x

x

Anni e da qualche mese mi sono resa conto che soffro di attacchi di panico

Salve,sono una ragazza di 20 anni e da qualche mese mi sono resa conto che soffro di attacchi di panico! Mi spiego meglio: ho sempre amato stare in compagnia di amici,andare fuori,stare all'aperto,visitare posti nuovi ecc.. ma da quando ho questo "problemi" tutto ciò è diventato un incubo. Se gli amici mi invitano a prendere una pizza fuori,o andare al cinema ecc io devo pensarci su almeno 1h e sapere chi siamo,dove andiamo ecc perchè ho la costante paura di stare male,perchè come già successo "entro in panico" inizio ad innervosirmi,tremare,mal di pancia,necessità di andare in bagno,nausea ecc...Ho perso tutta la spontaneità di una volta. Ma se il problema con gli amici magari è ridotto,con la persona con la quale mi frequento è 5 volte peggio! Ho l'ansia/terrore di andare fuori a cena,fare un giro in macchina fuori paese.
Non so quando questa "cosa" m'ha colpito,so solo che sta diventando tutto molto di routine perchè non riesco ad affrontare la novità,ecco!
Spero che qualcuno possa in qualche modo,anche se penso sia difficile,aiutarmi o quanto meno capirmi! Grazie in anticipo.
[#1]
Dr. Giuseppe Santonocito Psicologo, Psicoterapeuta 15.7k 363 220
Aiutare le persone per gli attacchi di panico solitamente non è difficile, anzi, per quanto possano essere uno dei disturbi più fastidiosi dal punto di vista del paziente, sono anche uno dei più relativamente facili da eliminare. Ma non si può fare per email, ovviamente, occorre rivolgersi a uno specialista.

Hai già fatto qualche visita oppure finora ti sei, per così dire, tenuta tutto dentro?

Dr. G. Santonocito, Psicologo | Specialista in Psicoterapia Breve Strategica
Consulti online e in presenza
www.giuseppesantonocito.com

[#2]
Dr.ssa Franca Esposito Psicologo, Psicoterapeuta 7k 154
Cara ragazza,
Anzitutto quelli che prova non sono "attacchi di panico"! (come Le e' venuta in mente questa definizione?).
Potrebbero essere degli episodi di ansia dovuti alla compagnia.
Mi dice qualcosa di questa compagnia? Cosa rappresenta per Lei?
Cerchiamo di capire il meccanismo di insorgenza di questa Sua sensazione.
Per il momento la accetti.
Non esistono tecniche per depotenziare una reazione se non si comprende la reazione è cosa la produca.
I migliori saluti!

Dott.a FRANCA ESPOSITO, Roma
Psicoterap dinamic Albo Lazio 15132

[#3]
dopo
Attivo dal 2014 al 2015
Ex utente
Intanto vi ringrazio per avermi riposto!
Rispondo al Dr. Giuseppe: si mi sono tenuta tutto dentro in quanto è da qualche mese(2-3),pensando fosse una cosa momentanea collegata allo stato d'animo!
Rispondo alla Dr. Franca: Gli amici di sempre,persone con la quale ho confidenza e mi trovo a mio agio! Questa "cosa" sorge nel momento in cui qualcuno durante la serata propone di andare fuori paese, subito ricevo come una scossa,una doccia fredda e inizia il dolore alla pancia! Se posso evito inventando qualche scusa altrimenti salgo in macchina e sto zitta per tutto il tragitto in un'angolino della macchina. Come ho già detto ho perso tutta la spontaneità che avevo, e questa cosa mi fa stare male anche perchè mi limita parecchio.

Grazie ancora
[#4]
Dr.ssa Franca Esposito Psicologo, Psicoterapeuta 7k 154
Cara ragazza,
Cosa Le viene in mente un momento prima di sentirsi male? Si sente sola? In pericolo?
Pensa che questi amici siano intenti a divertirsi e non si prendano cura di Lei?
La Sua famiglia? Come e' strutturata?
Ha sorelle o fratelli? Piu' grandi, piu' piccoli?
I suoi genitori? Che feeling ha con loro?
[#5]
Dr. Giuseppe Santonocito Psicologo, Psicoterapeuta 15.7k 363 220
Potrebbe trattarsi di panico oppure di attacchi d'ansia di altro tipo con sintomi assimilabili al panico. Sembra abbastanza evidente che sempre di un problema di ansia si tratti, le etichette contano meno di ciò che si può fare nella pratica.

Essendo da pochi mesi che hai iniziato ad avere questi episodi, non è indispensabile il ricorso immediato allo specialista, ma tieni presente che quando sensazioni sgradevoli come quelle che stai avvertendo iniziano a instaurarsi, più si aspetta e più c'è il rischio che esse si strutturino e tendano a diventare croniche, se lasciate a se stesse.

Per l'ansia non solo esistono protocolli e metodi terapeutici pratici e ben sperimentati per intervenire, sono anche spesso risolutivi. Soprattutto quando si tratta di persone giovani. E non è quasi mai indispensabile conoscere le cause dell'ansia, per curarla. Questo da un punto di vista breve strategico.

Riassumendo: non è difficile capire quello che riporti e probabilmente nemmeno aiutarti, ma a distanza non è il modo adatto.

Ti suggerisco di aspettare ancora un po' e poi, se non notassi cambiamenti spontanei in meglio, di rivolgerti a uno psicoterapeuta per un parere.
[#6]
dopo
Attivo dal 2014 al 2015
Ex utente
Ringrazio ancora!
Rispondo ala Dr. Franca: si più o meno è come se mi sento in pericolo. No non lo penso minimamente. Siamo 4 adulti in famiglia: 2 figli,io e mio fratello due anni più grande e i miei genitori con i quali ho un buon rapporto e in loro presenza questi "attacchi" non si presentano o se lo fanno ma raramente.
Rispondono al Dr. Giuseppe: ascolterò il suo consiglio e la ringrazio. Al momento posso cercare anche su questo sito qualche generico metodo o lei sa consigliarmi qualcosa di più specifico e proficuo?
[#7]
Dr. Giuseppe Santonocito Psicologo, Psicoterapeuta 15.7k 363 220
Intendi più specifico e proficuo di una psicoterapia?

L'ansia è difficile da curare leggendo o per email, con i "consigli". O si riesce a farvi fronte da soli, oppure oltre un certo limite occorre il ricorso allo specialista.

Cos'è l'ansia? Tipologie dei disturbi d'ansia, sintomi fisici, cognitivi e comportamentali, prevenzione, diagnosi e cure possibili con psicoterapia o farmaci.

Leggi tutto