Utente 237XXX
Gentili Dottore,

assumo Olanzapina 5 mg dal 1 agosto 2012.

Ho effettuato due esami del sangue:

Il primo il 25/09/2012 con risultato la prolattina a 30,00

Il secondo il 20/02/2013 con risultato la prolattina a 78,00.


Oltre ad assumere Olanzapina,assumo Anafranil,Depakin,En.


Ho riferito dell'aumento della prolattina al mio curante,che però non ha dato peso eccessivo alla cosa dicendomi che potrà essere sostituito in futuro ma non ora.

Ma in me sorgono non poche preoccupazioni:volevo chiederVi se la prolattina continuerà ad aumentare cosa può accadere a causa di questo aumento.

Grazie a tutti Voi.

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Questo aumento della prolattina ha dato problemi ? Disfunzione sessuale, aumento di volume del seno etc ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 237XXX

Gentile Dottore,

precisando che sono un uomo ho notato solo un leggerissimo aumento del mio pettorale (un po' di ciccia in più,per chiarirci) ma niente di più.

Spero ora potrà risolvere il mio quesito,La ringrazio e La saluto.

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Il suo medico semplicemente non ritiene di sacrificare la cura attuale per una variazione di un parametro di laboratorio che di per sé non ha conseguenze evidenti nelle sue funzioni.

La cura così composta sembra quella di un disturbo bipolare. Dei tre l'aumento della prolattina può esser dato con più probabilità dall'olanzapina. Per capire se l'olanzapina sia o meno necessaria nella cura occorrerebbe partire dalla diagnosi e capire con che funzione è stata inserita, e a che dosaggi sono gli altri medicinali.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 237XXX

Gentile Dottore,non Le nascondo che ho i miei dubbi sullo psichiatra,ma non sulle sue capacità,ma su un fraintendimento che possa essere avvenuto tra noi due nel determinare una diagnosi.

Questo è uno psichiatra molto capace ed è zeppo di pazienti in tutta Italia -rende l'idea?-
tutto vanno da lui venendo da insuccessi ottenuti con altri dottori e nessuno se ne è mai pentito.

Io sono andato da uno psichiatra quando ho avuto un forte disturbo d'ansia generalizzata a causa di un problema personale. Allo psichiatra ho riferito anche di soffrire di DOC dall'età di 13 anni ma che il disturbo non mi aveva mai creato grandi fastidi.

Il Dottore mi prescrisse Anafranil 75 mg 2 volte al dì e depakin 300 chrono due volte al di. L'ansia finalmente scomparve quasi del tutto.

Siccome avevo intrapreso anche una cura psicoterapica -che ho poi concluso con successo- volevo riportare al mio psichiatra i risultati raggiunti e le considerazioni sul caso.Ma lui le definì seghe mentali di un ossessivo e decise di darmi anche l'olanzapina 5 mg una volta al dì.

Io ho sempre rinfacciato al Dottore di avermi dato l'Olanzapina convinto che i miei ragionamenti fossero invece rimuginazioni figlie del disturbo ossessivo.

Lui mi ha detto che l'olanzapina è uno stabilizzante dell'umore,che è un farmaco straordinario per il DOC che mi ha salvato dalle mie "rimuginazioni"

Quello che considero grave è che il dottore RITIENE L'OLANZAPINA IL FARMACO FAUTORE DELLA MIA RIPRESA,che ho assunto in concomitanza con la psicoterapia.Mentre io non ho dubbi che il merito è dello psicoterapeuta e del lavoro svolto.

Come può vedere sono totalmente in difficoltà e impaurito,lo psichiatra giura che finirò in una clinica se dovessi sospendere la cura,ma comunque ha detto che l'olanzapina potrebbe essere sostituita con il seroquel

[#5] dopo  
Utente 237XXX

Dottore La prego,se può rispondermi mi farebbe un grande piacere.

[#6]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Nessuno ha detto niente per criticare nessuno.

Ora si capisce meglio come è costruita la sua cura, ed in effetti ha un senso.

"Siccome avevo intrapreso anche una cura psicoterapica -che ho poi concluso con successo- volevo riportare al mio psichiatra i risultati raggiunti e le considerazioni sul caso.Ma lui le definì seghe mentali di un ossessivo e decise di darmi anche l'olanzapina 5 mg una volta al dì."

Detto così, più che altro viene da pensare che abbia giudicato questo entusiasmo per i risultati ricevuti anomalo ed eccessivo, e che non abbia invece riscontrato un equilibrio umorale o di pensiero, tanto che ha aggiunto l'olanzapina.

Se ritiene che l'olanzapina abbia funzionato nel farla star meglio è cosa certamente plausibile, non saprei sulla psicoterapia (di che tipo ?).

In ogni caso, la cura non è quella per un DOC "e basta", sembra più quella per un DOC concomitante ad un disturbo bipolare.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#7] dopo  
Utente 237XXX

Gentile Dottore,
grazie mille per il tempo che mi sta dedicando.

La psicoterapia seguita è stata quella strategica ed ha funzionato -dopo il fallimento con la TCC-

Mi piacerebbe che mi consigliasse cosa rispondere al mio psichiatra,perché la cura non è assolutamente per un disturbo bipolare -mai avuto problemi di depressione figuriamoci quella bipolare-

Distinti saluti

[#8]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

La cura comprende tre medicinali, di cui due indicati solitamente per il disturbo bipolare (non ho parlato di depressione). Anche una cura per und isturbo ossessivo resistente potrebbe corrispondere a questo schema, però appunto in genere questi abbinamenti si fanno e funzionano quando c'è una coesistenza di un disturbo del tipo bipolare con il disturbo ossessivo.
La terapia breve strategica può aver dato beneficio, fatto sta che però il suo psichiatra quando l'ha visitata non deve aver giudicato che stesse bene, altrimenti se fosse nettamente migliorato non avrebbe addirittura aggiunto un nuovo medicinale.
Si fidi del suo psichiatra.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it