Utente cancellato
Salve a tutti gli specialisti del sito, sono un ragazzo di 23 anni con un problema di disfunzione erettile.
Fisicamente e dal punto di vista ormonale credo di non avere problemi( l'esame del sangue del testosterone, credo totale, risultava di 6.60 ng/mg alle 10 del mattino mentre invece il cortisolo era di oltre 15 microgrammi/dl) e inoltre faccio anche abbastanza sport e gli altri esami del sangue erano tutti negativi.

Partendo brevemente dall'adolescenza non ho avuto gli stessi stimoli e impulsi sessuali dei miei coetanei e infatti ho cominciato a masturbarmi solo verso i 19 anni dopo che avevo avuto alcuni incontri( senza raggiungere l'erezione)con delle prostitute.
Oggi, anche nella fase della masturbazione, non riesco mai a raggiungere l'erezione completa , che si verifica invece durante la notte o in alcuni ( poche) periodi dell'anno, magari quando sto meglio mentalmente.

Da circa 6 mesi ho cominciato un percorso con uno psicologo/ psicoterapeuta cognitivo- comportamentale e da qualche settimana, dopo una visita da uno psichiatra, anche una cura farmacologica con SSRI.
Secondo il mio psicoterapeuta e anche lo pichiatra sono da escludere problemi fisici ma il tutto dipenderebbe dal mio umore e dall'ansia che influirebbero abbassando il desiderio sessuale e la libido e ricostruendo la mia storia personale è possibile che abbia sempre sofferto proprio di una depressione latente.

Nell'ultimo periodo sto molto meglio, ho avuto delle uscite con delle mie coetanee, senza però avere mai rapporti sessuali completi ma solo baci ecc.. e anche con delle prostitute, con le quali sono riuscito ad avere, grazie anche al viagra che funziona da vasodilatatore e al rivotril, delle erezioni quasi complete e a penetrarle anche se solo per poco tempo.
Sto cercando di impegnarmi molto soprattutto "sul campo" facendo esperienze con queste prostitute ed escort d'appartamento e cercando di uscire con più ragazze possibili oltre alla terapia e ai farmaci ma per adesso continuo ad avere ancora problemi di erezione già durante la fase della masturbazione.
ho però notato un forte aumento del desiderio verso il genere femminile e un discreto ottimismo.
La domanda che vi rivolgo è questa: secondo la vostra sensazione( ovviamente occorrerebbero esami specifici) è da escludere un'impotenza di tipo fisico e se sì la mia situazione potrebbe dipendere da un basso desiderio sessuale e mancanza di libido unito magari ad ansia da prestazione oppure da uno stato depressivo?

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Ha già avuto risposta dai suoi curanti e non ha senso che lei ponga la stessa questione on line.


Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
488582

dal 2018
Grazie per la risposta Dott. Ruggiero, riformulo la domanda: secondo lei la depressione, magari latente, può ridurre il desiderio e la libido andando quindi a inficiare sull'erezione e sul piacere di trascorrere del tempo in intimità con una donna?
Apprezzerei molto il suo parere professionale, che mi può aiutare a comprendere meglio la mia situazione e a cercare di trovare dele soluzioni, senza ovviamente che sia svalutato il lavoro di chi mi sta seguendo.
Grazie in anticipo.

[#3] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
"Secondo il mio psicoterapeuta e anche lo pichiatra sono da escludere problemi fisici ma il tutto dipenderebbe dal mio umore e dall'ansia che influirebbero abbassando il desiderio sessuale e la libido e ricostruendo la mia storia personale è possibile che abbia sempre sofferto proprio di una depressione latente."

non è che cambiando il tipo di domanda la risposta possa cambiare.

E' seguito da due professionisti ed il fatto che lei voglia sentire un diverso parere è un sintomo non una necessità di comprensione.
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it