Utente
Buonasera dottori.
Vi scrivo per parlarvi della presenza di pensieri ossessivi che mi si presentano nel corso della giornata e che a seconda del momento riescono a interferire e modificare il mio umore.
Spesso il contenuto di quest'ultimi è privo di senso logico ma è facile che io mi trovi dentro il meccanismo senza nemmeno accorgermene, essendo ormai diventata un'abitudine, forse radicata.
Una volta dentro (questi meccanismi) mi è facile uscirne, avendo compreso la natura del pensiero che ho capito essere innocuo.
Ciò che rimane in me però è un senso di confusione mentale unito a una sensazione di non appagamento, in seguito a non aver assecondato quello che era il contenuto del pensiero ossessivo.
In situazioni in cui mi sento messo alla prova ciò che faccio è tornare sul pensiero ossessivo per risolverlo, in situazioni in cui mi sento calmo e a mio agio preferisco non tornarci più e lasciare morire col tempo il pensiero.
Vi elenco di seguito qualche esempio di pensieri che sorgono e che pur sembrando banali a volte sono fonte di tanto malessere successivo.

(Preciso che i pensieri non si presentano come indicazioni verbali ma direttamente come la necessità di svolgere quell'azione)
"Controlla che nel cellulare la connessione sia spenta"
"Controlla che sul tuo profilo instagram non si sia pubblicato nulla per sbaglio"
Pensieri che si presentano come dubbi ai quali spesso io stesso credo.

Esistono tecniche per disinnescare questo meccanismo?

Cosa posso fare affinché questi pensieri perdano di energia e non si presentino più?

[#1]  
Dr.ssa Elisabetta Fazzari

20% attività
4% attualità
8% socialità
POLISTENA (RC)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2020
Salve, i pensieri ossessivi sono pensieri che abbiamo un po' tutti, chi più chi meno.
Proprio questa è la differenza, il livello di intensità con cui si presentano e il disagio che le creano (ad esempio quanto tempo le fanno perdere nella vita quotidiana.)
È chiaro che se ci sono pensieri negativi che persistono possono modificare di conseguenza il suo umore.
L'unica cosa da fare è rivolgersi ad uno/a psicoterapeuta ed iniziare un percorso.
Si può imparare a gestire i pensieri ossessivi senza che interferiscano con le nostre attività, ma per fare questo è indispensabile conoscere la sua storia e comprendere che funzione hanno per lei questi pensieri.
Mi spiace se si aspettava dei suggerimenti di pronto intervento, ma spero che tragga qualche spunto da questo consulto.
In bocca al lupo!
Dr.ssa Elisabetta Fazzari
Psicologa,Psicoterapeuta
https://www.fazzarielisabetta.it/

[#2] dopo  
Utente
Buonasera dottoressa. La ringrazio per la tempestività nel rispondermi. Comprendo che non conoscendo nei particolari la mia situazione può limitarsi a esprimere un suo parere generale rispetto a quanto le ho esposto. Ad ogni modo ne ho tratto uno spunto positivo che di certo mi ha aiutato. Buona giornata.