Utente 581XXX
Salve, ora vi spiegherò bene la mia situazione, che a parere mio sta diventando piuttosto seria
Ho 20 anni, a giugno sono 21... frequento il secondo anno di università, e lavoro attualmente in un asilo nido/dopo scuola.
Non ho mai portato problemi se non qualche piccola bugia ai tempi del liceo.

La situazione che si sta verificando però... è un altra.

Come tutte le ragazze ed i ragazzi della mia età, ci si vuole divertire, (ovviamente nei limiti) andare, perché no, in discoteca (ci sarò andata 4 volte nella mia vita e tra poco capirete il perché) S
E godersi la vita, giusto?

Bene, per me è impossibile.

È impossibile uscire senza ricevere chiamate su chiamate e messaggi appena metto piede fuori casa o quando sto con amici, o un ragazzo.
Mi vergogno molto, anche perché non è un messaggio, ma molti di più.
Messaggi mandati Da mia madre che mi fanno anche venire i sensi di colpa:
Pensate che una sera uscii con un ragazzo, (essendomi lasciata da poco lei non vuole saperne nulla di nessuno, per lei dovevo restare con un ragazzo che non amavo più per il semplice fatto che piaceva a lei di carattere.
) e perciò gli dissi che uscivo con la mia migliore amica... mia madre che fa?

Non ho risposto per 15 minuti al cell, va dalla polizia...ovviamente non sono intervenuti, ed è andata anche a casa della mia amica (lei non c era, stava a Roma siccome delle volte si sposta e poi torna...ha voluto dirmi che si era anche sentita male (non avendo motivo dato che ero uscita tranquillamente, e rispondevo anche ai mess ma vabbè.
) premetto che sono una ragazza tranquilla e non capisco il problema di questa situazione.
Non mi drogo, non fumo, se devo bere mi prendo sempre l’analcolico...
Da piccolina ho avuto un grave problema cerebrale una MAV di 2 cm..., dove rischiavo la morte.
Ma oramai sono passati 10 anni... e penso che la paura che possa succedermi qualcosa del genere le sia passata.

Questa sera sono dovuta andare a Roma con degli amici, non gliel ho detto...già sapevo che mi diceva di no, solo per quello l’ho nascosto... ma il bello arriva ora... cos ho trovato dentro la mia borsa?
Il suo cellulare, col gps attivo e un applicazione che gli permette di vedere in tempo reale dove mi trovo...
Mi sta davvero pesando come situazione, davvero.

Ho 20 anni, non 13.
Ma non lo capisce.

Mio padre la segue in tutto, per lui ha sempre ragione lei.
Peró quando mia madre sta a lavoro mi lascia molto libera, al massimo fa una chiamata e si fida.
Mia sorella che è più grande non è molto meglio.

E io mi sento molto stressata...
Ho provato a parlare della situazione dicendo che si devono fidare, che non faccio nulla di male.
Più di questo cosa devo fare?
Attendo una risposta... grazie

[#1]  
Dr. Monica Zoni

24% attività
20% attualità
12% socialità
LOCATE DI TRIULZI (MI)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2015
Prenota una visita specialistica
Buongiorno,
vorrei proporle alcune riflessioni
Tanti possono essere i vissuti per cui i suoi genitori e in special modo sua madre appaiono iperprotettivi-
Ma non è possibile trasformare i propri genitori. Proprio come loro non possono controllare i suoi pensieri e le sue emozioni, lei non può cambiare quello che pensano e sentono.

Può però modificare il suo modo di porsi nei loro confronti e questo può a sua volta cambiare il trattamento che le viene riservato .
Non è cosa facile né veloce, tanto più che lei abita in casa con loro . E' economicamente indipendente? Potrebbe/le piacerebbe andare a vivere da sola?
Dr. Monica Zoni, Psicologa clinica
zoni.monica@gmail.com

[#2] dopo  
Utente 581XXX

Lavoro in un asilo nido privato.. non sono economicamente indipendente del tutto per poter vivere da sola dato che faccio un part time con 450 euro al mese e studio anche .. però mi piacerebbe molto esserlo e andare a vivere .. non da sola , ma con qualche amica anche

[#3]  
Dr. Monica Zoni

24% attività
20% attualità
12% socialità
LOCATE DI TRIULZI (MI)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2015
Per ora quindi è auspicabile cambiare il suo approccio nei confronti dei suoi genitori. Si faccia eventualmente aiutare da un collega di un consultorio. Potrebbe avere benefici per il suo benessere
Dr. Monica Zoni, Psicologa clinica
zoni.monica@gmail.com