x

x

Possibili somatizzazioni di ansia?

Gentilissimi,
per non essere troppo ripetitivo la mia storia clinica con visite ed esami strumentali svolti nel giro di 3 mesi potete trovarli nel mio profilo. Pensavo infatti di essere affetto da problematiche di tipo neurologico ma dopo circa 4 visite neurologiche tutte completamente negative, una risonanza all'encefalo e al tratto cervicale , un'elettromiografia ai 4 arti, un rx lombo sacrale e spalla e svariati esami del sangue che mostrano solo uno scarso livello di vitamina D non so più che pensare in quanto il mio medico di base non collabora e non mi consiglia nulla se non stare tranquillo.
Già il primo neurologo inizia il suo referto con ideazione tendenzialmente ansiosa prescrivendomi xanax ( agosto 2016 )
Nonostante ciò io ho chiesto altri consulti con neurologi diversi ma nessuno riscontra problematiche neurologiche così come un'ortopedico.
Siamo a fine ottobre, 3 mesi di xanax e i sintomi che accuso sono i seguenti
1) debolezza a gambe e braccia, debolezza che però non è riscontrata oggettivamente dai medici. Ho sempre la sensazione di che a momenti le gambe cedano
2) dolori muscolari sopratutto alle braccia e gambe, dolori che non passano con antidolorifici e anche qui gli esami del sangue non hanno mostrato cause organiche ( enzimi muscolari ck aldolasi , ldh tutti nella norma
3) queste maledette fascicolazioni muscolari che a tratti si presentano alle cosce e ai bicipiti e che ogni volta che le sento o vedo riconducono sempre la mia mente al terrore di avere patologie degenerative neuromuscolari nonostante l'obiettività negativa delle visite
4) scarso appetito che mi ha portato a perdere quasi 10 kg in 3 mesi
5) qualità del sonno peggiorata e mi alzo al mattino già stanco e la sonnolenza permane tutto il giorno

Può essere secondo voi somatizzazione di ansia e quindi il caso che chieda un consulto psichiatrico? anche perchè ho letto che lo xanax non andrebbe preso per molto tempo e io sto entrando nel quarto mese senza peraltro notare miglioramenti, anzi, il pensiero di avere qualcosa di serio dal punto di vista organico senza oggettività e riscontro medico è diventata una costante delle giornata tanto da portarmi purtroppo spesso da dr google che tutto fa tranne che tranquillizzarmi.
Grazie per le vostre risposte
[#1]
Dr.ssa Franca Scapellato Psichiatra, Psicoterapeuta 3.8k 185 26
Le consiglierei senz'altro una visita psichiatrica, per una terapia mirata sia sul piano farmacologico che psicoterapico. Più aspetta e più i pensieri si cronicizzano e i sintomi somatici pure.

Franca Scapellato

Cos'è l'ansia? Tipologie dei disturbi d'ansia, sintomi fisici, cognitivi e comportamentali, prevenzione, diagnosi e cure possibili con psicoterapia o farmaci.

Leggi tutto