Utente 557XXX
Gentili dottori,
Sono diversi anni che soffro di quelli che ritengo essere continui tentativi di autosabotaggio determinati da bassa autostima.
Nel tempo ho vissuto relazioni sentimentali e amicali tossiche, in cui spesso da parte dell’altro ho ricevuto pesanti critiche (alcune sicuramente giuste, altre frutto di semplice cattiveria). Tralasciando la traumaticità di alcuni eventi vissuti con queste persone, le parole che mi sono state dette continuano a tornare come pensieri ossessivi. In particolare, l’idea che avevano queste persone, ovvero che fossi una fallita e che non avessi nessuna qualità, il paragonarmi a precedenti relazioni o amici considerati migliore di me, mi fa credere ancora oggi di essere effettivamente ciò che dicevano. Eppure, non posso dire di non aver ottenuto discreti successi e soddisfazioni, ma ciò sembra sempre non cancellare l’idea di essere in realtà un fallimento. Una parte di me vuole fortemente andare avanti, dimostrate a me stessa e agli altri che anch’io ce la posso fare. Un’altra reagisce con rabbia contro se stessa, in un’autocritica disperata che a volte si ritorce anche verso chi cerca di aiutarmi (parenti, amici, fidanzato).
La situazione sta diventando insostenibile per me e per chi amo, e vorrei capire come poterne uscire, da dove partire anche da sola (poiché non posso per il momento accedere a servizi medici di diverso tipo).
Vi ringrazio per la vostra gentile attenzione e il vostro interessamento.

[#1]  
Dr. Armando De Vincentiis

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
MARTINA FRANCA (TA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
gentile ragazza da situazioni psicologiche disfunzionali il tentare di uscirne da soli è spesso una illusione. Un pensiero distorto è come un organo ammalato e non può autocorreggersi senza un adeguato percorso terapeutico che non necessariamente deve essere lungo. Possono bastare anche poche sedute, ma in queste è necessario capire il suo approccio alle questioni personali, il suo modo di tentare soluzioni ecc.
faccia almeno un consulto dal vivo.
Dr. Armando De Vincentiis
Psicologo-Psicoterapeuta
www.psicoterapiataranto.it
https://www.facebook.com/groups/316311005059257/?ref=bookmarks