Utente 469XXX
Gentilissimi dottori, sono in cura con tolep, trittico ed olanzapina. In seguito all'aumento del tolep ho riscontrato già un giorno dopo leggere vertigini, come una sensazione molto lieve di sbandamento che c'è quando entro in un luogo chiuso. A volte succede anche all'aperto. Questa aumenta con l'ansia e non c'è quando sono calmo e non ci penso. C'è da dire che sono sempre in ansia, quindi la riscontro spesso. Ieri ed oggi è andata molto meglio. Mi sono un po' preccupato, sono andato dal medico di base e dice che è tutta colpa mia. Non ho fatto in tempo ad accennargli dell'aumento del farmaco e sto dunque chiedendo un parere a voi. Mi da fastidio, è come un lieve giramento di testa di un secondo, che sembra provenga da me e non dall'esterno (è molto lieve ed è difficile da descrivere). Grazie in anticipo per il vostro intervento.Ho letto che vertigini e capogiri sono un effetto indesiderato comune. Quando dovrebbero passare? Può essere l'ansia?

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Sembrano domande a 360 gradi con poco costrutto. Praticamente chiede se può essere x,y o z, avendo comunque già una sua idea. L'altra è una domanda sul futuro, senza risposta.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 469XXX

Può il tolep dare questo effetto?

[#3] dopo  
Utente 469XXX

Non mi sembra una domanda con poco costrutto. Può l'incremento del Tolep dare vertigini?

[#4]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
"Ho letto che vertigini e capogiri sono un effetto indesiderato comune. "

Quindi, se l'ha letto, che senso ha venirlo a chiedere ?

In questo senso non ha costrutto.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#5] dopo  
Utente 469XXX

Alle volte il paziente ha bisogno di essere tranquillizzato e rassicurato, cosa, vedo, che le riesce benissimo. Non credo che mi prenderò più la briga di scrivere in questa sezione.

[#6]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Non ha capito niente della risposta purtroppo, va avanti solo con la sua idea di pretendere ad ogni domanda una risposta, anche quelle a vuoto. Non funziona così, non per redarguire le persone, ma per motivi inerenti la gestione delle domande di questo tipo, in questa sezione, per motivi legati a ipotesi psichiatriche.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#7] dopo  
Utente 469XXX

Non ho capito nulla della risposta che non c'è mai stata. Se non volessi una risposta, non sarei qui a fare una domanda. Tra l'altro le domande sugli effetti collaterali dei farmaci sono previste da Medicitalia stessa, che ha realizzato una casella apposita da spuntare proprio per questa finalità. Chiedevo semplicemente una conferma o un approfondimento, non vedo dove sia il problema. 'Motivi legati ad ipotesi psichiatriche' cosa vuol dire? Detto così non lascia intendere nulla. Ha paura che smetta di prendere il farmaco e non rilascia risposte? Ai posteri l'ardua sentenza...

[#8]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
No, non ha proprio capito niente della risposta.

Lei pone una domanda se un elemento può essere un sintomo o un effetto collaterale (avendo già letto che è tra gli effetti dell'elenco sul foglietto illustrativo). La risposta "può essere" non aggiunge né toglie niente alla domanda.
La seconda domanda fa parte delle cosiddette domande sul futuro, la cui risposta non sussiste se formulate in maniera così vaga e secca, del tipo "passeranno ? quando passeranno ?".
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it