Utente 417XXX
Salve, qualche volta mi succede di sentire i miei pensieri che viaggiano piu veloci del solito, e anche io in quei momenti sento che va tutto piu veloce, come se qualcuno avesse premuto un tasto per mandare avanti un film.
Non so a cosa è legato, in quei momenti non mi sembra di essere piu ansioso o depresso del solito.
E' una cosa normale o devo parlarne con un dottore?

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Può darsi che abbia la tendenza a controllarsi in maniera allarmata.
Se poi questo accade in una situazione in cui fa uso di sostanze (tipo cannabis), allora il discorso è diverso.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 417XXX

Preciso che io non ho mai fatto uso di sostanze e non bevo alcolici e non fumo.
Non ho ben capito, cosa intende con controllarsi in maniera allarmata?
Se posso aggiungere una cosa: a volte mi sembra di avere pensieri non miei in testa, capita con piú frequenza la notte e la mattina appena sveglio , la notte si aggiungono anche delle immagini a volte (cose strane che non avevano nulla a che fare con quello che avevo visto durante il giorno, non sono allucinazioni ma immagini sotto forma di pensiero), io non credo di essere io a pensarle queste cose, la prova è che a volte sono in contemporanea con cose che sto pensando veramente e si sovrappongono ai miei pensieri, e talvolta mi fanno dimenticare quello che pensavo.
Io mi sono detto: sarà la testa che rimette in ordine le idee? Boh...
Per esempio una notte settimana scorsa quei pensieri sono stati tantissimi e mi hanno fatto dormire pochissimo ma mi sono svegliato piu in forma del solito, sembra che piu dormo piu la mattina faccio fatica ad alzarmi dal letto.

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Intendo che sta attento alle sue funzioni mentali ricavandone dubbi e preoccupazioni, con autovalutazioni che mai le restituiranno come impressione "non è niente".
Questo part di intuire, e anche il resto dei fenomeni che descrive potrebbero appartenere alla stessa matrice, cioè "ossessiva".
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 417XXX

OK grazie dottore,
Ho un altro dubbio, ho preso per quasi 2 mesi risperdal 2 mg
per problemi di ansia, la psichiatra mi aveva consigliato di continuare però non mi aiutava quindi ho smesso, quando lo prendevo ho avuto 3 volte delle allucinazioni visive della durata da 1 a 4 secondi, non vedevo più quello che era presente intorno a me ma altre cose, prima non era mai successo... il farmaco può dare allucinazioni?
Mi sembra strano perchè è un antipsicotico che dovrebbe proprio eliminare quelle cose, giusto?
ora vi faccio un esempio, ero al semaforo ed era rosso, all'improvviso vedo l'immagine di un semaforo verde, infatti stavo per attraversare, per fortuna è durata un secondo poi è sparita e ho visto che in realtà era ancora rosso.

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Quindi partiamo già da una diagnosi fatta con terapia provata, e quale era la diagnosi ?

Che mentre prendeva il risperdal abbia avuto della allucinazioni che prima non aveva avuto mi pare strano.

Ripeto, il meccanismo che si intuisce da questi fenomeni che riporta è che controlli in maniera ansiosa e allarmata degli elementi (le sue percezioni), con conseguente confusione anche terminologica poi nel riportare cosa non va.

Se io mi preoccupo del fatto di aver fatto un movimento invece di un altro, cosa che probabilmente capita spesso, potrei esprimermi dicendo di aver problemi di coordinazione.

Partiamo dalla diagnosi. Qual'era ?

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 417XXX

Non ha fatto una diagnosi, ha detto che il farmaco serviva a diminuire il livello di ansia che provo quando sono in mezzo alla gente, infatti quando sono fuori di casa o con qualcuno che non conosco sento una grande inibizione.
Scusi se non mi sono spiegato bene, non so se si possono chiamare allucinazioni, ma io vedevo cose che non c'erano, in due casi mi sembrava di trovarmi in un altro luogo in quei momenti.

[#7]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Il farmaco serve ad altro, e la diagnosi va fatta. Io chiedere un secondo parere.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#8] dopo  
Utente 417XXX

Lo so che il farmaco non è proprio indicato per quello, io alla psichiatra avevo detto che quando sono fuori mi sento osservato e a volte penso che le persone parlino di me, forse me l'ha dato per questo...
Puó essere che abbia fatto una diagnosi ma non abbia voluto dirmi cosa ho? O magari deve ancora inquadrare il problema.
Delle volte ho sentito delle voci di persone che erano vicino a me, ma poi mi sono girato verso di loro e non stavano parlando, mi ero messo a pensare che riuscivo a sentire i pensieri che facevano su di me, una volta ho anche creduto che Satana mi stesse parlando (io non sono religioso) perchè sentivo una voce demoniaca, in pratica diceva quello che volevo io, ero io a comandarla, ma non era un pensiero, la sentivo davvero!
Io queste cose alla psichiatra non le ho dette peró.

[#9]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Può darsi che abbia giudicato quel tipo di fenomeni un delirio e le abbia appunto dato un farmaco per questo. Può darsi che abbia avuto delle allucinazioni. Lei dice di averle avute solo dopo la cura, e quelle che ha appena riferito però non sembra metterle in conto...
Il punto è però stabilire se con quella cura era migliorato o meno, tutto qui. Poi se sono presenti ancora sintomi d'ansia si può ragionare come migliorarli.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#10] dopo  
Utente 417XXX

" Lei dice di averle avute solo dopo la cura, e quelle che ha appena riferito però non sembra metterle in conto "

Le allucinazioni visive non le ho avute dopo la cura ma DURANTE (solo quando prendevo risperdal , non quando l'ho smesso, magari le sembra strano ma è così).
Le voci invece le ho avute prima e dopo la cura.
Comunque queste voci le sento raramente (per esempio l'ultima è stata un mese fa ,è stato un commento molto breve su di me, di pena ).

Grazie mille per le risposte dottore
Molto gentile

[#11]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

E le voci non sono allucinazioni ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#12] dopo  
Utente 417XXX

Sisí! Ma io intendevo che è strano che ho avuto quelle "visioni" quando prendevo il farmaco, mentre prima di prenderlo e dopo averlo smesso non le ho avute. Non so se mi sono spiegato.
Le allucinazioni uditive (voci) quando prendevo il farmaco non mi sembrava di averle, poi ripeto che accadono di rado
Capisce ora cosa volevo dire?

[#13] dopo  
Utente 417XXX

Secondo lei devo riprendere risperdal?
Non dormo certe notti per dei pensieri intrusivi , da 4 anni mia mamma è morta e la sento di notte penso che è lei che mi mette quei pensieri in testa e mi faccio fantasie che riesco a parlare con lei telepaticamente in relatà sono sempee io che rispondo a me credo pero quando faccio questi pensieri che mia madre mi parla mi sembra come se lei mi dia la forza di fare le cose anche se non mi fa dormire, se non mi parla dormo e quando mi sveglio non ho voglia di fare niente, io penso che succede perche mi manca molto e rifugiandomi in queste fantasie mi sento meglio.
Anche di giorno ho pensieri che si intrufolano nella testa e mi dicono di fare delle cose, una volta 7 anni fa mi hanno costretto a tirarlo fuori mentre ero al parco se no non smettevano, altre volte mi facevano urlare e la gente si allontanava perche pensava che ero pazzo, poi sono entrato in depressione e ho bevuto del detersivo perche volevo suicidarmi peró i miei mi hanno visto e mi hanno portato in ospedale dove mi hanno fatto la lavanda gastrica e ho dovuto prendere zyprexa e paroxetina, quando mi hanno dimesso li ho smessi, ma in piu si sono aggiunte le voci, e mi monto la testa che se qualcuno mi guarda vuole avere un rapporto con me. Dopo la morte di mia mamma mi sono traferito e 1 anno fa sono andato dallo psichiatra che mi ha dato risperdal e adesso non so se ricominciarlo, io sto valutando seriamente l'idea di morire, ci vorrebbe l'eutanasia.

[#14]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

A me sembra che questa prospettiva negativa possa essere risolta nel momento stesso in cui si trova una cura giusta. Gran parte dei ragionamenti che possono sembrare sensati e indicare l'assenza di futuro sono solo distorsioni che l'umore del momento fa sembrare assolute.

Quindi si rivolga subito ad un pronto soccorso, e magari senta lo psichiatra di turno cosa le può consigliare sulla cura.

Dopo di che, da quello che scrive, è verosimile che abbia una psicosi (malattia curabile) e che il resto dei sintomi possano migliorare con una cura aggiuntiva.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#15] dopo  
 Staff Medicitalia.it

Gentile utente

il dr. Pacini le ha ben descritto cosa deve fare.

Questo sito non rappresenta il luogo dove lanciare allarmi, ma è un luogo in cui il professionista cerca di aiutare, comprendere ed indicare all'utente cosa deve fare. nei limiti ovviamente di un consulto online.

E' bene quindi che si rechi "immediatamente" dal suo medico curante per accertarsi del suo stato di salute.

La preghiamo di non continuare ad utilizzare questo servizio in questo modo.

Cordiali saluti
staff@medicitalia.it


[#16] dopo  
Utente 417XXX

Scusatemi tanto andró dallo psichiatra, vediamo cosa dice.. pero' io ho vissuto 27 anni di agonie, per questo sono scoraggiato, posso ancora riprendere il controllo?Temo che qualcuno mi voglia uccidere facendomi impazzire,mi faccio curare cosí vediamo se è vero o no! 
Grazie dottore,
Scusate, non volevo lanciare allarmi.

[#17]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Ha una psicosi e la deve curare. Questo è quanto. Gli psichiatri sono lì apposta per questo.
La sua intenzione di farsi curare mi sembra un passo in avanti rispetto al messaggio precedente, e una ottima iniziativa.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#18] dopo  
Utente 417XXX

Gentile dottore,
Ho scoperto che mio fratello mi ha fatto assumere sostanze stupefacenti senza che io lo sapessi, da anni, nascondendole in bevande.
Come ci si comporta in tali circostanze? Devo farmi disintossicare?
Grazie mille ancora per le attenzioni

Giacomo

[#19]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Deve considerare che questo sia un suo delirio, perché da come lo esprime questo dà l'idea di essere.
Lo riferisca al medico che l'ha in cura, così adegua la terapia antipsicotica.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it