Utente
Il problema è nato con un forte dolore al collo ed alla schiena; spesso si "addormentavano" gli arti inferiori impedendomi di deambulare. Stando a riposo dopo 7, 8 h pian piano riprendevo a gestirli, anche se la forza dopo ogni “blocco” diminuiva. Arti inferiori e superiori insensibili alla temperatura ed al tatto. I primi sintomi sono comparsi due anni fa dopo trauma al collo da caduta. Oltre agli esami ho avuto consulti da neurochirurgo, neurologi vari , fisiatra, psichiatra senza però ad ora ricevere una diagnosi o cura. La situazione sta degenerando ed ora da un mese sono su una carrozzella in quanto non riesco più a muovere le gambe. Ora dopo palleggio fra neurologi e neurochirurgi si parla di malattia funzionale ma senza risoluzione. Devo accettare di non camminare più senza motivo? Purtroppo non vedo soluzione. Grazie per l'aiuto.

- Fisiatra. Alla valutazione romberg positivo con marcate oscillazioni ad OO chiusi, no tandem, no appoggio monopodale, no passo sulle punte, difficoltà sui talloni, alla valutazione segmentaria ipoevocabili RCP, ipoeccitabili ROT AAII, tono muscolare ridotto alla mobilizzazione degli AAII, deambulazione con stampelle. Alla TT incompleta dorsiflesione TT bilateralmente (forza 2) , plantiflessione forza 3, quadricipite forza 3/4, flessori dell’anca forza 3, flessori dl ginocchio forza ¾. Agli AASS ipostenia diffusa sia a livello prossimale che distale. Rachide cervicale molto limitato, per il dolore in tutti i movimenti, dolore su tutte le spinose, sui paravertebrali e trapezi. Manovra di valsava negativo.

- EMG: Ha messo in evidenza segni di sofferenza neurogena a carico del 1° interosseo dorsale dx, deltoide, est breve delle dita sx. Vaso mediale bilaterale; nella norma è l’esame del mediano e dell’ulnare - Radicolopatia C8-T1 dx, C5-C6, L5-S1 SX, L2-L3 bilaterale.

- RMN Cervicale: Il diametro del grande forame è nei limiti della norma. Si nota lieve retroflessione del dente dell’epistrofeo; normale morfologia e segnale dei corpi vertebrali cervicali e dei dischi intersomatici.
C5-C6: protrusione discale posteriore paramediana sn con compressione radicolare in corrispondenza del recesso laterale e preforaminale dal lato sinistro.
C6-C7: protrusione discale posteriore mediana con impronta radicolare in corrispondenza dei recessi laterali, maggiormente dal lato sinistro.
A restanti i livelli cervicali non vi sono protrusioni ne ernie discali, non compressione mieloradicolare. Il diametro del canale vertebrale cervicale rientra nella norma.
Normale morfologia e segnale del parenchima midollare cervicale.

RMN Dorsale: Osteosclerosi delle limitanti somatiche dei corpi vertebrali D8-D9 e D9-D10 associata a minima degenerazione fibrovascolare della spongiosa in prossimità della porzione anteriore delle limitanti somatiche.
Normale morfologia e segnale dei restanti corpi vertebrali. A tutti i livelli dorsali non vi sono protrusioni né ernie discali. Non compressioni mieloradicolari.

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
[#2] dopo  
Utente
Perché ormai è da mesi che vi è un palleggio fra neurologi vari e neurochirurgi e non sapendo risolvere il problema, ora mi è stato consigliata visita neuropsichiatrica per verificare se il problema è di tipo "funzionale".........
Ho forti dolori al collo, non muovo più le gambe, non ho più sensibilità agli arti ma dagli esami, tranne l'EMG, non risultano grossi problemi fisici.
Cordiali Saluti

[#3]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Funzionale ha un altro tipo di significato.

il fatto che l'elettromiografia segnali una problematica non implica che il problema possa essere di tipo psicologico.
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

https://wa.me/3908251881139

[#4] dopo  
Utente
Grazie della risposta Dottore.
Non ho mai sofferto (almeno penso) di disturbi psicologici, avevo prima della malattia una vita normale senza problemi. Ora non riuscendo a trovare una soluzione dal punto di vista medico, mi è stata prospettata da più neurologi questa soluzione (visita psichiatrica) e prima di accettare una vita su una sedia a rotelle senza motivo avevo pensato di soddisfare i vari medici che vorrebbero percorrere questa strada, anche se non ne sono convinta.