Utente 412XXX
Salve Egr. Dottori,
so ad esempio che della duloxetina ci sono le capsule da 30 mg ma questo (per il disturbo depressivo maggiore) non viene quasi usato nemmeno come dosaggio di partenza (infatti nello stesso bugiardino c'è scritto che il dosaggio di partenza e di mantenimento raccomandato è 60 mg).
Oppure la paroxetina a 10 mg non serve ne come cura ne come mantenimento.

La vortioxetina invece, che nel bugiardino vi è scritto che la dose raccomandata è di 10 mg ma che oltre a poter essere aumentata fino a un massimo di 20 mg può anche ridotta fino ad un minimo di 5 mg,
vuol dire che 5 mg di vortioxetina corrisponderebbero non ai 30 mg di duloxetina o ai 10 mg di paroxetina (sotto dosaggio ) ma a 60 mg di duloxetina e 20 mg di paroxetina?

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

La cosa è molto più semplice.
Le dosi medie efficaci sono specificate nei foglietti.
Di solito il formato della dose minima efficace corrisponde a uno di quelli in commercio.
I formati minori servono per iniziare. Se non esistono si spezzano le compresse o si usano formulazioni in gocce.
Tutti i medicinali possono esser ridotti nel mantenimento.

Per cui la risposta finale è no.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 412XXX

Grazie prima di tutto per avermi risposto, egr. Dr. Pacini,
lei ha centrato il "problema" poichè sui 5 mg di vortioxetina non mi ero posto il problema per la fase acuta,
che sto curando con 10 mg.,
ma per gli eventuali 5 mg che lo psichiatra mi ha accennato sarà possibile scalare nella fase di mantenimento che, questa volta, col beneplacito (già avuto) del dottore so già che durerà parecchi anni.
Solo che adesso, navigando in rete mi sono imbattuto in un articolo nel quale viene riportato che:

"Uno studio ha valutato l'efficacia di 5 mg di Vortioxetina rispetto al placebo dopo 6 settimane di trattamento in adulti con disturbo depressivo maggiore in ambito ambulatoriale.

Adulti di età compresa tra 18 e 75 anni, con una diagnosi di disturbo depressivo maggiore e un punteggio totale alla scala MADRS ( Montgomery-Asberg Depression Rating Scale ) al basale maggiore o uguale a 30, sono stati randomizzati a ricevere Vortioxetina 5 mg o placebo per 6 settimane, seguite da un periodo di 2 settimane di interruzione del farmaco.

La misura primaria di efficacia è stata la variazione rispetto al basale nel punteggio totale alla scala HAMD-24 ( Hamilton Rating Scale for Depression-24 ) alla settimana 6 rispetto al placebo.

Misure supplementari hanno incluso tassi di risposta e di remissione, i punteggi alla scala CGI-I ( Clinical Global Impression – Improvement Scale ), punteggio totale HAMD-24 nei soggetti con punteggio totale al basale Hamilton Anxiety ( HAMA ) maggiore di 19 e punteggio MADRS-S.

Sono stati randomizzati in totale 600 adulti. Non ci sono state differenze significative nelle misure di efficacia tra i soggetti con Vortioxetina 5 mg e placebo alla settimana 6.

Il punteggio totale HAMD-24 nei soggetti con valori basali HAMA maggiori a 19 nel gruppo Vortioxetina 5 mg è migliorato alle settimane 3-6 rispetto al gruppo placebo ( valore P nominale minore di 0.05 ).

In questo studio su adulti con disturbo depressivo maggiore, Vortioxetina 5 mg non ha differito in maniera significativa dal placebo nel ridurre i sintomi della depressione dopo 6 settimane di trattamento. ( Xagena2012 )"

Mi scusi, questo significa che a 5 mg la vortioextina è pari al placebo e dunque non va ad aumentare per nulla i recettori -
i meccanismi molecolari e i neurotrasmettitori del cervello?

Oppure non serve a nulla (secondo lo studio di cui sopra) ma una volta curata la depressione (a 10 o più mg) ed ad avvenuta remissione,
5 mg di questa molecola possono comunque essere sicuramente sufficienti per la fase di mantenimento?

Grazie ancora, buona serata e buona domenica

[#3]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Vuol dire che non è efficace a 5mg per il trattamento della depressione.

Ancora non ha iniziato effettivamente a curarsi e già pensa a far scalare il farmaco.

Sono dei ragionamenti completamente improduttivi
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#4] dopo  
Utente 412XXX

Si lo so, ero cosciente che probabilmente mi avreste rimproverato che è da sciocchi pensare già alla fase di mantenimento.
Non è che non ho ancora iniziato la cura però perchè è da un pò che assumo il farmaco. So che la strada è ancora lunga perchè prima c'è da sconfiggere la fase acuta e poi aspettare tot di tempo per la fase di remissione.
Solo che dopo aver letto quell'articolo ho avuto la necessità di avere delle conferme o smentite in merito perchè questa volta io sono disposto a mantenere l'assunzione del farmaco a vita anche al costo di danni epatici o renali ma se devo farlo voglio essere certo che la cura sia idonea.
A tal proposito rimango confuso perchè Lei e lo studio da me citato dite che a 5 mg il potere della vortioxetina è pari a quello dell'acqua zuccherata (placebo),
il Dr. Pacini invece dice che le dosi medie sono indicate nel foglietto illustrativo e il bugiardino dice che 5 mg è il dosaggio minimo (quindi qualche "potere" dovrebbe averlo).

Lei inoltre, Dr. Ruggiero, dice che 5 mg non sono efficaci per il trattamento ma a me non interessava questo (poichè per il trattamento sono a 10 mg) ma se fossero sufficienti per il mantenimento (lungo) e siccome il Dr. Pacini ha scritto che in mantenimento i medicinali possono essere ridotti .............

Si, lo so, ancora sono in fase acuta e non ho nemmeno idea di quanto durerà la cura di trattamento quindi ad ora non ha senso ed è improduttivo pensare agli eventuali 5 mg di mantenimento ma pur conscio di questo, non sono riuscito a resistere nel non porre il mio interrogativo.

Mi scuso se vi ho arrecato disturbo e perdita di tempo.
Cordialmente

[#5]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Questi ragionamenti sono una perdita di tempo per lei non per altri perché riflette su cose che non le sono utili e che la portano a fare ricerche improduttive.

Potrebbe impiegare il tempo in qualche hobby.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#6]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Per niente, non dice che il dosaggio minimo è 5 mg. Dice che può essere ridotta fino a un minimo di 5 mg in base alla risposta individuale.

Ad essere sincerto mi pare una questione di nessun rilievo.

Si sta arrovellando dietro a questi numeri ma non si capisce perché, si capisce che ci si arrovella perché poi finisce che legge le cose più banali di questo mondo e poi ci ragiona per ricavarne dei dubbi che non sussistono.

"non sono riuscito a resistere nel non porre il mio interrogativo."

Appunto, è un interrogativo con mille risposte, e se non le trova si inventa che ce ne debbano essere. Il punto è che è un interrogativo senza una base. Potremmo a questo punto chiederci se per caso è efficace anche 9,5 mg, ma perché dovrebbe interessarci ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it