Utente 413XXX
Gentili Dottori, una persona a me molto cara ha iniziato da pochissimo tempo una cura antidepressiva con 5 mg di brintellix che dovrebbe passare a 10 mg
il soggetto, anche se una persona molto generosa e altruista, è un tipo un pò fumantino, nel senso che è facilmente irritabile e un pò permaloso.
Anche lui riconosce questo aspetto negativo del suo carattere ma il problema è che da quando ha iniziato ad assumere il brintellix (ormai da 9 giorni) dice che la situazione in tal senso è peggiorata in quanto gli saltano i nervi ancor più facilmente di prima (e anche per cose di poca importanza difronte alle quali prima riusciva a trattenersi).
Già dopo 5 giorni che ha iniziato la cura è ritornato dalla psichiatra per o interrompere la cura o per vedere se gli cambiava farmaco; nessuna delle due però perchè la dott.ssa ha detto che è un effetto collaterale che inizialmente possono dare tutti gli antidepressivi e si tratta solo di stringere i denti e sopportare per un pò questo aggravamento del sintomo in quanto significa che il cervello si sta "assestando" per poi lasciare il posto ad una maggiore calma.
Condividete quanto detto dalla dott.ssa o sarebbe il caso di sentire un altro dottore per magari cambiare farmaco?
Cordiali saluti

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

E' vero che prima della risposta (non meno di due settimane) i sintomi possono peggiorare. La diagnosi che è stata fatta è di depressione ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 413XXX

Si gentile Dottor Pacini, la diagnosi è depressione maggiore.
Quindi è vero che può accadere anche con altri antidepressivi?
Mi scusi, ma il nervosismo/rabbia rientrano fra i sintomi depressivi? (io ne conosco tante di persone anche decisamente più "fumantini" ma non depresse)

Per cui anche lei crede che la cosa da fare e stringere i denti in quanto è probabile che proseguendo la terapia la rabbia/nervosismo andranno scemando e il soggetto uno volta stabilizzatosi si ritroverà ad essere decisamente più calmo, pacato e meno irritabile di quanto fosse prima dell'inizio della cura?

La ringrazio. Cordiali saluti

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Alcuni tipi di irritabilità sono correlati alla depressione, mentre in generale dipende, perché l'aggressività in linea generale non lo è.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it