Utente 241XXX
Siamo la nuora il figlio di una donna di 72 anni con una forma di bipolarismo grave accompagnata da allucinazioni e tenuta sotto controllo con la sefuente cura distribuita nella giornata 3 neurontin 300, 3 depakin 300, Clopixol 6 gocce, 1quietapina da 100 e 2 quetiapina da 25
Inoltre presenta tratti istrionici e una forma di autocommiserazione continua...
bipolare da una vita ma tutto è peggiorato da quando è stato sospeso il farmaco che più la stabilizzava (carbolithium 300 3 al dì) per una insufficienza renale (attualmente la creatinina 1.79) inoltre ha una cirrosi epatica scompensata e un diabete insulino dipendente di difficile gestione
Da 2 anni è iniziato un forte movimento al braccio sx che i medici non sanno capire a cosa attribuire
Oltre a tutto questo ha delle emorroidi di difficile gestione e spesso sanguinamenti che vanno a peggiorare una situazione già complicata con piastrine basse e costante anemia

Inoltre è in cura con Hizaar, sequacor, Eutirox e kanrenol

Il quadro è molto complicato ed è difficilissimo da gestire a causa del fatto che oltre alle malattie di base, di carattere é molto egoista, scarso affetto x i 2 figli e opportunista...
ha spesso simulato sintomi per attirare l'attenzione... questo avviene 1uasi quotidianamente non capiamo più dove sta la verità dove sta la funzione... nè noi nè i dottori che l'hanno in cura... alzano le mani in segno di resa ma noi non siamo medici e spesso ci sentiamo con le spalle al muro...
ha simulato molte cadute a volte erano vere, ha fatto 10 ricoveri in 2 anni 3 di questi in psichiatria,
siamo al punto che non possiamo più allontanarci neanche per mezza giornata perché succede il finimondo
(inomtre non ci hanno dato l'accompagnamento ma solo il 100% di invalidità vive da sola con qualche ora che fa una sig.
ra x darle le medicine fare da mangaire e lavarla) non possiamo economicamente mettere nessuna badante e comunque non ci sarebbe nessuno al mondo in grado di gestirla perché vuole fare come gli pare mangiare quello che vuole alzarsi di notte e fare confusione...
chiediamo dei consigli per gestire la situazione sono 15 anni che combattiamo e quasi 4 che é peggiorata molto...ci sentiamo completamente arresi dal punto di vista psicologico

Inoltre io che sono la nuora mi occupo di momte cose, spesa medicine visite mediche etc
soffro da 10 anni di fibromialgia è da quando lei sta così mi è peggiorata tantissimo sono costantemente sotto stress
mi sento la mente debole come se volesse cedere alla depressione...
E inoltre con la situazione di coronavirus vorrebbe che fossimo sempre a casa sua Ma questo ovviamente non è possibile e sappiamo come fare per farglielo capire se non ci andiamo ci tiene sotto Scacco chiamando medici, 118, ospedale piange urla
Ps: lo psichiatra è della Asl e x telefono non fa consulti
Il medico curante spesso non ci risp al telefono e ha ragione...
Non ci possiamo permettere una casa di riposo...
Grazie anticipatamente x qualsiasi consiglio

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Deve fare riferimento agli assistenti sociali del dipartimento di salute mentale cui è in carico sua suocera per la gestione di una soluzione condivisa.


Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#2] dopo  
Utente 241XXX

Dott Ruggiero la ringraziamo della sua risposta, proviamo a chiamare oggi stesso, anche ieri voleva andare all'ospedale per futili motivi, ma ovviamente causa covid-19, metterebbe a rischio tutti,
ci aspettiamo che combini un guaio...è come cercare di fermare un cavallo imbizzarito
Ma per soluzione condivisa cosa ci possiamo aspettare? Glielo chiedo perchè possiamo esser pronti alla risposta e non sentirci dire che non possono far niente come sempre!
Grazie