Utente
Salve,
Sono una ragazza che da alcuni anni soffre di disturbo ossessivo compulsivo.

Sono migliorata molto negli anni, ho seguito due psicoterapie che mi hanno giovato e martedì inizierò di nuovo.

La mia domanda è: è vero che il doc si basa su pensieri intrusivi irreali che ormai ne riconosco la gran parte, ma può nascere da un problema reale che poi ingigantisco e mi genera ansia?
È sempre lo stesso meccanismo?

In pratica, ho una relazione da circa due mesi: il problema che mi ha creato l'ansia è che a letto ahimè, ci sono dei problemi e non so quali siano.
All'inizio non gli ho dato peso, poi qualche sera fa, dopo un rapporto andato non benissimo ho provato "fastidio", nervoso e da lì è nato il mio pensiero ossessivo "e se provo fastidio è normale?
E se non va bene a letto è normale?
Come posso trovare una soluzione?
E se significa che non provo niente per questo ragazzo?
E se e se e se..."
Come fare a non cadere nel doc quando un problema davvero esiste e mi scaturisce la preoccupazione?

Grazie a chi risponderà

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Due psicoterapie ed iniziarne una terza con la permanenza di questi sintomi è proprio una cosa assurda.

È evidente che i suoi trattamenti non hanno dato un beneficio completo e ciò depone per una condizione del disturbo che va trattata appropriatamente attraverso una visita psichiatrica.


Dr. F. S. Ruggiero


http://www.francescoruggiero.it
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

https://wa.me/3908251881139

[#2] dopo  
Utente
No, quello che volevo dire è che "riprendo"l'ultima terapia iniziata e mai portata a termine perché all'epoca, quando ebbi problemi di doc da relazione, mi lasciai e capisce che non c'era più modo di fare esercizi pratici al riguardo in quanto non avevo più motivo di avere ossessioni.
Comunque da come lei dice, è come se fossi "spacciata": o farmaci, o sono inguaribile. Scusi, la sua risposta non mi è piaciuta. Non è così. Non stigmatizzo i farmaci, ma il mio psicoterapeuta dice che non sono necessari per la risoluzione del problema perché alleviano solo i sintomi e manco sempre.
Comunque è il modo che secondo me è poco professionale. Deduco che sia psichiatra anche lei!
Grazie
Cordiali saluti