Utente 120XXX

Gent.mi Medici dello Staff,
Vi scrivo questa mail perchè la qualità della mia vita sta diventanto sempre peggiore. Cercherò di essere quanto più concisa nell'esporre il mio problema. Tutto ha inizio circa 5 anni fa a meno di 5 materie dalla Laurea.Senza alcun apparente motivo una sera d'estate avverto un forte malessere: capogiri, senzo di soffocamento, palpitazioni, formicolio alla bocca, alle mani ed alla testa, sudorazione alle mani ed ai piedi. I miei mi portano al P.S e il medico di guardia sostiene che il tutto era legato ad ansia/stress e che la sintomatologia era riconducibile ad una attacco di panico!Nei gg. seguenti i miei prenotano una visita da uno specialista neurologo con oltre 40 anni di esperienza. La diagnosi è la stessa: attacchi di panico! Tengo a precisare che sino ad allora avevo condotto una vita serena, niente traumi, una bella famiglia, dei genitori ed un fratello splendidi, nessun problema economico o altro! Ma soltanto le classiche e normali "difficoltà" della vita quotidiana.
Ho intrapreso varie terapie farmacologiche sempre seguita da questo neurologo che tuttora mi segue. Tra alti e bassi sono passati 5 anni ma ogni volta che penso di avere vinto la battaglia ecco che ricado e le ricadute sono sempre peggiori! Adeso vivo nel terrore di fare la classica siesta pomeridiana, dopo pranzo. Mi appisolo per 10-30 min ed il risveglio è terribile: palpitazioni fortissime, parestesia alle mani, sudorazione fredda, senzo di soffocamento...in poche parole ho la sensazione di morire! Ennesimo consulto con il neurologo che dopo varie terapie adesso mi ha prescritto la seguente: 3 volte al dì DEPAMAG compresse da 200, in associazione al Lorans compresse da 1 mg e a FRONTAL compresse da 0.25 mg.
Cari Dottori, Vi chiedo scusa se la mia mail è molto lunga e noiosa ma credetemi non riesco più a vivere in questo stato, sto male davvero! Qualsiasi cosa è fonte di attacchi di panico persino uscire la sera con gli amici di sempre per mangiare una pizza! Rientro a casa apparentemente rilassata e serena ma nel bel mezzo della notte mi sveglio in preda ad un ennesimoo attacco!
Cosa mi consigliate di fare?
Mi rimetto nelle Vs. mani come se fossi una figlia o una sorella!
Vi ringrazio a priori per l'attenzione e Vi auguro un sereno fine settimana!

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
gentile utente

il trattamento attuale non e' propriamente per attacchi di panico. quali erano i suoi trattamenti precedenti?
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#2] dopo  
Utente 120XXX


Gent.mo Dott. Ruggiero,
innanzitutto La ringrazio per l'attenzione dimostrata al mio caso.
Nel rispondere alla Sua domanda devo precisare che di terapie farmacologiche ne ho seguite tante in questi ultimi 5 anni. Le più recenti sono le seguenti:PASADEN da 1 mg mezza compressa alle 8:00, mezza alle 14:00 ed una la sera dopo cena, SEREUPIN compresse da 20 mg., una compressa alle 8:00 ed una alle 14:00 assieme al PASADEN e CIPRALEX da 10 mg una compressa la sera dopo cena assieme al Pasaden. In genere ogni trattamento l'ho seguito per 60-90 gg.
L'ultimo trattamento invece, prevedeva Lorans compresse da 1 mg e TATIG compresse da 50 mg da prendere insieme la mattina e a pranzo. La sera invece, LORANS da assumere in associazione a SEDANS capsule.
Da un paio di gg. invece ho iniziato la nuova terapia che ho inserito nel post precedente ma temo che anche questa non mi darà grandi risultati.
Me ne accorgo perchè il mio risveglio dopo la breve siesta del pomeriggio è sempre lo stesso: agitazione, palpitazioni intense, sensazione di soffocamento. Tuttavia, oggi i sintomi sono stati un pò più blandi e soprattutto di più breve durata rispetto ai precedenti!Una manciata di minuti contro i 20- 30 delle volte precedenti!
A questo punto gent.mo Dottore cosa mi consiglia di fare?
Vivo nell'incubo di un nuovo episodio e mi creda non so più a quale santo votarmi! Ritiene che possa essere utile affiancare alla terapia farmacologica anche un supporto psicologico?
La Ringrazio ancora per la sua disponibilità e Le auguro una felice Domenica.

[#3]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
gentile utente

i trattamenti che descrive non corrispondono ad un trattamento standard e non sono stati rispettati i dosaggi massimi di trattamento che andavano introdotti e mantenuti per un tempo sufficiente.

La invito a sentire un altro parere.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#4]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Intanto dovrebbe chiarire che tipo di terapia sta facendo. Quella attuale non è per un disturbo di panico, ma per un disturbo bipolare. C'è stata un'evoluzione da prima ad ora che ha indott il medico a modificare il tiro ? Ha avuto episodi agitati o aggressivi o iperattivi mentre assumeva la cura precedente ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#5] dopo  
Utente 120XXX


Gentili Dottori,
a mio avviso nulla è cambiato dal primo episodio di attacco di panico per ciò che concerne la sintomatologia da me riferita. Non ho mai avuto episodi di aggressività o altro nè in corso di terapia nè in assenza di terapia. Tuttavia il momento della giornata in cui sto veramente male è il risveglio dal riposo (20-30 min) pomeridiano.Palpitazioni, agitazione, sensazione di soffocamento, vertigini, formicolio alle mani, talvolta anche alle labbra o alla testa, sudorazione alle mani e ai piedi, sensazione di bocca asciutta. Di recente avverto anche un pò di inappetenza.Spesso però queste crisi mi colgono anche in altri momenti della giornata, quando meno me lo aspetto e senza apparenti validi motivi!Come riferito nel primo post per me trascorrere una serata in compagnia con gli amici di sempre è diventato motivo di paura! Mi diverto ma rientrata a casa è capitato durante la notte che mi risveglio con il solito malessere.
Di recente ho trascorso un fine settimana fuori con 4 carissime mie amiche, durante il soggiorno fuori sono stata "bene" anche se avvertivo di tanto in tanto qualche leggero malessere....Ciò che è stato terribile è il rientro a casa! Non appena ho rivisto i miei mi sono sentita subito al sicuro, bene, ma al risveglio l'indomani....ho visto la motre con gli occhi!
Sono davvero stanca credetemi ma, soprattutto scoraggiata!
Non so veramente cosa fare adesso!
Spero che possiate darmi lumi in merito.
Grazie sempre e cordiali saluti.

[#6]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Forse non ci siamo capiti. La cura attuale (solo depakin) non è una cura antipanico. Allora, o c'è una vistosa incongruenza o semplicemente la diagnosi fondamentale nel frattempo è stata modificata. Non sarebbe strano.
Se c'è un disturbo bipolare si può scegliere di non utilizzare antidepressivi ma di mirare prima alla stabilizzazione comportamentale, che altrimenti potrebbe peggiorare. Questo se effettivamente la diagnosi è diversa.
CHiarisca questo con il medico.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#7]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Forse non ci siamo capiti. La cura attuale (solo depakin) non è una cura antipanico. Allora, o c'è una vistosa incongruenza o semplicemente la diagnosi fondamentale nel frattempo è stata modificata. Non sarebbe strano.
Se c'è un disturbo bipolare si può scegliere di non utilizzare antidepressivi ma di mirare prima alla stabilizzazione comportamentale, che altrimenti potrebbe peggiorare. Questo se effettivamente la diagnosi è diversa.
CHiarisca questo con il medico.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#8] dopo  
Utente 120XXX


Gent.mo Dott. Pacini,
non so se il farmaco da Lei citato (depakin) contenga lo stesso principio attivo del DEPAMAG ma la mia terapia attuale prevede l'assunzione 3 volte al dì del DEPAMAG 200 in associazione a LORANS compresse da 1 mg. e a FRONTAL compresse da 0.25 mg.
Forse non mi ero spiegata bene nel primo post inviato!
Approfitto della Vostra disponibilità per chiederVi un ulteriore parere: sarebbe opportuno affiancare alla terapia farmacologica anche una sostegno di tipo psicologico?

Grazie della pazienza e buon lavoro!

[#9]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
gentile utente

lei pero' non legge quello che le viene scritto.

Attualmente il suo trattamento non sembra corrispondere a quello per attacchi di panico mentre non e' chiaro il motivo di questa sua prescrizione in assenza di nuovi sintomi.

Decidere o meno un affiancamento di trattamento può essere fatto se pero' e' chiara la diagnosi e gli scopi del trattamento.

Diversamente rischia di perdere tempo e denaro.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#10]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

se crede chiarisca il punto sulla diagnosi. depakin o depamag è sempre uguale. Al momento la terapia non è impostata come terapia per il disturbo di panico.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it