Utente 335XXX
salve a tutti, dopo molte visite per problemi di vertigini persistenti, nausea,dolori allo stomaco, mal di testa,mal di pancia, insonnia,forte debolezza, e irritabilità il mio neurologo crede che sia un disturbo d ansia e stress a portarmi tutti questi sintomi, mi ha prescritto venlafaxine la dose piu bassa, leggendo in giro e chiedendo informazioni mi anno detto che questo farmaco puo indurre il suicidio in molti casi, o un po di paura a prenderla perche non ho mai pensato di suicidarmi e manco mi e passato per la mente, e per curare i miei disturbi non vorrei un prezzo cosi alto, e vera questa cosa?secondo voi puo essere veramente l ansia e lo stress a dare tutti questi sintomi ,grazie molte a tutti

[#1]  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Il rischio di suicidio in pazienti che iniziano terapie di questo tipo é riportato nelle avvertenze ma non é così frequente come si possa pensare, soprattutto in persone che non manifestano questo rischio prima di iniziare la terapia. Ad ogni modo lo specialista valuta attentamente questa possibilità prima di iniziare la terapia. A questo proposito il suo specialista di fiducia potrà senz'altro tranquillizzarla. Non esiti a parlarne.
Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#2] dopo  
Utente 335XXX

Salve e grazie dell interesse, il neurologo non mi ha mandato ne da uno psichiatra ne da uno psicologo e mi a solo dato questo farmaco, e lui mi ha detto che puo capitare , e mi sono preoccupato per questo motivo e non poco, ma veramenre l ansia, lo stress e la depressione possono portare tutti i sintomi che o elencato prima? Che lei sappia e gia successo che un paziente che prima non aveva mai pensato di suicidarsi poi lo abbia fatto? E come mai questo farmaco lo provoca? Grazie molte della sua disponibilita, pultroppo il mio neurologo solo per parlarci ce sempre come minimo 20 giorni prima di avere un appuntamento

[#3]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
I disturbi che ha elencato possono essere dovuti all'ansia e allo stress. Lo specialista da consultare a questo punto è lo psichiatra, dato che il neurologo ha escluso cause organiche.
La terapia una volta iniziata va seguita dallo specialista, con controlli regolari, all'inizio più frequenti, ogni 10-15 giorni, perché il dosaggio va regolato a seconda di quello che riferisce il paziente. Un dosaggio basso rischia di essere inefficace.
Per il suicidio le ha già risposto il collega.
Il mio consiglio è di consultare uno psichiatra, libero professionista o dell'asl, per una diagnosi precisa e per decidere se iniziare una terapia farmacologica, che nel suo caso sarebbe indicata, da sola o insieme a una psicoterapia per imparare a gestire lo stress.
Se cerca informazioni mediche on line troverà tutto e il contrario di tutto, perde tempo e le aumenta l'ansia.
Franca Scapellato

[#4]  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Condividendo appieno quanto scritto dalla Collega, confermo che lo specialista competente per questo tipo di disturbi é lo psichiatra e non il neurologo.
Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#5] dopo  
Utente 335XXX

Grazie mille delle risposte, domani vado dal mio medico curante per farmi fare una visita psichiatrica , un ultima cosa assumo a volte valpinax che mi a dato il gastroenterologo per lo stomaco e la pancia 10 gocce prima dei pasti, puo dare effetti collaterali con la venlafaxine o non succede nulla, grazie molte per le risposte a volte e dura accettare che non e un problema fisico ma solo mentale anche se le sensazioni e i sintomi che ho fanno pensare a malattie organiche , il mio timore piu grande era quello del suicidio ma da quanto ho capito e per chi gia prima della terapia lo pensava o provato a farlo, ma tutti gli antidepressivi lo fanno ho piu questo?spero di trovare posto presto dallo specialista, voi mi consigliate di prenderlo gia questa medicina o di aspettare il pare dello specialista ? Il medico mi ha detto di prenderlo ma se e meglio asperrate il parere dello psichiatra non lo prendo e per ancora un po mi terro i sintomi , come medicinale e buono per iniziare o no? Grazie molte della disponibilita e delle veloci risposte

[#6] dopo  
Utente 335XXX

sono stato dal medico e ho la visita tra 23 giorni essendo che non cera posto prima, secondo voi e meglio iniziare la terapia datami dal neurologo o aspettare? il valpinax puo dare problemi se lo assumo assieme alla venlafaxine o altri psicofarmaci o la devo smettere,grazie

[#7]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Secondo le linee guida di Medicitalia non possiamo prescrivere una terapia perché non visitiamo le persone, e anche dire se assumere o meno un farmaco è un'indicazione terapeutica.
Il valpinax contiene una benzodiazepina e potrebbe aumentare un poco gli effetti sedativi della venlafaxina, ma non è una controindicazione assoluta, bisogna ricordarsene se per es si deve guidare l'automobile nelle ore immediatamente successive.
Franca Scapellato

[#8] dopo  
Utente 335XXX

salve e da 2 giorni che assumo venlafaxina da 37,5 e o forti dolori allo stomaco con nausea e pochisima fame, e una cosa transitoria che passa oppure la devo sospendere,il male allo stomaco e la nausea durano tutto il giorno,e mi sento a pezzi, grazie

[#9]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Lamentava già nausea e dolori di stomaco prima di assumere il farmaco. Se questi sintomi sono diversi da quelli che aveva prima senta il medico che ha fatto la prescrizione, se sono uguali la venlafaxina non c'entra, e i disturbi si ridurranno quando fra qualche settimana l'antidepressivo comincerà a funzionare.
Franca Scapellato

[#10] dopo  
Utente 335XXX

Grazie della veloce risposta, no prima avevo poco mal di stomaco ma da quando o preso il farmaco e aumentato di 10 volte ed e comparsa la nausea e una strana stanchezza e di notte dormo malissimo , nle assumo alla sera dopo mangiato, il dottore a detto che sono effetti che di solito spariscono poi dopo un po, secondo lei e normale tutto questo mal di stomaco, nausea, e forte stanchezza all inizio della terapia? E poi dovredde passare, sono a pezzi stavo gia male prima ma ora e peggio ma mi anno detto di continuare lostesso e che tra un po dovrei stare meglio

[#11]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
E' normale che nei primi giorni i disturbi si accentuino, ha ragione il suo dottore, poi passano. 37,5 è una dose iniziale, è probabile che quando starà meglio il suo medico la aumenti, ma non starà più così male.
Franca Scapellato

[#12] dopo  
Utente 335XXX

Grazie mille dottoressa, si mi ha detto che tra 15 giornini passero alla dose doppia , di solito in quanti giorni passano questi effetti collaterali e dopo quanti giornin ci si deve preoccupare se non passano? Grazie molte della sua disponibilita

[#13]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Gli effetti si attenuano poco per volta, se riuscisse a distrarsi facendo qualcosa che le piace ci penserebbe meno e li sentirebbe meno.
Franca Scapellato

[#14] dopo  
Utente 335XXX

grazie molte dottoressa, ho una domanda essendo che e molto gentile. cosa cambia venlafaxina a rilascio prolungato o a rilascio immediato? sul foglio che mi ha dato il medico ce solo scritto di assumere venlafaxina e non se immediato o no, in farmacia mi anno dato la venlafaxina da 37,5 doc generici rilascio prolungato che e il generico oppure cera il efexor ma mi anno detto che e la stessa cosa e ho preso il doc generico, cambia o sono realmente uguali, e meglio a rilascio prolungato o immediato secondo lei? e in che modo agiscono ? grazie molte

[#15]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
La compressa a rilascio prolungato assicura una concentrazione più stabile del principio attivo, mentre in quella "normale" si ha un picco e poi una discesa. Dato che al momento assume una sola compressa al giorno è meglio la versione a rilascio prolungato.
Per quanto riguarda il discorso generico la concentrazione di farmaco in teoria è uguale, però c'è una certa tolleranza di principio attivo in più o in meno, quindi il consiglio, che vale per tutti i generici, è: si usino pure, però se si è cominciato con una certa ditta meglio continuare con la stessa e non cambiare ogni volta, così si è più sicuri che la dose del farmaco sia sempre la stessa..
Franca Scapellato

[#16] dopo  
Utente 335XXX

grazie molte, quindi d ora in poi e meglio che prendo sempre venlfaxina doc generici a rilascio prolungato per non avere problemi giusto? o notato che da quando la prendo dormo malissimo e continuo a risvegliarmi e di giorno sono a pezzi ,la pillola la prendo alla sera dopo mangiato , magari e anche il caldo, posso assumere qualche tipo di integratore alimentare tipo multivitaminico oppure di sodio e potassio o con queste pillole e sconsigliato? tra 10 giorni dovrei iniziare la dose doppia che mi hanno detto di prendere 2 pastiglie da 37,5 la sera o e meglio una mattina o una alla sera? grazie mille

[#17]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Gli integratori non interferiscono, non ci sono problemi. Riferisca al suo medico il disturbo del sonno, così si potrà regolare sull'orario di somministrazione.
Franca Scapellato