Utente 418XXX
Gentili Signori innanzitutto buona sera. Senza ripetere la mia storia, passo alla questione attuale. Oggi, dopo settimane di depressione diurna coonnessa alla radicale impossibilità di riposare anche solo sufficientemente (non mancato addormentamento, bensì risveglio precoce dopo 4/5h) il medico mi ha prescrittico 20 gocce di Trittico (60 mg/ml) la sera e una pastiglia da 20mg di Paroxetina la mattina. A riguardo ho alcune questioni che non ho avuto la prontezza di riflessi di porre lì per lì e/o mi son sorte leggendo il bugiardino:

1) Il Trittico fa effetto già da stasera alla prima assunziine oppure richiede tempo come altri antidepressivi?
2) ha influenza sulla vita sessuale?
3) questa terapia dopo quanto farà verosimilmente effetto?
4) oggi è il secondo giorno che non prendo iperico (fino all'altro ieri 2 opercoli da 500 al giorno), posso iniziare tranquillamente il Trittico stasera e la Paroxetina domattina, vero????

ringraziamenti e cordiali saluti

[#1]  
Dr. Roberto Di Rubbo

28% attività
16% attualità
16% socialità
FIRENZE (FI)
EMPOLI (FI)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2013
Gentile Utente,
Lei scrive:1) Il Trittico fa effetto già da stasera alla prima assunziine oppure richiede tempo come altri antidepressivi?
Il trittico fa effetto già nelle prime sere per quanto riguarda il sonno, ma potrebbe essere necessario un dosaggio maggiore di 60 mg. Se non dorme bene nella prima settimana senta il suo curante.

2) ha influenza sulla vita sessuale?
Non dovrebbe avere effetti collaterali disturbanti sulla sfera sessuale con trittico.

3) questa terapia dopo quanto farà verosimilmente effetto?
Al dosaggio opportuno sarà efficace.

4) oggi è il secondo giorno che non prendo iperico (fino all'altro ieri 2 opercoli da 500 al giorno), posso iniziare tranquillamente il Trittico stasera e la Paroxetina domattina, vero????
Si può farlo.
Cordialità,
Dr. Roberto Di Rubbo

[#2]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
L'associazione di due antidepressivi contemporaneamente ed al dosaggio terapeutico immediatamente non ha indicazione.

L'utilizzo di entrambi i prodotti può dare fenomeni paradossi.

Il trittico può agire subito sul sonno, gli effetti sulla sfera sessuale sono più frequenti con la paroxetina.

Dr. F. S Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#3]  
Dr. Roberto Di Rubbo

28% attività
16% attualità
16% socialità
FIRENZE (FI)
EMPOLI (FI)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2013
Gentile Utente,
Concordo personalmente con il suo psichiatra , mentre l'azione sul sonno del trittico può essere presente rapidamente anche con dosaggi relativamente bassi, l'azione antidepressiva viene indicata essere presente ad almeno 75mg/die come dose iniziale. Nella pratica clinica raramente è presente sotto 300 mg/die.
Cordialità
Dr RDR
Dr. Roberto Di Rubbo

[#4] dopo  
Utente 418XXX

Gentili dottori, mi accingo a prendere la paroxetina 20 mg per il 13esimo giorno e il trazodone 20 gtt per il 14esimo. Abbiamo spostato la paroxetina alla sera per cercare di evitare una marcata sonnolenza diurna. Il sonno notturno è migliorato ma non è ancora ottimale. Mi è venuto un dubbio che chiederei se voi poteste sciogliere. Detto in soldoni: siccome la paroxetina dovrebbe agire su uno stato depressivo ne consegue - arguisco - che dovrebbe essere "attivante". So che devo ancora attendere una o due settimane e devo rivedere lo specialista per verificare l'evoluzione, ma - nel caso in cui non dovesse essere sufficiente - aumentando il dosaggio, mi "riattiva" di più o mi seda di più?
Questo il dubbio. E poi, il trazodone - quando sarà - necessita di uno scalaggio progressivo?
Ringrazio calorosamente per l'attenzione e per il.rimarchevole servizio offerto. Auguro una buona serata

[#5]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Non sono questi i ragionamenti che si possono fare.

Piuttosto l'associazione dei due non ha indicazione e il suo psichiatra stabilirà se è quando diminuire ed aumentare i farmaci.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#6] dopo  
Utente 418XXX

Grazie per la solerzia! accetto di ottimo grado il.suo suggerimento gentile dottore, infatti la mia era una richiesta di delucidazioni....né mi permetterei di far da solo, onde evitare alcunché di nocumento.
I due farmaci sono stati associati - sintetizzando quanto detto dalo psichiatra - , la paroxetina al mattino come antidepressivo "strictu sensu" ()eventualmente da modulare nel dosaggio in corso d'opera), il trittico la sera per agevolare il sonno e dunque, sperabilmente, per un tempo più limitato.
ora, avendo già Spostato la paroxetina per arginare la sonnolenza (che ho visto tra i possibili effetti collaterali), mi è sorto il ragionamento su l'effetto di attivazione o di sedazione di cui lei m'indica l'illiceità....
Quindi, seposso permettermi, quali sono i ragionamenti che si poswon fare???? In che senso è erronea laquestione dell'aumento dell'effetto "tranquillante" o "riattivante" all'aumentar della posologia?
Grazie mille ancora
Gentili saluti

[#7]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Per quanto mi riguarda questa modalità di introdurre antidepressivi con lo scopo di sfruttare azioni terapeutiche pensando che siano effetti collaterali è anomala nonché poco corretta.

Inoltre è evidente che non condivido l'utilizzo contemporaneo di antidepressivi come del resto indicato anche dai bugiardini e da note ministeriali apposite.

Se la sua diagnosi è di depressione essa va trattata in monoterapia anche per evitare che possa avere fenomeni maniacali a seguito dell'uso contemporaneo di antidepressivi.

Tutti questi ragionamenti su "attivante" e "sedativo" sono tra l'altro argomentazioni antiche per giustificare una prescrizione.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139