Utente 587XXX
Buonasera
Scrivo qui perché ho bisogno di aiuto... mia moglie da dicembre 2019 in seguito al intervento su un neo sulla schiena ha cominciato ad avere dei attacchi di panico... (prima del intervento per 2 settimane non dormiva piu di 2/3 ore a notte) andando diverse volte (4) con lei al pronto soccorso...
Prima di andare al pronto soccorso in macchina mia moglie mi ha detto che si sente di me-da perché ha avuto delle fantasie con una persona e che mi voleva anche lasciare... siamo sposati da 15 anni... io mi sento felice con lei...
In seguito alla prima vista al pronto soccorso li avevano prescritto Trittico e Xanax 0, 25mg che dopo 2 giorni il dottore di base glielo ha eliminato perche la agitava (eccitava) molto di piu... rimanendo con il Xanax e cominciando con Citalopram 20mg, prima 5 gocce fino a 15 gocce... dopo 1 compresa al giorno, xanax 0.50mg più delle gocce Songar 0, 375 per dormire.

Dopo 15 giorni mia moglie ancora aveva dei attacchi di panico e siamo recati ancora al pronto soccorso... dove gli hanno aumentato il Citalopram a 1 compresa e 1/2 (30mg) piu Xanax da 1mg 3 volte al giorno.

Dopo altre 2 settimane non ho visto il minimo di buono... e tramite una amica di mia moglie siamo andati alla Casa della Cura Mentale che in seguito alla visita gli ha prescritto Quetiapina 25mg x 2 volte/g che e stata l'unica medicina che gli ha fermato i pensieri...anche quelli di farsi del male
Vorrei sapere se... secondo voi... ci potrebbe aiutare... perche mia moglie sta male... non riesce a uscire dal tunel... e negativa... non va più a lavorare anche se ha il suo salone da parrucchiera... non fa da mangiare... non va in palestra...
Il 5 marzo abbiamo avuto un appuntamento al Centro Mentale (in base al nostro indirizzo) è ci hanno detto di andare avanti ancora per un altra settimana con la terapia...
Ieri 11.03 ci siamo sentiti per telefono con la Dr.
per colpa del Coronavirus... e ci ha detto che se gli pensieri non si fermano (anche se un piccolo miglioramento c'è) , di prendere 3 pillole di Quetiapina da 25mg al giorno.

La cosa che non la capisco e che ancora non ha un diagnostico...
Qualcuno mi potrebbe consigliare se la terapia e buona... come funziona?
Quando potrebbe dare dei segnali positivi alla terapia?
Quando dovrebbe stabilizzarsi?


Io sono in aspettativa da lavoro perché non posso lasciarla da sola... ho paura perché in passato mi aveva detto che vuole farsi del male... che non c'è la fa più... una volta mi ha chiuso il cell.
mentre parlavo con lei che non c'è la fa più e sono fuggito dal lavoro e non rispondendomi ho chiamato per paura 112... che dopo gli ho trovato acasa con lei... per fortuna non era successo niente...
Adesso si fa dei pensieri anche sul fatto del virus... e siamo chiusi in casa... e molto dura...
vorrei dei consigli...
grazie a tutti

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
La terapia va portata a dosaggi terapeutici per stabilire un trattamento che abbia efficacia.

Le altre precedenti sono state utilizzate per tempi troppo brevi.



Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#2] dopo  
Utente 587XXX

Grazie Dr. Saverio per la risposta.
Le altre terapie sono state utilizzate per tempo troppo brevi.. dopo quanto tempo dovevano dare un miglioramento? Perché oggi sono 30 giorni da quando prende 30mg di Citalopram considerando che prima per28 gg ha iniziato con 5 gocce-15 gocce( (10gg) )poi altri 18 con 1 compresa) , 20 gg da quando li e stato aggiunta la Quetiapina 2x 25 mg.
Quando dovrebbe stabilizzarsi?
In Questa terapia potrebbe essere aumentato il dosaggio?
E normale che ancora oggi non abbia un diagnostico?
Come potrei aiutarla di più? Con i miei comportamenti?
Sarebbe utile appellare a un psicoterapeuta?
Grazie in anticipo

[#3]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Adesso però sta parlando solo di un aumento di quetiapina e non ha menzionato il citalopram già in uso.

La questione va inquadrata dal punto di vista diagnostico altrimenti gli aumenti sembrano fatti a caso.

Se si considera necessario l'uso di citalopram andrebbe portato al dosaggio terapeutico totale, cercando sempre di evitare l'uso di prodotto genericati.

Se a ciò si deve aggiungere un prodotto neurolettico anche esso va portato a dosaggio terapeutico con una indicazione al trattamento corretta dal punto di vista diagnostico.

Per ora non è utile alcun trattamento psicoterapeutico.

La terapia va gestita in funzione della sintomatologia e della diagnosi.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#4] dopo  
Utente 587XXX

"Per ora non è utile alcun trattamento psicoterapeutico." PERCHÉ?
Questa cura è stata prescritta dai dottori psichiatri del Pronto Soccorso.. in seguito alle 4 volte che ci siamo stati.. la Quetiapina e stata confermata dal psichiatra dopo che mia moglie è stata dal neurologo..e poi adesso e stata aumentata a 3 pillole di 25 mg / gg
Poi dal Citalopram ho scritto da prima.. magari lei non ha letto bene..
Comunque le mie domande erano tutt'altre..
Vorrei anche se magari un altro suo collega vorrebbe rispondere