x

x

Paura inconscia

Buona sera gentili dottori, ho già fatto ricorso al vostro sito, ho dismesso lo Ziprexa "dietro parere medico" attualmente prendo Zarelis75mg paroxetina 10mg, e siccome il Minias 2mg non mi faceva granchè, lo psichiatra mi ha introdotto tritticoo 60mg/ml 10 gc insieme al Minias, ho dormito meglio, un pò più riposante come sonno, ma alle 3 di mattina mi sono svegliata nonostante avessi tantissimo sonno, dopo un'oretta circa mi sono riaddormentata fino alle 7, ma ero veramente scutami il termine rincoglionita, avevo degli arretrati di sonno di un mese da recuperare, se non chè verso le 8 e 30 mi sono rimessa a dormire fino alle 11, ma era comunque un sonno vigile, la domanda è questa, io non presento sintomi psicotici diurni o comportamenti che facciano pensare alla diagnosi fattami 15 anni fa al servizio pubblico, nel quale fui ricoverata con una crisi dissociativa grave a causa di pratiche mentali fatte con delle persone, una volta dimessa la diagnosi fu disturbo di personalità borderline, e x 15 anni ho preso l'olanzapina, ora mi accorgo che sono piena di paure che mi provocano un'ansia pazzesca e uno stato ipervigile durante la notte soprattutto, il giorno riesco a mascherarlo meglio fra il lavoro e la vita che comunque scorre, con il mio psichiatra non riesco a comunicare abbastanza, addirittura ora mi ha detto di rivedersi fra tre mesi, ma di chiamarlo fra 20 giorni per sapere come sto, non sarà che io, di questo maledetto Ziprexa, " che mi dava senso di morte nell'animo" non possa farne a meno? tornerò mai a dormire normalmente? premetto che ho vissuto in un ambiente molto malato, e ho vissuto dei traumi che non si possono neanche raccontare, scusate la mia insistenza ma sono davvero disperata, grazie un cordiale saluto.
[#1]
Attivo dal 2020 al 2022
Psichiatra, Medico di medicina generale, Perfezionato in medicine non convenzionali, Psicoterapeuta, Sessuologo
Gentile utente,
se la combinazione terapeutica che sta attualmente assumendo non sta dando i risultati sperati può essere ulteriormente modificata senza necessariamente dover ricorrere allo Zyprexa,se quest'ultimo le causava una serie di sensazioni non gradite.
La consiglierei di contattare il suo Psichiatra curante,anche prima dei tempi concordati,in maniera tale da renderlo edotto di quanto le sta accadendo.permettendogli così di effettuare gli eventuali aggiustamenti che riterrà opportuni.
Cordiali saluti
Piergiorgio Biondani
[#2]
dopo
Attivo dal 2013 al 2020
Ex utente
La ringrazio infinitamente dottore, purtroppo non potrò contattarlo prima di lunedì perchè parto per Londra dove abita mia figlia, spero solo di poter passare una buona vacanza con lei senza problemi, grazie di nuovo, cordiali saluti.