Utente
Buongiorno,
Sono in cura presso psichiatra per problemi di ansia e panico mai guariti del tutto.
Attualmente prendo paroxetina sottodosata (10mg).
Mi è stato proposto di cambiarlo ma mi sembra che siano tutti più o meno così questi SSRI quindi ancora prendo paroxetina, se aumento la dose aumentano anche gli effetti collaterali e sono già al limite dell'accettabile per me.


Il mio problema non si è mai risolto.
Ho ansia e panico da molti anni.
Non riesco a fare una vita normale.
Molte cure psicologiche fatte (terapia breve strategica, psicodinamica, analisi), tutte con effetti quasi nulli e problemi che si ripresentano.


Adesso stavo cercando di tornare al lavoro ma sto male e non riesco per via del panico che mi viene mentre lavoro, mal di stomaco, ansia, mal di testa, depressione.
Alla fine ho rinunciato e sto lavorando da casa solo occasionalmente e con molto disagio mi reco in sede.
Sono stufo di questa vita ma i farmaci e le terapie non funzionano e non riesco più a fidarmi dei medici.


Non posso prendere farmaci se mi fanno stare male invece di curarmi.
La paroxetina è un farmaco molto forte per me, ne prendo poca e già ho effetti troppo forti.
Inoltre mi fa sentire distante da me stesso, non provo più emozioni, mi toglie un po' la depressione, ma anche la gioia (se mai ce ne fosse) anche l'essere felice ecc, per non parlare del fatto che non ho più libido (solo con 10 mg!).
Certo va benissimo per creare persone - robot ma non per una persona che vuole stare bene.
Cos'altro posso fare?


Lo psichiatra mi ascolta parlare, non dice quasi nulla.
Mi dice di non mollare.
Dopo tutti questi anni e tante cure ormai mi sto rassegnando a una vita mai vissuta davvero.

Mi disprezzo.
Vorrei sparire.

[#1]  
Dr. Giovanni Portuesi

28% attività
16% attualità
16% socialità
PINEROLO (TO)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Considerato anche la situazione depressiva di cui sembra parlare nella lettera direi che si può prendere in considerazione di cambiare al paroxetina con un altro SSRI o SNRI ( duloxetina e venlafaxina ) che non necessariamente avranno gli stessi effetti collaterali della paroxetina.
Dr Giovanni Portuesi

[#2]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Concordo col collega, e aggiungo che gli ssri non sono tutti uguali, se si fa guidare dai suoi pregiudizi non va da nessuna parte.
Franca Scapellato

[#3] dopo  
Utente
Forse sono inguaribile.

[#4]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Se espone questo dubbio e lo scrive qui è perché (giustamente) non è convinto di essere inguaribile.
L'effetto collaterale del distacco emotivo, il problema della libido e così via non sono uguali per tutti i farmaci antidepressivi (che poi si chiamano così, ma hanno indicazione sull'ansia cronica).
Franca Scapellato

[#5] dopo  
Utente
Pensavo che la psicoterapia servisse a farmi passare i problemi. Invece vado dallo psichiatra parlo e non cambia niente. Comincio a pensare seriamente non ci sia rimedio.

[#6]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Se sta seguendo un percorso psicoterapeutico di qualsiasi genere le consiglio di riferire queste osservazioni al terapeuta, se no perdete tempo in due.
Franca Scapellato