Utente 184XXX
Buongiorno,
mi rivolgo a voi esperti per avere un vostro parere in merito al mio di disturbo di difficilissima risoluzione.
Ipocondria.A 10ANNI ho iniziato ad avere una super attenzione alle sensazione del corpo e terrore che esse siano ‘sintomo’ di una malattia gravissima e mortale.ho passato gli anni del liceo molto bene,senza ipocondria invalidante.A 21 anniDAP, pesavo 42kg, inizio Serupin20 che mi da risultati per gli attacchi di panico ma che inizia a farmi ingrassare.ricomincia una mia ipocondria (durante assunzione di Sereupin), inizio ad ingrassare e decidiamo di provare diverse molecole per attenuare l’aumento di peso.EFFEXOR,PROZAC 5MG,ZOLOFT 50MG, considerate che ogni volta che cercavamo di aumentare la dose,cominciavano segni di sovradosaggio, così torniamo al Sereupin che teneva a bada gli attacchi di panico.il peso continua ad aumentare e la ciclica ipocondria non svaniva.(ho‘avuto’diverse leucemie,linfomi,5 tumori al cervello, umore del colon, dell’esofago, della vescica, sono attualmente al melanoma ed al tumore al polmone). I periodi di ipocondria lasciavano spazio tra loro e l’esame diagnostico interrompeva il loop ossessivo(si la mia ipocondria ha decisamente componente ossessiva e compulsiva,mi concentro sul corpo,leggo in internetvisite mediche infinite,esami anche molto invasivi,risonanze magnetiche,tac,raggietc). Dopo un periodo di circa un annetto di relativo benessere, ed avendo io raggiunto i 127kg smetto in 6 mesi la terapia con il Sereupin 20mg, visto che il panico era ormai andato e sull’ipocondria non ne avevo mai ottenuto alcun beneficio. Arriviamo ad oggi, dopo 2 anni dalla sospensione di sereupin con enorme sforzo peso 75kg e sto continuando a lavorare per perderne altri 7/8. La mia vita va piuttosto bene MA, l’ipocondria si è riaccesa in molto molto violento, lasciando ormai impegnati i miei vecchi spazi di tregue. Da metà luglio io sono ossessionata dal tumore al polmone (ho la tosse da allora) e nonostante i medici mi rassicurino ed abbia fatto non uno ma due RX torace a distanza di 40 giorni e fossero perfette, io ancora sento una componente di ansia, la tosse c’è ancora e vorrei fare una tac e tutti cercano di dissuadermi dal farlo tra cui il mio terapista di breve strategica che sto‘tentando’da due settimane. A questo punto io non ho la certezza assoluta che la tac risolverebbe tutto, e se poi mi venisse paura per qualcos’altro?Se poi volessi una broncoscopiaEd il livello di radiazioni cui mi sottopongo?Vorrei avere un figlio,fino al ricominciare di tutto questo ci stavo provando,e l’idea di ricominciare un iter farmacologico consapevole che non potrei rimanere incinta e che molto probabilmente mi farebbe nuovamente ingrassare e non avere la certezza che possa effettivamente risolvere il problema mi sconforta enormemente. Sono disperata,davvero.Anche perché stare da due mesi convinta di stare per morire mi allontana da tutto,mi strazia mi esaurisce ogni energia
VI prego di aiutarmi. Sono disperata
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Ad oggi non sembra siano state provate terapie con altre classi di farmaci che potrebbero dare una risposta più incisiva sui sintomi del disturbo che assume delle connotazioni chiaramente di DOC.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 184XXX

E' possibile che tale classi di farmaci potrebbero avere l'effetto collaterale di farmi ingrassare di nuovo?
c'è questo enorme problema in merito che non è roba da poco... inoltre, esistono farmaci compatibili con eventuali gravidanze o una esclude l'altra?

[#3] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Non è detto che possa sempre avere come effetto collaterale l’aumento di peso. Alcune terapie sono compatibili con la gravidanza.
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it