Utente 521XXX
Gentilissimi dottori,
ho un fratello di 21 anni.
Lui è molto disponibile e a breve farà la prima visita da una psichiatra.
Da circa due anni ha dei pensieri che mi preoccupano: crede di essere spiato, che ci siano dei microchip nei vestiti, ha chiuso ogni contatto con il mondo dei social, crede che anche i suoi amici più vicini possano parlare male di lui e/o fregarlo da un momento all’altro...
Ho fatto qualche ricerca su internet (nella mia ignoranza) vorrei sapere se questi sono deliri ?
Lui è anche stato fidanzato per un annetto con una ragazza e in quel periodo ricordo che era ossessionato dalla gelosia. Piangeva molto da solo a casa per la gelosia. (È un ragazzo molto sensibile) Si è sempre comportato bene con lei.. (secondo me non erano fatti per stare insieme, erano troppo diversi) E poi purtroppo, i suoi incubi diventano realtà perché questa ragazza da un momento all’altro lo lascia per un altro e lui crolla. Non è più geloso ma pensa che tutti vogliano fregarlo... e ritorna così la persecuzione... torna ad aver paura di tutti, diventa di nuovo piccolo piccolo e timoroso... (è un ragazzo estremamente buono)
Volevo chiedervi se è possibile che siano deliri e se questi deliri possano oscillare tra persecutori e di gelosia... è possibile?
Voglio precisare che lui sembra lucido... Nel senso, non è che ne parla costantemente... mi sembra tranquillo... studia, si fa i fatti suoi... però poi se si mette in mezzo l’argomento è fermo sulle sue idee oppure dal nulla inizia a stare male e a raccontare queste storie sulla persecuzione senza senso... poi torna tranquillo... ed è capace di tenersi i pensieri per sé senza raccontarci nulla...
grazie in anticipo!!

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Direi che è verosimile, pensieri come quello dei microchip sono abbastanza classici. Di solito sono secondari al fatto che la persona ha allucinazioni uditive in cui crede di sentire altri che ripetono cose private, che nessuno dovrebbe sapere, o legge atteggiamenti di commento alle azioni che fa, come se gli altri sapessero quello che pensa, fa nel privato, scrive etc
E allora si convince di microchip, telecamere, spie, etc.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it