Personalità...opinione

Buonasera,vorrei avere un consulto in merito ad un mio "problema",premetto che gia ho chiesto un consulto in quest area,ma questa volta è per un motivo differente,mi presento:Sono un ragazzo di 21 anni,di corporatura normale,fisico asciutto e leggermente palestrato,ritengo di essere in forma fisica anche se l'altezza non è il massimo 176cm,sono di aspetto piacente,raramente una ragazza ha disprezzato il mio aspetto fisico,studente universitario,ho degli amici(anche se non molti)sono fidanzato da qualche mese ma,nonostante cio dovrei essere caratterialmente sicuro ed avere una buona quota di autostima ma cosi non è,per una seria i motivi che elenchero:IN conversazione con gli amici\amiche:tendo spesso ad assecondare la persona,non mi metto quasi mai in primo piano,difficilmente prendo iniziativa nel portare una discussione e un mio pensiero avanti,tendo ad acconsentire sorridendo spesso e cio sia in ambiente del giro di amicizie che frequento,sia in ambiente universitario tendono a non rendermi partecipe di una conversazione,tendo spesso a fare domande e le risposte mi vengono fornite,ma molto raramente mi vengono appunto fatte domande a me,lo stesso vale per le ragazze si mi vedono carino a primo impatto ma non mi vedono coinvolto emotivamente,e come se mi vedessero un po "vuoto".
In rapporto relazionale con la ragazza:io sono innamorato di lei e lei e innamorato di me ,fenomeno che noto sia in questo rapporto ,sia in quello precedente(sono stato fidanzato 1 anno e mezzo prima dell attuale storia con un altra) e che loro tendono a "sminuirmi" ,chiamandomi cucciolotto,risultando troppo dolce,tenero,e quando vedo cio tendo ad innervosirmi dicendo che non voglio risultare cosi,ma lei mi risponde che e questa l'impressione che gli do,una volta ricordo che feci un domanda alla mia ragazza,chiedendo di descrivermi secondo lei come le risulto caratterialmente,e lei mi disse che ero:dolce,gentile,intelligente,sensibile,affascinante,spigliato e divertente,se non fosse per il troppo dolce e sensibile andrebbe tutto okey,non voglio risultare "scemotto" davanti ai suoi occhi,ed e questa sensazione che lei a volte mi da ...Per farla breve e come se davanti agli occhi degli altri risulto un tipo che fa domande ,ottiene risposte e finisce lli,riesco ad apparire sicuro nascondendo magari le mie fragilita,e con difficoltà ad esternare i miei stati d animo ed i miei pensieri per paura di fare brutte figure nello sbagliare nel parlare,anche con l ragazza e lo stesso le faccio molte domande piu di quelle che lei fa a me,tendo spesso a cercarla io e vedo che lei non mi da la giusta attenzione quando parlo,non da peso molto alle mie parole,noto una situazione simile con la mi ex che mi lascio e si mise con un altro con un carattere totalmente differente dal mio(molto piu deciso,e vedevo che sbavava quando parlava),gradirei un consiglio ed un punto di vista su come affrontare tale situazione,grazie in anticipo.
[#1]
Dr. Magda Muscarà Fregonese Psicologo, Psicoterapeuta 3,7k 146 11
Caro ragazzo, quante cose si rimprovera .. Se il suo desiderio è apparire più assertivo , deciso, forse si può riflettere sui modelli di riferimento che ha avuto nella vita..sulle figure maschili , sulla sua storia anche , prendendo contatto con un Collega de visu.
La nostra storia influenza infatti il nostro modo di essere nel mondo.. com'era e com'è il rapporto col padre e con le figure autorevoli della sua vita.. e con l'autorità in generale ?
Inoltre le consiglio di leggere giornali sia quotidiani che settimanali , per spostare lo sguardo dal sè ed avere opInioni e riflessioni sui vari e diversi aspetti della vita..ed avere perciò idee chiare e qualcosa da dire e qualcosa su cui dissentire..
Non creda che alla fine, essere molto machi, autoritari e decisi e str.. piaccia tanto alle donne , in un primo periodo forse sì, ma che scomodi , poi...
Molti auguri e pensieri positivi !

MAGDA MUSCARA FREGONESE
Psicologo, Psicoterapeuta psicodinamico per problemi familiari, adolescenza, depressione - magda_fregonese@libero.it

[#2]
Dr.ssa Laura Rinella Psicologo, Psicoterapeuta 6,3k 119 7
<riesco ad apparire sicuro nascondendo magari le mie fragilita,e con difficoltà ad esternare i miei stati d animo ed i miei pensieri per paura di fare brutte figure nello sbagliare nel parlare>

Gentile Ragazzo,
sembra che le premesse su sé la condizionino nel suo relazionarsi agli altri.
La paura del giudizio, di non essere accettato, di apparire poco interessante, di non essere all'altezza non favoriscono il suo naturale esprimersi ma lo ostacolano e la spingono a controllarsi e a portare la maschera della persona sicura di sé.

<tendo spesso a cercarla io e vedo che lei non mi da la giusta attenzione quando parlo,non da peso molto alle mie parole >
probabilmente, lei cerca rassicurazioni e conferme dalla sua ragazza attraverso continui tentativi che percepisce poco gratificanti.

Se lei non si stima a sufficienza parte svantaggiato poiché in qualche modo crea le condizioni che regolano le sue relazioni interpersonali e gli effetti che ne conseguono.

Quindi a mio parere è sulla sua autostima che dovrebbe lavorare, imparando ad accettarsi un po' di più e affrontando le paure che la trattengono dall'esporsi in modo più sciolto e naturale nei suoi rapporti con gli altri.

Un caro saluto

Dr.ssa Laura Rinella
Psicologa Psicoterapeuta
www.psicologiabenessereonline.it

[#3]
dopo
Utente
Utente
Ringrazio per le risposte,ma se permettete vorrei chiede re un ultima cosa:ad una donna,in linea generale di che tipologia di uomo ha bisogno?non riesco a capire,si e troppo gentili , generosi e romantici e loro finiscono per essere attratti da quelli magari un po più duri,assertivi (maschi dominanti),o a volte accade viceversa..cosa ne pensate?

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio