Utente 479XXX
Buongiorno, per disturbo da somatizzazione mi è stato prescrito deniban 50mg (poi sostituito col solian in quanto mutuabile) e contemporaneamente lo scalaggio dello Zoloft 50.

La riduzione graduale dello zoloft è iniziata a giugno 2017, togliendo una compressa un giorno della settimana e poi anche un'altra intorno alla metà di agosto.

La sintomatologia di cui soffro (ansia mattutina, nausea, vomito e fatica enorme a uscire dal letto) si è ripresentata in tutta la sua violenza tra ottobre e novembre, per cui sono tornato dallo specialista che mi ha prescritto Deniban 50mg e la continuazione dello scalaggio dello zoloft che ho terminato il giorno 5 gennaio.
Ho quindi iniziato ad assumere il deniban il giorno 28 di novembre e l'effetto positivo è stato immediato: niente più vomiti e ripresa di serenità psicologica.
Il 10 di gennaio sono tornato dallo specialista il quale ha detto di scalare anche il deniban, utilizzando 1/8 di solian 200 per 15 giorni. Arrivato al 25 di gennaio dopo un paio di giorni si sono ripresentati i sintomi sopra descritti.
Ricontattato, lo specialista mi ha detto di riprendere 1/4 di pastiglia di solian, e alla mia domanda s invece non fosse il caso di riassumere lo zoloft, mi ha risposto che non è opportuno in quanto preso per molti anni (circa 10, con qualch tentativo di sospesione).

Ora, io il solian l'ho ripreso da circa 4 giorni (di fatto non è mai stato interrotto) ma di scomparsa dei sintomi nulla di nulla. E' vero ch nel frattempo si è aggiunta qualch problematica "ansiogena" sul posto di lavoro, ma sinceramente non pensavo che il farmaco potesse NON sortire alcun effetto.

A qusto punto mi conviene cambiare specialista e chidere un altro consulto? E' normale questa avversione per i farmaci SSRI presi per lungo tempo?

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
"avversione" dice da parte del medico ? No, non mi torna come discorso.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 479XXX

Sì, ho ravvisato "avversione" per il proseguimento della terapia con SSRI, motivata da "Dopo tanti anni gli SSRI si comportano da nurolettici"

[#3] dopo  
Utente 479XXX

Detto questo, era mio interesse sapere se effettivamente dopo 2 mesi il farmaco "perde efficacia" oppure devo aspettare altri giorni anche se in effetti non è mai stato sospso ma solo scalato per 10 giorni

[#4] dopo  
Utente 479XXX

Stasera ho avuto un episodio di vomito (a stomaco vuoto dopo molte ore dal pranzo).

Non mi era mai capitato o al massimo una o due volte in tanti anni di avere la somatizzazione così anche in serata. Contatterò lo specialista e gli dirò che il Solian non sta dando alcun effetto utile, e anche dietro sua negazione riprenderò con lo zoloft che per tanti anni mi ha fatto star bene. Io gliel'avevo detto che con quel farmaco stavo bene, e al massimo reagivo male ai tentativi di sospensione, ma così non si può andare avanti.

[#5] dopo  
Utente 479XXX

Nessuno può rispondere?

[#6] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Non ho capito quale dei due dovrebbe perdere di efficacia dopo 10 giorni, comunque no, nessuno dei due. Lo zoloft dopo 10 giorni neanche ha iniziato a funzionare peraltro, credo si riferisse all'amisulpride.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#7] dopo  
Utente 479XXX

Sì, mi riferivo all'amisulpride. Lo zoloft è terminato il 5 di gennaio.
Volevo specificare che il solian non è mai stato smesso ma solo scalato come da prescrizione medica e poi ripreso alla dose di 50mg a fine gennaio e anche raddoppiato dopo una settimana, ma senza risultati apprezzabili