che il rischio si tramuti in malattia, anche perché l'ambiente, inteso come eventi di vita, gioca un ruolo altrettanto importante. In definitiva, a mio parere, il fatto di soffrire di depressione non é motivo valido per desistere dall'avere un figlio.
Cordiali saluti

Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it