Utente
Inanzitutto buongiorno scrivo per comunicare il mio stato attutale sono una ragazza di 25 anni non lavoro ho un fidanzato bellissimo e buonissimo che amo con tutto il cuore sono quasi 4 anni che stiamo insieme ,in famiglia siamo io mia mamma e mio padre mia sorella non vive con noi .Mia mamma si e ammalata
Di tunore al seno circa 4 anni fa quando io mi fidanzai e lui mi aiuto molto a
Superare .andiamo avanti mamma si cura pero si separa cn mio padre io vado a lavorare finche mia mamma a gennaio scorso ebbe una recidiva al seno operato e fece tt daccapo operazione chemio ecc ecc io mi sono trovata sola in qst situazione mio padre ci stava vicino ma a casa ero sola e odiavo le persone felici .nel frattempo mio padre e ritornato a casa e
Mamma si sta ancora curando ha fattoni vari controlli e le e ucito un nodulo al seno nn operato e la senologa ha ritenuto opportuno procedere con piu approfondimenti per paura di un eventuale tumore ora siamo in attesa delle risposte,vedete io nn sto bene ho l ansia per mamma nn vivo bene mi chiudo in me stessa. Ogni suo singolo dolore mi metto su internet e cerco di capire cosa possa avere ,da quando la senologa ci disse che dobeva appronfomdire pke n gli piaceva qst nodulo io nn sto vivendo piu vorrei tornare induetro nel tempo a quando era tt ok mi chiedo pke tt questo a volte dovrei uscire ma preferisco farlo quando sapremo l esito .mi sveglio tt le notti allonstesso orario con la fissazione di fare pipi mi alzo la faccio ma dopo 5 minuti minrialzo e la faccio inoltre mi vergono anche a dirlo ma io conto tipo fino a 10 o 20 prima di alzarmi dal wc con la speranza che scende un altra goccia mi alzo mi metto a letto ma dopo mi rialzo e rifaccio le stesse cose finche nn mi addormento.non sono mai stata sicura di me stessa se qlks mi dice qlks o ho una lite cn qlkn parlo solo io quando nessunommi ascolta e ripeto cio che mi e stato detto facendo anche le
Mie riflessioni ahhah ,quando lavoravo vivevo con l ansia di sbagliare ero anfhe brava nrl mio lavoro ma ero insicura ,un altra cosa quando poso l auto e la chiudo comtrollo constantemente se e chiusa correttamente e conto tipo fino a 10 o 20 cosi quando salgo a casa sono piu sicura di averla chiusa e prima di contare dv giurare altromenti dv riscendere e ricontare xke nn sono sicura qst vale anche quando sono solo e chiudo la porta a chiave ho letto su internet che si tratta di un diatrurbo ossessivo compulsivo,ma io pero nn sono una maniaca del ordine sono pulita si ma nn ho il disturbo che tt dv stare in ordine nn so cos ho lma so che nn e nnt di bello vorrei ritornare a laboro ma ho paura di rientare in quel lavoro pke ho sempre il pensiero verso mia mamma ,pero un gg o altro dv ritoranre voglio aspettare le risp ho troppa paura per mamma mi metto a legger quando un genitore muore penso a se accade e piango disperata aiutatemi per fagore il mio pensiero e fhe se le succedesse qlks io penso al suicidio perche senza lei non vivei aiutatemi vi prego sono pazza?

[#1]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012


Gentile ragazza,

ho fatto parecchia fatica e tempo
a leggere il Suo consulto, per i continui errori di battitura, abbreviazioni e mancanza di punteggiatura. Ci aiuti maggiormente in questo senso. Grazie.
......
Mi spiace assai la situazione e comprendo la sofferenza che attanaglia una figlia quando la propria madre viene colpita da una malattia grave (anche se curabile, e con buona percentuale di guarigione) come il tumore.

In questo senso Lei non è per nulla pazza.

Però il modo con cui reagisce a questo grave evento è preoccupante. E Lei lo sente, lo "sa".

Il titolo dice:
<<Ossessioni ho bisogno di un psicologo<<
E' proprio così. Ma uno psicologo/a di persona, però.
Online si possono fornire orientamenti, confermare le Sue supposizioni, ma non è possibile affrontare una situazione complessa e con varie sfaccettature quale quella che ci presenta.
Lei ha bisogno anche di elaborare la situazione di Sua madre e di far maturare la Sua relazione con lei.

Solo così potrà esserle veramente di aiuto.



Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata Sessuologa clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/

[#2]  
Dr.ssa Sara Ronchi

28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2012
Gentilissima

Lei sta soffrendo molto.
La figura di mamma fondamentale per lei è carica di ansia sulla sua malattia.
Quest'ansia profonda ha generato in lei un disturbo ossessivo compulsivo.( vedi il contare ecc)
che mette in atto x placare l'ansia stessa.
Il fatto poi che si sia ritrovata sola con lei a casa ha amplificato tutto.
Non è pazza.....e' solo una figlia sensibile alla malattia della mamma unita alla paura di perderla e di rimanere sola.
Si deve assolutamente far aiutare da uno psicologo x la gestione di questo disagio in modo tale da rasserenarsi e in modo tale che riesca ad essere anche di supporto a mamma.
In questo stato mi sembra difficile.
Coraggio non esiti a farsi aiutare!!

Cordialmente
Dr. Sara  Ronchi
sara71ronchi@gmail.com -3925207768
www.psicologa-mi.it