Utente 361XXX
Salve, gentili dottori. Sono in cura psicoterapica e farmacologica per stati ansiosi con umore depresso, anche se sto meglio. Vi scrivo per avere chiarimenti su una cosa. Adesso assumo questi medicinali: Efexor, Valium, Depamide e solo in caso di forte crisi Tavor oro. Con lo psichiatra attuale mi sto trovando molto bene e mi sento attivo. Con lo psichiatra precedente, che ho lasciato per mancata alleanza terapeutica, era successa una cosa: come farmaci prendevo il Depakin, il Delorazepam, l'Haldol e l'Entumin e non solo dormivo moltissimo (dalle 01 alle 14 e dalle 15 alle 17), ma mi sentivo anche molto svogliato. Da quando sono in cura da questo nuovo psichiatra, assumendo la venlafaxina da 150 mg, mi sento energico e non ho piú molta voglia di dormire. Il mio psichiatra precedente sosteneva che non fossero i farmaci a farmi dormire, ma, da quando sto in cura da questo nuovo psichiatra, non ho piú molta voglia di dormire e mi sento attivo. Vi chiedo: l'Haldol e l'Entumin possono far dormire molto e rendere svogliati, e causare problemi di concentrazione, cosí come i neurolettici in generale? Vi ringrazio in anticipo per le risposte!

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Si, possono avere quell'effetto, non è cosa strana, però andrebbe chiarita la diagnosi, perché quella cura non era certo per stati ansiosi, e questa comunque contiene il depakin. Quindi potrebbe essere che, se si tratta di un disturbo dell'umore, prima ci fosse una fase diversa, e adesso sia stato messo un antidepressivo perché la fase è depressiva. Bisognerebbe capire se i farmaci di prima erano stati messi perché aveva dei sintomi psicotici, cosa che renderebbe allora discutibile l'uso di antidepressivi ora.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 361XXX

Caro dottor Pacini, soffro di dismorfofobia, come diagnosticato dai chirurghi plastici e lo psichiatra. Non ho mai avuto episodi psicotici e nemmeno in famiglia ci sono stati.

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Ho capito. Si tratta di due strategie di cura diverse, la prima basata sull'attenuazione della "partecipazione" al tipo di pensiero, questa (presumo) basata sull'idea di trattarla come un pensiero di tipo ossessivo. Dico presumo, perché non so se è stato questo il discorso fatto.
La differenza invece in termini di effetti è comprensibile in base alla diversità delle due medicine.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 361XXX

La ringrazio tanto. Si può spiegare meglio, cortesemente? Che differenza c'è tra la prima terapia e la seconda?

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Che i farmaci tipo haldol ed entumin attenuano l'invasività di un pensiero, e anche la tendenza a considerarlo urgente, sensato e prioritario. Un farmaco tipo l'efexor può invece essere pensato per rendere il pensiero meno tormentante, meno assillante, supponendo che la persona però appunto desideri liberarsene.
Il ruolo del depakin non saprei invece.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 361XXX

Ho capito. Io sono un docente elementare e sto in malattia, e la diagnosi di "stati ansiosi con umore depresso" è stata fatta da un medico dell'INPS, perchè mio padre, quando sono andato alla visita, non essendo stati reperibile per quella domiciliare per visita psichiatrica, ha detto al medico di non scrivere dismorfofobia, temendo che quest'ultima diagnosi potesse compromettere il mio lavoro. Poi le faccio un'ultima domanda: l'Efexor da 150 mg o il Depamide possono causare diminuzione del bisogno di riposo?

[#7]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
L'efexor, sì, ma non è detto che sia un buon segno, nel senso che un conto è la sonnolenza eccessiva, altro è dormire poco e non richiedere riposo, che invece è diverso.
Siccome la terapia con depakin farebbe pensare ad una diagnosi ancora diversa, andrebbe chiarito che non sia così e che quindi l'uso degli antidepressivi non sia da ponderare con il rischio di fenomeni di ipereccitazione.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#8] dopo  
Utente 361XXX

Capito. Comunque ora che non sto andando a scuola sto dormendo dalle 4 alle 11 e del Valium gocce sto a prendere questo dosaggio: 7 di mattina e a pranzo, e 20 la sera. Vede, caro dottore, il fatto è che a me il sonno viene troppo tardi, ma non soffro d'insonnia.