Disturbo bipolare stato misto

Gentili e pazientissimi dottori,
soffro di disturbo bipolare e lo psichiatra ha certificato degli stati misti.

In alcuni siti specializzati ho letto che se c'è uno stato misto la diagnosi è automaticamente bipolare 1, in altri ho letto di ipomanie miste, quindi in corso di disturbo bipolare 2.

Per quanto riguarda le cause, per alcuni è la presenza di una distimia di fondo, per altri problemi di sviluppo cerebrale.
Non uso droghe quindi questo fattore l'ho escluso.

Per finire ho letto che gli stati misti sono cronici e poco trattabili.
Che non ho intervalli liberi lo sapevo e si vede da quanto poco ho combinato nella vita.
Mi domando però se la diagnosi di disturbo di personalità che mi è stata fatta "regga" alla luce di queste considerazioni, visto che ho iniziato la mia carriera di bipolare molto presto.
Ormai però forse la personalità si è consolidata e anche stabilizzando l'umore non c'è molto da fare.

Ricapitolando, tre domande: diagnosi, cause, cronicità e influenza sulla diagnosi di disturbo di personalità.

Grazie mille per le eventuali risposte.
[#1]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 34,7k 839 50
L'evidenza di tali considerazioni deve essere posta in luce alla valutazione diretta del suo specialista che può ricostruire in modo appropriato qualsiasi riferimento correlato alla patologia in essere e all'eventuale evidenza di un disturbo di II asse.

Pertanto, quando sarà possibile potrà chiarire questi aspetti specifici della sua patologia e della diagnosi.


Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it

https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139
https://swite.com/psychiatrist72

[#2]
dopo
Utente
Utente
Francamente ho paura di confrontarmi su questo di persona, in passato ai miei tentativi di capire meglio cos'ho ho ricevuto diversi commenti, da "non parlare di cose che non sei in grado di capire", risatine, inviti a vivere la vita invece di ossessionarmi, "conoscere la diagnosi è un tuo diritto" ma detto in tono irritato, ecc. Riconosco che lo psichiatra attuale è un buon medico, scrupoloso, altrimenti gentile e piacevole come persona. È possibile che senta le mie riflessioni come un'interferenza o che non mi veda in grado di farne di fruttuose in questo momento. Purtroppo però io non sono il tipo da affidarmi completamente e passivamente e in passato sono già incorsa in disastri farmacologici con annesso ricovero, ad opera di professionisti altrettanto gentili e ben intenzionati.

Grazie mille per la risposta e auguri di Buona Pasqua

Il disturbo bipolare è una patologia che si manifesta in più fasi: depressiva, maniacale o mista. Scopriamo i sintomi, la diagnosi e le possibili terapie.

Leggi tutto

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test