x

x

Mi potete aiutare?

Salve , mi appello alla vostra professionalita allora leggendo su un sito di psichiatria c'era scritta una frase "le compulsioni sono comportamenti o azioni mentali messi in atto in risposta a un ossessione" ma precisamente in questa frase che vuol dire che tutti questi comportamenti vengono messi in atto in risposta a un ossessione io non riesco a capire cosa vuol dire . Cioè questi comportamenti vengono messi in atto prima di un ossessione? , è l'ossessione che risponde alle compulsioni? , gradirei da voi se mi potreste spiegare per filo e per segno che cosa vuol dire che questi comportamenti vengono messi in atto in risposta a un ossessione . Io capisco cosa vuol dire che le compulsioni sono comportamenti o azioni mentali che la persona mette in atto ,ma non riesco a capire le ultime parole cioè in risposta a un ossessione. Spero di essere stato chiaro
[#1]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 40.3k 930 271
Gentile utente,

Per esempio: ho l'ossessione di essere sporco, e in risposta metto in atto la compulsione del lavarmi.

Comunque, se c'è scritto "in risposta a", come fa a pensare che vengano "prima" dell'ossessione...."In risposta a" vorrà dire che vengono dopo.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Libri: https://www.amazon.it/s?k=matteo+pacini&__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&ref

[#2]
dopo
Attivo dal 2017 al 2017
Ex utente
quindi rispondere a un ossessione vuol dire reagire a un ossessione?
[#3]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 40.3k 930 271
No, vuol dire un comportamento che nasce in conseguenza di un'ossessione, come per dare una risposta all'ossessione, per neutralizzarla, tenerla lontano, a volte senza una logica precisa però.
[#4]
dopo
Attivo dal 2017 al 2017
Ex utente
quindi da quello che ho capito la frase di sopra "le compulsioni sono comportamenti o azioni mentali messi in atto in risposta a un ossessione" diventerebbe le compulsioni sono comportamenti o azioni mentali messi in atto per (neutralizzare o scongiurare o depotenziare o togliere ansia) un ossessione?
[#5]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 40.3k 930 271
Sì, questo è spesso il modo in cui le vive chi le mette in atto, ma non necessariamente ci deve essere uno scopo o deve avere un senso comprensibile.
La presenza di una ossessione sollecita un qualcosa che la risolva, e quindi la persona tende a produrre dei comportamenti dietro questa sollecitazione, che spesso si sviluppano secondo una linea logica (tipo sporco/pulire), ma possono anche essere scaramantici (pensiero negativo/fare le corna), o non avere un nesso se non quello di fare da contrappeso all'ossessione, momentaneamente almeno.
[#6]
dopo
Attivo dal 2017 al 2017
Ex utente
la ringrazio moltissimo per la sua professionalita e disponibilita