Utente 330XXX
Salve, ho ottenuto il riconoscimento dell’invalidita Civile al 46% per disturbo schizoaffettivo nel 2013. Ora, dopo 5 anni di cure , sto benissimo, conduco una vita normale, lavoro, (faccio l’insegnante) ho una famiglia con un bambino di 3 mesi. Ripeto, sto benissimo, così tanto da far pensare alla psichiatra che mi segue di rilasciarmi un certificato di guarigione. Volevo sapere come fare nel dettaglio, ( proprio come elaborare la domanda per la cancellazione dell’invalidità). (Si elabora on line? Nel sito inps?). Che probabilità ho di farmi togliere quest’invalidità che mi crea notevoli problemi con la mia patente di guida? Grazie anticipatamente per la risposta.

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Certo, può richiedere tramite il curante una visita di revisione dell'invalidità. Poi la guarigione può essere intesa in vari modi: clinica, biologica. Se ad esempio prende una cura e sta benissimo, è clinica. Se non ha bisogno di prendere cure perché la malattia è finita, biologica. Lei assume tuttora una cura presumo.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 330XXX

Gentile Dottor Pacini, io ancora mi curo facendo una puntura ogni 60 giorni di Moditen Depot, farmaco che tra l’altro adesso ( dal gennaio 2019) non è più in produzione. Quindi dalle sue indicazioni deduco che sia una guarigione clinica. Relativamente alla mia invalidità nelle pagine del verbale è scritto che non è prevista revisione dell’invalidità! Informandomi con l’inps mi dicono che mi devo recare alla sede inps e compilare un modulo con la richiesta della cancellazione dell’invalidità. Devo andare dal medico curante ( medico di base) per inoltrare richiesta di cancellazione oppure devo andare alla sede inps per fare richiesta io stesso? Grazie mille dottore per la risposta.

[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Beh, l'invalidità è relativa ad una diagnosi per come era nel momento in cui è stata valutata. Se le condizioni sono radicalmente cambiate la persona può certamente chiedere di essere rivalutata. Non cambia la diagnosi, ma cambia la valutazione dell'invalidità attuale, che non mi sembra sia "chiusa" dall'inizio.
Non ho idea se possa farlo direttamente all'inps o solo tramite il medico, di solito per richiederla si passa dal curante, presumo che il medico di base sappia come funziona la procedura.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 330XXX

Gentile Dottor Pacini,
mi chiedo se alla visita di revisione della mia invalidità mi abbasseranno la percentuale dal 46% a magari a 0. Sotto quale soglia non avrò più problemi con la patente?

[#5] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Chiedendo una valutazione, Lei si sottopone ad un giudizio, che poi chiaramente non può contrattare.

La valutazione sulle capacità di guida in realtà si fa in base al tipo di invalidità: è chiaro che se una persona ne ha una totale o quasi, è probabile che sia ritenuto non idoneo, ma non è sempre automatico.

Essendo richiesti dei requisiti psichici, se si ha una invalidità psichica alta, e la diagnosi riguarda un disturbo psicotico, che ha sintomi psicotici continui, e non è curato con successo, è chiaro che è molto probabile che non si sia ritenuti idonei.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 330XXX

Gentile dottor Pacini,
quest’anno, alla visita di validità della patente sono stato ritenuto idoneo ma per la prima volta dopo anni di rinnovo annuale regolare mi hanno messo delle restrizioni. Non posso guidare in autostrada, posso guidare nelle ore diurne e ciliegina sulla torta non posso superare i 50 kilometri orari. Io ora sto facendo valere la mia posizione attraverso il mio avvocato. Ho una invalidità del 46% relativa al disturbo schizoaffettivo. Ora la mia domanda è, se mi rivalutano la percentuale di invalidità abbassanda notevolmente potrò avere tranquillamente la patente valida per 10 anni come prima?

[#7] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Dipende dalle ragioni per cui la sua invalidità dovesse essere ridimensionata. Il che dipende dalle ragioni per cui la sua guida è stata limitata, sarebbe importante saperle. Per la terapia, per la diagnosi in sé, perché la malattia non era bene in equilibrio all'epoca ?Su questo deve informarsi, cos magari quando si presenta lo psichiatra che aggiorna i colleghi sa di preciso cosa scrivere.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#8] dopo  
Utente 330XXX

Nel momento in cui ho chiesto alla commissione medica il perché la mia patente è stata limitata il presidente mi ha risposto che è per la patologia. Ma se fosse realmente così anche gli altri anni avevo la stessa patologia e facevo lo stesso farmaco eppure la patente è stata sempre rinnovata senza particolari problemi. Ha ragione dottore, devo chiarire questo dettaglio importante. Grazie per il consulto

[#9] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Si vede che ad un certo punto hanno scelto di limitare le concessioni delle patenti. Comunque, se la patologia è in una diversa situazione clinica, ha senso chiedere di essere rivalutati.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it