Utente 430XXX
Salve dottori, scrivo per avere delucidazioni riguardo il farmaco "Sulamid". Soffro di ansia che sfocia principalmente in nausea; ho fatto tutti i controlli per escludere patologie organiche, provato terapie di tutti i tipi ma sempre con scarsi risultati. Premetto che i medici mi hanno prescritto antidepressivi, ma riuscendo a controllare la mia ansia con mezza compressa di Xanax da 0,50 o con compresse di magnolia, non li ho voluti assumere per timore di effetti collaterali o dipendenza. Vado anche da uno psicologo, e vorrei uscire da questo disagio (se posso) senza l'ausilio di ssri. Attualmente assumo Levopraid due volte al giorno da 25 mg, ma non mi danno alcun beneficio, solo un fastidioso calo del libido (mangio pochissimo e sono dimagrito molto) e Xanax mezza compressa da 0,50 una volta al giorno (solo se con la magnolia la nausea non mi si attenua). Su un forum una ragazza con il mio stesso problema mi ha parlato di Sulamid, dicendomi che sono simili al Levopraid e che a lei fanno molto effetto, aumentandogli anche l'appetito. Prima di parlarne col mio medico, che per un solo consulto vuole 80 euro (e ho già speso fin troppi soldi), vorrei un vostro parere riguardo questo farmaco: potrei sostituirlo al solo Levopraid, oppure è un farmaco che va abbinato necessariamente ad una terapia antidepressiva?

Grazie in anticipo.

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Prima di tutto il consiglio di una ragazza non vuol dire che per lei è applicabile, secondo non può chiedere on line la sostituzione di un farmaco, terzo se si ostina a volersi curare a modo suo difficilmente troverà benefici terapeutici validi.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 430XXX

Avevo chiesto un parere su un farmaco, ovvero se è simile al Levopraid, o se comunque può essere sostituito ad esso, non ho chiesto una prescrizione, e come ho detto prima, non vorrei andare dallo specialista e sganciare 80 euro solo per un consulto. In due anni non so quanti soldi avrò speso in terapie, consulti, visite, psicologa ed esami... ma come nella maggior parte delle volte in questo sito, rispondete a tutto tranne che al fulcro della domanda, quasi aggredendo chi chiede gentilmente un consiglio. Ho 30 anni, e se posso evitare gli antidepressivi e diventare un morto che cammina, asessuato e dipendente da sostanze chimiche, voglio evitare. Perché lei dovrebbe sapere meglio di me tutti gli effetti collaterali che portano gli ssri. Facile a dire "imbottisciti di antidepressivi e risolvi il problema". Io ho già detto che la nausea mi si attenua con mezza compressa di ansiolitico da 0,50. Tra l'altro sono stato da uno psichiatra che non era sicuro se darmi ssri e mi mandava dalla psicologa per far decidere a lei se ne avessi bisogno o meno, che a sua volta mi diceva che non ne avessi bisogno o che comunque mi sconsigliava di prenderli. Se mi "ostino" a volermi curare a modo mio, è perché ormai sono stanco e rassegnato. Quindi, prima di dare sentenze, magari chiedete approfondimenti.

Saluti.