x

x

Sono disperata, non so più cosa fare

Salve.
Sono una ragazza di 22 anni e sono in cura con antidepressivi da quando ne avevo 17.
Ho iniziato a soffrire di DOC da relazione e DOC omosessuale (per un breve periodo) da Luglio 2015.
Sono stata in cura da un primo psichiatra che mi ha prescritto inizialmente 20 gocce di Entact, mezza pastiglia di Olanzapina da 5 mg (aumentata poi a 3/4) e 24 gocce al giorno di Delorazepam. Per quattro mesi sono stata bene, ritornando ad avere pensieri ossessivi ogni volta che provavo a calare l'ansiolitico.
Poichè non riuscivo a togliere l'ansiolitico e avevo ricominciato ad avere i pensieri, lo psichiatra ha pensato che l'antidepressivo non fosse adatto e ha sostituito l'Entact con la Sertralina.
Ho man mano scalato l'Entact e aumentato la Sertralina, fino ad arrivare a 100 mg. Tuttavia non ho più trovato la serenità. I pensieri continuavano ad essere forti e presenti. Da qui l'aumento a 125 mg che, anziché farmi stare meglio, ha portato ad un peggioramento dei sintomi. Ho avuto due episodi di crisi dissociative e sono finita in Pronto Soccorso. Il medico ha considerato il peggioramento un possibile effetto transitorio dovuto all'aumento della cura. Dopo gli episodi dissociativi l'ansiolitico è stato aumentato a 15 gocce tre volte al giorno. I pensieri continuavano ad esserci, avevo depersonalizzazione e derealizzazione sempre presenti e lo psichiatra ha consigliato di aumentare le gocce a 18 tre volte al giorno.
Visto che con il primo psichiatra non ero riuscita a stare meglio dopo 9 mesi, ho deciso di rivolgermi ad un secondo psichiatra.
Quest'ultimo ha consigliato di aumentare la Sertralina fino a 200 mg e di scalare gradualmente l'Olanzapina (secondo lui poco indicata), mantenendo le gocce di ansiolitico.
Con il nuovo aumento del farmaco da 125mg a 150 mg ho avuto un nuovo peggioramento con crisi dissociative, pensieri ossessivi forti, umore sotto terra e giornate passate a piangere senza voglia di far niente. La situazione è leggermente migliorata dopo qualche giorno.
Attualmente è l'ottavo giorno che prendo 150 mg di Sertralina e la situazione è la seguente:
ho depersonalizzazione e derealizzazione costanti, razionalmente so chi sono i miei familiari, ma è come se non li conoscessi, vivo in casa mia e mi sembra un luogo sconosciuto; i pensieri rimangono anche se leggermente meno forti; non provo più alcun tipo di emozione, mi sento come apatica e sedata; non ho voglia di far niente e passerei le giornate a dormire; sono perennemente stanca e svogliata.
Mi è venuto il dubbio che io stia assumendo una dose eccessiva di ansiolitico (45 gocce al giorno) che mi porta a sentirmi come un robot.
La diminuzione può darmi qualche beneficio?
Oppure è solo una dose transitoria che devo sopportare mentre il farmaco fa effetto?
E' meglio aumentare l'ansiolitico e tenere l'Olanzapina oppure aumentare la Sertralina e togliere l'Olanzapina?
Attendo consigli perchè mi sento davvero demoralizzata e non so più cosa fare e a chi credere.
[#1]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 36,8k 873 56
Non è possibile stabilire una variazione posologica on line.

Se nutre dei dubbi sul nuovo parere ricevuto può liberamente sentire il parere clinico di un altro psichiatra.

Dr. F. S. Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it


https://wa.me/3908251881139
https://swite.com/psychiatrist72

Sai proteggerti dal sole? Partecipa al nostro sondaggio