Utente
Buonasera, scrivo in merito ad un problema legato al mio stato emotivo.

Sono un ragazzo di 25 anni, da tanti anni impegnato nel mondo del volontariato nel quale ho modo di impegnarmi in diversi ambiti sociali, tra cui anche l'emergenza sanitaria affrontando ogni giorno le problematiche legate alla quotidianità.
In passato ho vissuto alcune problematiche legate allo stato d'ansia.

In questi mesi mi sono accorto di non provare più alcuna emozione, nè sensazioni di paura, gioia o amore.
Mi sento come un robot, un muro di ghiaccio davanti a qualsiasi tipo di situazione.
Perché ho questa difficoltà a sentire le mie emozioni?
Il fatto che io lavori in ambulanza può incidere sul mio stato emotivo, portandomi ad essere una persona completamente fredda?
Quale potrebbe essere la soluzione più idonea?

[#1]  
Dr.ssa Valeria Mazzilli

24% attività
20% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2020
Gentile Utente,
benché in questa sede non è possibile per diversi motivi effettuare diagnosi, vorrei chiederle se conosce la sindrome da Burn-out. Le dice qualcosa questa parola?

E' una condizione di stress cronico che emerge nei contesti lavorativi, maggiormente in quelli che hanno a che fare con le professioni di aiuto, e presenta una sintomatologia ben precisa.
La invito a cercare notizie a riguardo e capire se pensa che i sintomi descritti hanno a che fare con quello che sente.

Se così fosse la invito a parlarne con il suo responsabile, ente, associazione con cui fa volontariato, è importante che lo sappia. Esistono dei servizi di sostegno psicologico anche a livello territoriale sia per il singolo che per il gruppo-lavoro, affinché la sintomatologia da burn-out rientri.

Ci faccia sapere
Cordialmente
Dr.ssa Valeria Mazzilli
Psicologa Clinica
Corso Umberto I, 23 Napoli
cel. 3895404108