Utente 101XXX
Salve a tutti gentili Dottori, avrei bisogno di un consulto o forse di essere un po tranquillizzato.
Ho 30 anni, peso nella norma, non fumo, ma premetto di essere un tipo molto ansioso, che va alla ricerca dei vari sintomi su internet, cosa che so assolutamente non si dovrebbe fare.
Ho iniziato ad avere quest'estate delle vampate di calore di brevissima durata alla pianta del piede sinistro, e dopo una paio di settimana tale episodio si sposta alla pianta del piede destro con l'aggiunta di episodi di vampate di calore alla gamba destra.
Ho cercato di tranquillizzarmi assoggettando tutto all'ansia e al fatto che indosso dei plantari.
A inizio gennaio ho iniziato ad avvertire una sensazione di malessere generale, dolori muscolari, tachicardia ecc.
Ho provato per curiosità a misurare la pressione ed effettivamente ad ogni misurazione la minima era sempre superiore a 90.
Alla misurazione di una pressione pari a 157-97 e circa 100 battiti al minuto sono andato dal medico il quale ha anch'esso riscontrato pressione alta ma ha assoggettato il tutto a forte ansia e vita troppo sedentaria.
Ho effettuato una visita cardiologica con esito negativo; il cardiologo ha riscontrato una pressione normale [120-80] e ha attribuito anch'esso tutto allo stato di agitazione.
Dopo qualche settimana, sono ritornati gli episodi di tachicardia ma questa volta accompagnati da vampate di calore nella parte superiore del corpo, soprattutto la parte del collo.
Tachicardia e vampate sono accompagnati da, un senso di stordimento, di testa pesante, di tensione al collo e acufeni.
Ho constatato che soprattutto durante questi episodi tendevo ad avere una temperatura corporea più elevata con intervalli tra 36.9 e 37.2. Come se non bastasse, sto iniziando ad avvertire delle sensazioni di formicolio su tutto il corpo, che scaturisce poi in una sensazione di prurito.
Oggi ho effettuato le analisi del sangue e sono in attesa dei risultati.
Può il cardiologo essersi sbagliato?
O è un fatto di somatizzazione ansiosa?
In passato ho anche avuto attacchi di panico per per fortuna poi non si sono piu ripetuti.
So bene che molti di questi sintomi possono essere attribuiti all'ansia, ma queste vampate, l'avere precedenti in famiglia di presisone alta, mi fanno preoccupare.
Inoltre ho letto che alcuni sintomi come acufeni o prurito sono anche attribuibili a malattie ben piu gravi.
In attesa di risposta, Vi auguro una buona serata.

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Sono tutti sintomi aspecifici che possono avere una base ansiosa.

Una volta acclarato che la situazione è dipendente dall'ansia è utile effettuare una visita psichiatrica per far stabilire un trattamento adatto ai disturbi lamentati.


Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#2] dopo  
Utente 101XXX

La ringrazio per la tempestiva risposta dottore. Oggi purtroppo i sintomi di vampate di calore unite a brividi e tensione alla testa e al collo si sono presentati all improvviso prima di pranzare. Simultaneamente a questi sintomi ho constatato la comparsa di altri sintomi quali una sorta di tappo e pressione alle orecchie e una sensazione di pesantezza agli occhi. Quasi come mi stressi per addormentare ma di colpo poi "mi risveglio" all improvviso. Dopo un po' ho controllato la pressione e con mia sorpresa era 125/70. Dottore mi Creda mi sembra di impazzire. Attendo i risultati delle analisi, ma ora inizio a preoccuparmi che, essendo la pressione buona, questi disturbi possano essere dovuti a qualcosa di grave a livello celebrale. Dovrei indagare con una RM? Oppure può essere riconducibile all enorme stato dj ansia o cervicalgia/cefalea tensiva?
Le auguro una buona serata.