Utente 383XXX
Gent. mi Dottori,
esattamente due anni fa, mi è stata diagnosticata una sindrome delirante, da cui sono rinsavita grazie ad una cura farmacologica iniziale di Risperdal (2mg) e Olanzapina (10mg). Contemporaneamente alla cura sono sprofondata in una profonda crisi depressiva (probabilmente la depressione era già presente) e il medico me l’ha cambiata, eliminando l’Olanzapina e aggiungendomi Fluoxetina (40mg). Attualmente, e costantemente da due anni, prendo 1mg di Risperdal e 40mg di Fluoxetina al giorno e seguo una terapia psicologica. Tuttavia, la psichiatra del CIM presso la quale sono in cura, non vuole che diminuisca le dosi. Io credo di stare bene, e a tal proposito volevo cercare di fare a meno dei farmaci, anche perché sono ingrassata di 10 kg e non mi riconosco più, anche caratterialmente (sono meno sensibile ed emotiva). Ma la mia domanda è: sono da considerarmi ancora “malata” nonostante abbia preso coscienza dei miei deliri? Cioè, l’accezione del termine “sindrome delirante” è sempre “cronica”? Facendo a meno dei farmaci, posso sprofondare nuovamente in quell’incubo? Inoltre, dato che soffro anche di una trombocitemia essenziale, mi è stata concessa un’invalidità civile del 100%, e sarò nuovamente chiamata a visita a febbraio dell’anno prossimo. Pensate che me la confermeranno? Vi ringrazio anticipatamente.

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
La presenza di un disturbo di tipo delirante può portare a delle remissioni sintomatologiche totali qualora tale condizione sia valutabile come episodio delirante.

E' probabile che la sua psichiatra abbia considerato nel suo caso l'impossibilità alla sospensione, sebbene è da chiarire che i dosaggi di antipsicotico potrebbero non essere sufficienti per la scomparsa di eventuali sintomi deliranti presenti.

Per l'invalidità deve guardare sul verbale le patologie che sono state inserite.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#2] dopo  
Utente 383XXX

La ringrazio della risposta Dottore. Dimenticavo di scrivere che ho quasi 42 anni. Attualmente non ho sintomi deliranti e proprio per questo vorrei fare a meno dei farmaci. La diagnosi dello psichiatra che mi ha avuto in cura è stata di sindrome delirante (senza la definizione "cronica") e non so se è da considerare solo un episodio, in quanto ha avuto un esordio insidioso per poi maturare nell'arco di diversi mesi in un tipo di delirio misto, tra il persecutorio, l'erotomanico e di grandezza (ero anche convinta di avere dei poteri soprannaturali) e avevo idea di suicidarmi in seguito a tutte le mie convinzioni . La mia domanda è, come si fa a fare una diagnosi precisa? Come faccio a sapere se si è trattato di un solo episodio o se rischio, anche a distanza di due anni, una ricaduta? Può, un dosaggio minimo di Risperidone, ovviare a questo o posso farne benissimo a meno?

[#3] dopo  
Utente 383XXX

Dimenticavo: per l'invalidità, la diagnosi del verbale è "sindrome delirante in trattamento. Trombocitemia essenziale in follow-up". La ringrazio ancora dott.Ruggiero.

[#4]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
[#5] dopo  
Utente 383XXX

Gent.li Dottori, ultimamente ho eseguito un test sulla personalità su richiesta del mio medico curante e, dopo quasi due anni di terapia, non sembro essere molto migliorata. Tendenzialmente sono depressa, diffidente, ho bassa autostima con un equilibrio emotivo alquanto compromesso e tendenze alla fantasticheria autistica. Ultimamente poi, mi stanno succedendo cose strane, coincidenze e fenomeni che mi stanno allarmando particolarmente e ai quali cerco di non prestare molta attenzione per non ricadere nel vortice dei deliri. Tutto ciò, è preoccupante? La psichiatra sostiene di dovermi aumentare la dose di risperdal nel caso questi pensieri dovessero ossessionarmi ulteriormente, ma io sento di tenerli sotto controllo e mi sento molto meglio rispetto a aue anni fa, sono socievole e abbastanza attiva... è possibile una ricaduta a distanza di due anni e con terapia? Le ricordo che attualmente prendo al giorno 1mg di Risperdal e Fluoxetina (da20mg per due volte al dì). Secondo lei la malattia è cronica?

[#6]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
1 solo mg di risperdal può non essere sufficiente per il trattamento dei suoi disturbi.

In teoria i sintomi che lamenta possono essere fenomeno psicotico e andrebbero trattate con dosaggi terapeutici adeguati.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#7] dopo  
Utente 383XXX

La ringrazio, Dottore. Ma lei pensa che il disturbo sia cronico? E i sintomi che avverto potrebbero appartenere a qualche altro disturbo psicotico che non sia quello delirante?

[#8]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Questo non è possibile definirlo in rete. È possibile che i suoi curanti siano in grado di risponde esaustivamente e di gestire la terapia anche in virtù delle variazioni di sintomi che possono presentarsi di volta in volta.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139