Utente 433XXX
Egregi dottori, da circa 2 mesi dopo una blanda cura di cortisone, ho iniziato ad avere forte ansia e insonnia, fatto vari accertamenti hanno riscontrato cortisolo alto sia nelle urine che nel sangue, sono andata da un endocrinologo che mi ha visitata e fatto eco della tiroide, e prescritto vari esami del sangue. la sua diagnosi è stata che il cortisolo alto unica cosa che c'è negli esami e dovuto al cortisone farmaco a cui si è scoperto sono molto sensibile. e devo solo aspettare di smaltirne gli effetti. Ma iniziamo dal principio, sono sempre stata un po ansiosa ma nei limiti del normale almeno credo, 3 anni fa dopo una cura di bentelan (subito interrotta) ebbi un attacco di panico e attacchi d'ansia sporadici che durarono alcuni mesi, ma ciò non dava problemi e non limitava la mia vita. Questa volta la cura con semplice clenil poi sostituito da prontinal e durata solo 6 giorni, ma i sintomi sono subito stati molto forti, tanto da rendermi la vita quotidiana impossibile da vivere, ho un ansia che parte fin da come apro gli occhi, l'insonnia e passata dopo più di un mese e mezzo, ma questa ansia non va via, anzi va peggiorando tanto che non riesco a svolgere il mio lavoro, ne accudire mio figlio o pensare alla casa. In oltre si è aggiunto uno stato di tristezza e astenia, mi sento sempre molto stanca o paura a restare a casa senza mio marito, mi sento sicura solo se c'è lui. Vado da uno psicologo, di una onlus (non posso permnettermi uno privato) 1 seduta a settimana, mi fa stare meglio ma 1 sola volta a settimana e non poterlo chiamare durante le crisi più forti mi limita molto. Ho fatto una visita psichiatrica e anche li mi ha riscontrato solo un ansia generica dovuta probabilmente al cortisone e mi ha consigliato una visita endocrinologa, che ho fatto come spiego sopra. e mi ha dato il compendium gocce da scalare in 5 settimane, ma non le ho prese dietro consiglio sia del mio medico di base, sia dell'endocrinologo. Continuo a chiedermi se e il cortisolo che aumenta la mia ansia, che in effetti va scemando durante la giornata, o e l'ansia che fa salire il cortisolo? in più ho un sistema immunitario molto indebolito che mi ha causata problemi respiratori che aumentano l'ansia, anche se comincio a chiedermi se non sia l'ansia a provocarmi una simil rinite vasomotoria? infatti quando l'ansia cresce mi si secca la bocca comincio ad avere fame d'aria e vorrei scappare. Non riesco più a stare in casa, mi sento bene solo quando esco ho paura anche di avere qualche tumore o brutta malattia. Non so più che fare, forse dovrei tornare dallo psichiatra o andare da un neurologo? Non riesco più ad avere una vita serena, sono tanto agitata e angosciata fin dal mattino e soprattutto molto giù di morale, tanto che non sorrido più, non sono più io e come se fossi intrappolata nella mia mente, cerco di tornare fuori ma non riesco e mi assale la tristezza, voglio vivere essere allegra e gioiosa come ero prima. Cosa posso fare per aiutare me stessa? grazie

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
" e mi ha dato il compendium gocce da scalare in 5 settimane, ma non le ho prese dietro consiglio sia del mio medico di base, sia dell'endocrinologo. "

E contro il consiglio dello specialista. In ogni caso, era una cura intesa per un disturbo che nell'arco di un mese è finito, altrimenti non avrebbe senso.

Se invece è necessaria una cura di fondo, ma bisognerebbe capire che diagnosi è stata fatta (ansia generica non è una diagnosi, questo è un sintomo che già conosceva) - allora la cura consiste in medicine di tipo diverso.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Se la causa effettivamente dipende dall'uso di cortisone i sintomi tenderanno a scomparire nel tempo, diversamente andrà impostata una terapia adatta alla diagnosi che ne dovesse scaturire.

De. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#3] dopo  
Utente 433XXX

Egregio dottore, quando andai dallo specialista, lui riempi una scheda e mi fece alcune domande, ha fatto domande anche a mio marito che mi accompagno a quel primo incontro, raccontai del cortisone e anche del fatto successo 3 anni prima con il bentelan, gli ho detto del cortisolo alto nelle analisi (prime analisi che mi fece fare il mio medico di base, dopo che gli parlai dei vari sintomi) La sua diagnosi e stata che il mio disturbo era dovuto all'effetto collaterale del cortisone, e che mi consigliava una visita endocrinologa per controllare tiroide e ghiandole surrenali.
Per aiutarmi ad uscirne più velocemente mi ha prescritto il compendium da prendere 10 gocce alle ore 8 del mattino e alle ore 8 di sera la prima settimana e poi scalare di 2 gocce ogni settimana. A suo parere visto che l'insonnia dei primi tempi era sparita da sola era ottimista che in 5 settimane di cura avrei risolto la situazione, sempre che non ci fossero stati problemi alla tiroide o surrene.
Però nel frattempo mentre ho fatto i vari esami prescritti dall'endocrinologo, il mio stato di ansia e peggiorato, certo di notte riesco a dormire anche se a volte solo 5 ore a volte anche 7 o 8 , ma la mattina ho un senso di agitazione e angoscia a tutto questo si è aggiunto uno stato di malinconia, depressione, stanchezza perenne, forse dovuta anche al fatto che 2 settimane fa in seguito a una caduta, facendo accertamenti hanno trovato un tumore all'intestino a mia mamma, con la quale vivo praticamente da tutta la vita, questa situazione mi fa sentire ancora più triste non faccio altro che pensare a se dovesse morire.

[#4] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Nel frattempo però non ha assunto il compendium.

In ogni caso se la situazione è indipendente dall'uso di cortisone, va diagnosticata e trattata adeguatamente.
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#5] dopo  
Utente 433XXX

Confesso che ho avuto paura ed ho paura di assumere il compendium. Non vorrei diventare dipendente da un farmaco, forse o sicuramente sbaglio........ Sarebbe utile fare un nuovo controllo dallo psichiatra? facendo anche presente che allo stato di agitazione sopratutto mattutino, si è aggiunta questa tristezza, depressione che mi accompagna tutto il tempo?

[#6] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prima di tornare dallo psichiatra deve terminare le indagini richieste dall'endocrinologo altrimenti perde tempo.
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#7] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Io presumo che l'intento del collega fosse una cura dall'effetto anche immediato ma temporaneo, per poi rivalutare alla luce degli esami e del decorso.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#8] dopo  
Utente 433XXX

Grazie dottor Ruggiero, farò come lei consiglia, completo tutti gli esami e dopo se sarà necessario ri contatterò lo specialista.

Dottor Pacini quindi sarebbe potuto essere solo un miglioramento temporaneo?

[#9] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Il compendium ha un effetto che decade dopo circa un mese, ed è quindi adatto per terapie sul momento o per brevi periodi, quando si pensa o si vuol verificare se i sintomi se ne vanno da soli dopo pochi giorni.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#10] dopo  
Utente 433XXX

Grazie dottor Pacini.
L'ansia mattutina proprio non vuole lasciarmi.......Anzi va un po a giorni, la mattina c'è sempre, ma man mano che va avanti la giornata diventa più leggera e di sera scompare, ma non sempre va un po a giorni alterni.....
Forse potete aiutarmi, lo psicologo che mi segue fa sportello presso una onuls, non posso permettermene uno a pagamento. ebbene ieri mi ha detto che il prossimo sarà il 10 e ultimo incontro, inquanto la onlus prevede solo 10 incontri.
la mia domanda è come a chi devo rivolgermi per trovare uno psicologo che possa seguirmi per più di 10 incontri? La psicoterapia piano piano incominciava a ottenere qualche risultato e il pensiero di interromperla mi acresce l'ansia......
Fermo restante che chiederò allo specialista se può continuare a seguirmi in forma privata tenendo conto della mia situazione economica. grazie.

[#11] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Eravamo rimasti ad un altro dircorso. Andare dallo psichiatra coi risultati degli esami endocrinologici.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#12] dopo  
Utente 433XXX

Si, quello rimane, ma nel frattempo visto che noto che la psicoterapia mi sta aiutando molto, non vorrei restare senza questo aiuto.