Utente
Buonasera,
Sono a richiedervi un parere qui, prima di rivolgermi ad uno specialista di persona.

Dunque, sono un giovane ragazzo e da circa 7 mesi, vivo in uno stato d ansia perenne, che temo alla lunga possa danneggiare la mia vita, ancora di piu di quanto non stia facendo
Il tutto e iniziato quando sono venuto a contatto con una persona nel luogo di lavoro, un mio superiore, questo mio superiore mi ha sempre trattato in modo molto gentile, al contrario di altri miei superiori, mi ha persino dato l opportunita di tornare tra i banchi di scuola per finire il mio percorso di studi e di aumentare le mie competenze, da circa 2 mesi ho cambiato lavoro, ho praticamente dovuto imparare tutto capo, solo che mi ritrovo in perenni stati confusionali, sento che non sto rendendo come dovrei, che potrei dare di più, mi sento come bloccato e spaesato e per di più il periodo di prova sta per scadere e questo mi genera ansia su ansia.
L unica cosa di cui sono certo è che il mio lavoro mi piace, e questo mi da la forza di non buttarmi giù completamente, le serali procedono bene, con voti promettenti e anche questo mi rincuora.

Tuttavia non trovo una via d uscita per riuscire ad evadere da questo loop mentale.

Avete per caso dei consigli?

Grazie in anticipo.

[#1]  
Dr. Alessandro Drago

24% attività
0% attualità
16% socialità
PISA (PI)
CAMAIORE (LU)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2011
Gentile utente, a volte l'ansia ci insegna delle cose che ci permettono di 'crescere' come persone. A volte capita che troviamo un insegnante, un maestro, un capo attraverso cui possiamo stare in uno stato di benessere e soddisfazione. Cambiare il posto di lavoro comporta una differenza di esperienza che, a volte, determina una con-fusione tra le nostre aspettative di ciò che c'era e ciò che è presente nella situazione attuale.
Mi permetto solo di dire che riflettere sulla differenza tra prima e ora, potrebbe essere un inizio di percorso dall'uscire dall'ansia. Per il resto, se ritiene opportuno rivolgersi ad uno specialista, faccia pure in quanto la può aiutare a capire e superare questo suo passaggio esistenziale. Un caro saluto.
Dr. Alessandro  Drago