Utente 572XXX
Buonasera.
Vi scrivo perché ho iniziato tante psicoterapie e al massimo ho retto qualche mese...qui ho letto che i requisiti per fare la psicoterapia sono la fiducia nello psicologo e la speranza di stare meglio... Io non ho questi requisiti! Più cercano di aiutarmi più mi sento male, divento maleducata, prendo tutto per il verso sbagliato come se mi volessero criticare e prendere in giro... Alla fine si offendono tutte quante e quando vado via non piangono di sicuro! Allora come posso fare?
I requisiti non li ho mai avuti, non credo che aspettando mi vengano magicamente.

[#1]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile utente,

in molti casi la difficoltà nello sviluppare la fiducia fa parte della patologia che si intende curare.
Ma la difficoltà nella fiducia potrebbe riguardare anche questa mia risposta che Lei riceve.

Le allego un articolo molto completo che Lei potrà leggere e rileggere,
soprattutto nella parte che riguarda il paziente e il suo essere bloccato:
nel Suo caso bloccato nella fiducia.

https://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/233-la-psicoterapia-che-cos-e-e-come-funziona.html .

Saluti cordiali.
Dott. Brunialti
Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfez. Sessuologia clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/

[#2] dopo  
Utente 572XXX

Grazie Dr. ssa, l'articolo è molto interessante, specie la parte che riguarda il fatto che non sempre sapere di avere un problema significa riuscire a cambiare. Purtroppo la mia famiglia è molto gretta, quasi come un branco di animali. Voglio una cosa... dico e faccio qualsiasi cosa per averla... ognuno per sé e Dio per tutti. Però nessuno deve sapere e si devono sempre salvare le apparenze. Sono da sempre inconsapevole di avere qualcosa "anche dentro". Anche adesso fatico perché vedo solo le cose fuori, tipo il corpo, i soldi, le facce... e sento dei movimenti nel corpo che qualche tempo fa non sentivo a meno che non fossero così forti da fare qualsiasi cosa per non sentirli. Avendo la bulimia era tanto bene mangiare e vomitare. Io penso se non sono presuntuosa che andare dalla psicologa mi fa sentire troppo "scoperta" e per me scoperta significa che si possono approfittare di me. Poi mi fa sentire le cose che ho dentro e non sono mai cose facili da sentire, purtroppo. Grazie tante comunque, l'articolo è molto bello.

[#3]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Può benissimo essere che Lei non sia pronta per un percorso psy;
non avviene in un momento il sentirsi pronti,
il decidere di togliere qualche "pezzo" di corazza...

E' un processo che matura nel tempo e al quale ci si avvicina per gradi.
Dia tempo al tempo.
Sono contenta che l'articolo Le abbia fornito materiale di riflessione.

Nel frattempo,
carissimi saluti.
Dott. Brunialti
Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfez. Sessuologia clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/

[#4] dopo  
Utente 572XXX

Non sono pronta e mi sa che non lo sarò mai...anche perché mi ha detto una mia amica che una psy dura un anno un anno e mezzo... con tutti i problemi che ho non faccio in tempo nemmeno a fare la lista...
Grazie carissimi saluti a lei!

[#5]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Mai dire mai.
Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfez. Sessuologia clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/