Dopo quanto tempo fa effetto il risperidone?

Salve, ho una diagnosi di distimia.

A novembre dello scorso anno, causa cefalea tensiva, mi venne prescritto Laroxyl 25 mg al giorno.

Verso Maggio comincio però ad avvertire una nuova sintomatologia: senso di estraneamento che riesco a gestire isolandomi totalmente.

Secondo il mio psichiatra questo nuovo sintomo era dovuto al Laroxyl, che abbiamo tolto scalandolo entro Luglio.

Per gestire questa sintomatologia che nel frattempo diventava più intensa, a Luglio ho cominciato ad assumere 0, 5 mg di Risperidone e da 4 giorni 1 mg.

La domanda è:
Si può prevedere entro quanto il Risperidone faccia effetto?

La sintomatologia è già leggermente migliorata, però questi episodi in cui devo isolarmi accadono spesso durante la giornata e mi impediscono di essere attivo, perché non si ripresenti io non devo fare praticamente nulla.

Quindi entro quando spariranno questi sintomi?

Miglioreranno sempre di più o il miglioramento avrà una sorta di punto di arresto?

Grazie anticipatamente
P.
s. per gestire l'ansia assumo anche 10 mg di paroxetina che forse in futuro porteremo a 20
[#1]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 41.3k 1k 63
Il trattamento non avrebbe una vera e propria indicazione.

L’antidepressivo è mantenuto a dosi basse.


Deve attendere e poi far rivalutare la questione non c’è una prevedibilità effettiva.



Dr. F. S. Ruggiero


http://www.francescoruggiero.it

https://wa.me/3908251881139
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

[#2]
Utente
Utente
Salve dottore. Visto che è passato un po' di tempo le riscrivo.
Sappiamo che la dose della paroxetina è bassa, infatti uno dei prossimi step è alzarla a 20 mg.
Per adesso però ci stiamo concentrando sulle dosi del Risperidone che dobbiamo alzare fino a 2 mg.
E io vorrei capire un po' meglio questa sintomatologia ( purtroppo il mio dottore è ancora in ferie, per cui non ne abbiamo potuto parlare granché)

Quindi vi chiedo è plausibile sia stato il Laroxyl a procurarmi questi episodi?
Provo a descriverli meglio.

Innanzitutto siccome gli episodi erano più forti, il mio dottore mi ha fatto aumentare il Risperidone a 1,5 mg. Questo da poco più di una settimana, e la sintomatologia era migliorata fino a ieri dove ho ricominciato ad avere questi episodi:


Gli stimoli uditivi cominciano a innervosirmi sempre di più, sento la testa come bombardata e sempre più carica, se ad esempio guardo la TV sento crescere il nervosismo a un livello tale da doverla spegnere e isolarmi totalmente per scaricarmi.
Settimana scorsa, prima di passare a 1,5 mg di Risperidone, ho avuto ospiti a casa e sono riuscito a resistere 2 ore con loro, successivamente mi sono dovuto allontanare per un'oretta per scaricarmi ma avevo ormai una tolleranza molto più breve, riuscivo a stare con loro per non più di un quarto d'ora.

Io ho fatto qualche ricerca e credo di aver capito che il Laroxyl fa aumentare la concentrazione di dopamina che mi porta ad avere questi episodi di "sovraccarico sensoriale".
Se così fosse, visto che il Laroxyl è stato tolto, la concentrazione di dopamina non dovrebbe diminuire fino a tornare normale?

Questo è ciò che ho intuito ma non essendo un medico so che vale poco o niente, per questo chiedo a voi.
[#3]
Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze attivo dal 2022 al 2023
Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze
Buongiorno,
manca un pezzo importante. La diagnosi.
La distimia non si cura con il risperidone... quello che descrive potrebbe essere un iperarousal, cioè un'attivazione eccessiva del sistema d'allarme che tutti abbiamo, con ipereccitabilità rispetto agli stimoli sensoriali.... oppure un aumento patologico della salienza. Questi sono solo termini tecnici e non diagnostici...
Perchè appunto mancano dei pezzi... soprattutto la scelta del farmaco non è chiara... e non andrei ad approfondire le ipotesi per cui il collega potrebbe averlo scelto... indubbiamente avrà avuto le sue ragioni ma queste, caro Utente, deve averle chiare anche lei. Non cerchi su internet se l'ipotesi del collega è valida, ne parli con lui.
Anche il rispondere al fatto che il Laroxyl possa aver indotto questa condizione dipende dalla diagnosi... per alcune diagnosi sì, per altre no. Non per la distimia pura sicuramente.
Il discorso della dopamina che fa lo lasci perdere, tutti gli antidepressivi hanno come via finale quella dopaminergica, ma questo ora importa relativamente senza una diagnosi!
La paroxetina in tutto questo?
Ci sono punti un po' oscuri. L'effetto del risperidone ha migliorato le cose, ma non le ha risolte.
Le consiglio di attendere e non effettuare cambiamenti autogestiti di terapia ma poi di chiarire bene questi punti. Lei ha il diritto e soprattutto lo deve a se stesso per stare meglio, di conoscere cosa la fa star male e perchè. La cura, poi, spetta al medico.
A disposizione,
cordialmente,
[#4]
Utente
Utente
Salve, grazie mille per la risposta.
Chiarisco i punti oscuri.

Da 5 anni ero seguito presso il centro igiene mentale della mia città e prendevo solo paroxetina 20 mg e le cose andavano bene, l'unico sintomo che mi portavo dietro era un bel mal di testa.
Al seguito della visita con un neurologo a novembre mi viene prescritto Laroxyl 25 mg e nel frattempo di togliere in una settimana la paroxetina.
Comincio a stare male nel giro di qualche settimana.
Così il neurologo dapprima mi prescrive 25 mg di pregabalin per l'ansia.
Non funzionando arriviamo a 100.
Non funzionando ancora ne parlo con lo psichiatra del cim e lo portiamo a 300 mg.
Funzionando ma poco, sceglie di aggiungere la paroxetina, dapprima 10 mg, poi 20. E di togliere 150 mg di pregabalin.
È inutile dire che comincio a stare malissimo, una quantità e intensità di sintomi, tra cui uno stordimento apocalittico.
La mia cura era di 25 mg di Laroxyl, 20 mg di paroxetina e 150 di pregabalin.
Siccome mi rendo conto dell'incapacità di questo dottore decido di passare a uno psichiatra privato.
Nel frattempo io decido di provare a gestire le medicine perché le dosi che dovevo seguire secondo il dottore del Cim mi facevano stare malissimo, inoltre non ero seguito come volevo.

Per cui mi presento a Marzo dal nuovo dottore(privato) con 25 mg di Laroxyl, 200 mg di pregabalin e 5 di paroxetina.
Togliamo pian piano il pregabalin, il Laroxyl e alziamo la paroxetina a 10 mg.
L'unico motivo per cui non abbiamo alzato la paroxetina a 20 mg è che interferiva con il Laroxyl e nel frattempo si era presentata questa nuova sintomatologia che sembrava l'assunzione del Laroxyl scatenasse, per cui si rendeva necessario assumere prima il Risperidone, appena dopo alzare la paroxetina a 20 mg.
Ancora non siamo arrivati allo step dell'assunzione di 20 mg di paroxetina.

Secondo il dottore io ho una distimia e la nuova sintomatologia è conseguenza di un'assunzione eccessivamente prolungata di Laroxyl.
Almeno questa era la diagnosi prima delle ferie.
Il punto è che andando in ferie non ne abbiamo potuto parlare bene ed ecco perché momentaneamente scrivo qui.

Spero questa risposta abbiamo chiarito i punti oscuri.
[#5]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 41.3k 1k 63
Non era presente nessun punto oscuro. La diagnosi era già stata indicata.

Era evidente che c'erano un miscuglio tra varie terapie nonché una autogestione per poi farla rivalutare da un nuovo specialista.


Il problema è che il tutto è stato gestito in questo modo senza una chiara indicazione terapeutica.



Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it

https://wa.me/3908251881139
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

Cefalea

Cefalea è il termine che descrive tutte le diverse forme di mal di testa: sintomi, cause, diagnosi e terapie possibili per le cefalee primarie e secondarie.

Leggi tutto