Utente
Buongiorno dottori,
Sono un ragazzo di 19 anni che soffre di disturbo ossessivo compulsivo.
Attualmente sono in cura con sertralina 100 mg, assumevo anche Risperidone 1 mg ma a causa di livelli troppo alto di prolattina, lo psichiatra ha deciso di farmi interrompere l’assunzione.
Quando assumevo anche l’antipsicotico stavo molto bene, ora a distanza di 3 mesi che non lo prendo più ho notato delle ossessioni (se così si possono chiamare) nuove che ho.
Innanzitutto quando assumevo il neurolettico, lo assumevo alle 21 e di conseguenza dopo circa due ore mi veniva sonno e dormivo molto bene.
Ora però sono nella seguente situazione: sento costantemente il bisogno di urinare, giorno e notte, ogni 10 minuti circa.
Vi faccio un esempio: quando vado a dormire, prima di andare a letto urino, subito dopo quando mi metto sotto le coperte sento nuovamente lo stimolo, così vado nuovamente in bagno per urinare, dopo quando torno a letto, trascorsi anche solo 5 minuti sento nuovamente la necessità di svuotare la vescica.
Ogni notte vado avanti così per ore facendo viavai tra letto e bagno, anche se non mi scappa controllo sempre se mi scappa perché anche solo un minimo livello di urina che sento, ho bisogno di svuotarmi.
Il mio pensiero fisso quando sono sotto le coperte è l’andare a fare pipì.
È più forte di me, credo anche di sforzare la vescica perché a volte escono solamente gocce, anche se sento il bisogno di fare pipì.
Ogni giorno è la stessa storia da circa un mese, le notti ormai non dormo perché faccio viavai tra il letto e bagno anche per 3-4 ore, di conseguenza mi stanco anche molto di spingere per urinare ma non riesco a controllarmi, ogni 5-10 minuti mi sento pieno e ho bisogno di svuotarmi perché se non lo faccio mi dà molto fastidio.
Secondo voi può dipendere dal disturbo ossessivo questo bisogno di fare pipì?
Devo ritornare dallo psichiatra?
Non ne posso più di passare ore e ore in bagno a sforzarmi.

Altra cosa: a volte quando controllo che ore sono e leggo l’ora, controllo anche più volte perché la mia mente non è sicura di quello che ho visto e mi porta a riguardare ossessivamente l’ora anche per 3-4 volte di seguito.
È normale?

Aspetto riscontro e mi scuso ancora per il disturbo.

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
È probabile che la sintomatologia sia ascrivibile ad un peggioramento del disturbo ossessivo per cui la terapia va valutata una variazione specifica.


Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139
https://swite.com/psychiatrist72

[#2] dopo  
Utente
Gentile dottore,
Grazie per la risposta. Non riesco a capire se si tratta però di un’ossessione, non appena sento il minimo stimolo di urinare, lo faccio, non riuscendo a sopportare l’idea di avere anche un minimo residuo di urina. Questo mi porta come ho detto a passare delle notti in bianco per via di questa situazione. Ho notato che sono ritornate anche le ossessioni di controllo, Le faccio degli esempi: quando utilizzo il forno o un elettrodomestico, devo necessariamente controllare più volte di averlo spento per paura che possa prendere fuoco la casa, ogni volta che entro in una stanza e accendo le luci, quando esco mi domando sempre se le ho spente e questo mi porta a tornare indietro per vedere se l’ho fatto (cosa che ho sempre fatto), tempo fa avevo l’ossessione di poter lasciare inconsapevolmente la torcia del telefono accesa, quest’ossessione si è intensificata costringendomi a controllare più volte nel corso della giornata se la torcia è accesa. Domani contatterò lo psichiatra, ma nel frattempo volevo chiederLe, all’ultimo appuntamento lui mi aveva detto che se la situazione sarebbe peggiorata in assenza del Risperidone, due sarebbero state le strade percorribili: 1) aumentare il dosaggio di sertralina da 100 a 150mg; 2) aggiungere l’Olanzapina (dato che il Risperidone mi alzava i livelli di prolattina). Queste sarebbero le due strade percorribili e mi ha detto che spetta a me la decisione se aumentare la sertralina o aggiungere l’antipsicotico (Ovviamente sotto il suo controllo). Cosa è meglio secondo Lei?
Ultima domanda: io peso 52 kg, quindi secondo Lei, 150 mg di sertralina sarebbero eccessivi rapportati al mio peso?
Grazie.