Come si riconquista la fiducia di un uomo ferito?

Salve a tutti,
Sono Jennifer e ho 20 anni.

Mi sono appena lasciata da una relazione di quattro mesi durante la quale è successo di tutto.

La mia relazione non mi rendeva felice e sono stata con il mio ex ragazzo perché provavo tenerezza e non riuscivo a lasciarlo.

Avevo molta nostalgia della mia vita da single e in particolare, mi sono accorta che ho una cotta che non alimentavo, ma della quale me ne sto rendendo conto da poco tempo.

La mia cotta è un ragazzo che ho conosciuto mesi prima del mio ex fidanzato e con la quale stavamo costruendo un rapporto, già abbastanza intimo, visto che entrambi ci piacevamo molto sia esteticamente che mentalmente, e con la quale altrettanto c’era una forte chimica e passione.

Con il ragazzo del quale ho una cotta avevamo fantasticato addirittura di avere dei bambini insieme.

Pochi giorni fa però ho scoperto che mi ha cancellato da Instagram, tranne che dagli altri social e io che dopo pochi giorni me ne sono resa conto, come uno scherzo del destino, mi sono lasciata con il mio ex ragazzo perché aveva iniziato a capire il mio allontanamento e ad assumere atteggiamenti aggressivi e violenti nei miei confronti.

Una volta che mi sono lasciata con lui, ho contattato immediatamente l’altro ragazzo che per fortuna si trova qui a Milano, dato che è straniero.

Lui ha accettato, ma non mi ha nascosto la sua sfiducia per me, e ha ammesso con difficoltà che ha provato gelosia e frustrazione, che per lui era un tradimento.

Ora, ieri ci siamo visti e abbiamo vissuto l’intimità ed entrambi non riuscivamo a staccarci l’uno dall’altro.

Mi ha detto che è consapevole del fatto che è molto spesso via per lavoro e che non può farsi sentire a causa dei numerosi impegni, ma il suo desiderio di vedermi è stato stroncato dal nascere della mia relazione e si è dispiaciuto.

Ci siamo visti, abbiamo vissuto l’intimità però nonostante tutto non si fa sentire se non lo faccio io, e quando si fa sentire è freddo, quasi non vuole parlare.

Vorrei poter fare qualcosa, ma non so come fare per riportarlo all’ovile.

Come dovrei fare?
C’è un metodo per riportarlo da me?
Per aggiustare le cose e farle tornare meglio di prima?
Oppure è meglio sparire?

Lui secondo voi non ha più interesse nel sentirmi?
Gli sarò scaduta?

Sono in ansia e non dormo,
Aiutatemi
Jennifer
[#1]
Dr.ssa Anna Potenza Psicologo 2,3k 128
Gentile utente,
dovrebbe riflettere -e scriverci- sul perché, avendo iniziato una relazione che le piaceva, l'ha interrotta per iniziarne un'altra.
Solo un'attenta riflessione su questo potrà aiutarla a capire cosa ha visto, sentito, pensato il primo ragazzo, quello abbandonato e ora da lei cercato di nuovo.
Senza questi elementi, lei non potrà chiarire a lui se è capace di stabilità affettiva.
Buone cose.

Dr.ssa Anna Potenza (RM) anna.potenza@medicitalia.it


[#2]
dopo
Utente
Utente
Gentile dott.ssa,
La ringrazio per la risposta.
In realtà la relazione con il ragazzo che ho di nuovo cercato non era stabile. Nel senso che, essendo lui straniero e la maggior parte del tempo lontano da me a causa dei suoi allenamenti (è un nuotatore della Costa Rica) non riusciva a farsi sentire molto e a essere costante.
Non pensavo che lui provasse così tanto interesse a tal punto da provare fastidio.
Ho iniziato una relazione con la speranza di poter iniziare una bella esperienza, volevo capire se ero in grado di avere una relazione seria, quindi mi sono sforzata di stare con l’altro ragazzo.
Ho avuto delle storie molto superficiali in cui nessuno voleva impegnarsi o storie che finivano dopo mesi.
Era più una scommessa con me stessa. Poi sono successe delle cose che mi hanno fatto perdere di vista la realtà.
Io però ho sempre avuto desiderio e pensieri nei confronti della mia attuale cotta.
Forse lui provava davvero un sentimento, ci aveva investito davvero ed è rimasto deluso.
Ora però nonostante mi sia scusata e cerco di contattarlo tutti i giorni, lui resta sempre freddo. Quasi come se non volesse più parlarmi.
Cosa significa?
[#3]
Dr.ssa Anna Potenza Psicologo 2,3k 128
Gentile utente,
cosa esattamente prova lui non possiamo saperlo, ma abbiamo degli indizi su quello che vuole: "lui resta sempre freddo. Quasi come se non volesse più parlarmi".
Quindi lui manifesta col comportamento, che vale come le parole, una volontà di distacco.
Poi c'è quello che lui può aver visto e pensato: lei stessa confessa che in genere vive esperienze effimere, "si sforza" di stare con qualcuno perché vuol capire se riesce ad avere relazioni serie, e inoltre le succedono "delle cose che mi hanno fatto perdere di vista la realtà".
Un quadro abbastanza chiaro: lui prende le distanze da lei, che in vario modo ha dimostrato di non essere idonea, o non ancora idonea, per una relazione stabile.
Non a caso lei parla di "cotta", non di amore.
Tenga conto che non tutti sono disposti ad essere, con le loro emozioni e i loro sentimenti, un divertimento momentaneo, o il giocattolo con il quale un'adolescente esercita la propria capacità di amare.
Se riuscirà a capire questo, lei avrà fatto un passo avanti nella consapevolezza adulta.

Dr.ssa Anna Potenza (RM) anna.potenza@medicitalia.it


[#4]
dopo
Utente
Utente
Dottoressa è stata molto chiara e mi sento davvero mortificata.
Non c’è, secondo lei, niente da fare per instaurare un rapporto simile a quello di prima?
Mi consigli di farmi sentire tutti i giorni o di non insistere più?
[#5]
Dr.ssa Anna Potenza Psicologo 2,3k 128
Gentile utente,
gli psicologi non danno consigli, ma aiutano a vedere in sé stessi e a valutare sotto vari punti di vista le situazioni.
Rifletta su quello che lei vuole veramente dal suo ex: stare insieme... per cosa? Per soddisfare le voglie di una cotta momentanea? E se lui dovesse partire di nuovo? Se, soprattutto, non fosse disponibile ad una relazione effimera?
Rifletta anche su quale atteggiamento può essere da adulta, aiutarla a crescere: farsi sentire tutti i giorni? A me sembrerebbe una forma di stalking, una persecuzione più che un corteggiamento.
Fornire all'ex una spiegazione chiara del perché si era messa con un altro? Sempre che lui sia disposto ad ascoltarla, saprebbe dirgli con sincerità: "Tu eri troppo spesso lontano e non sembravi interessato a me, così ho preferito iniziare un'altra storia"? Se ci teneva a lui, era allora che doveva cercarlo, non dopo averlo irritato e deluso.
E su quest'ultimo punto, lei scrive: "Non pensavo che lui provasse così tanto interesse a tal punto da provare fastidio".
Gentile utente, il fastidio che si prova perché una ragazza si mette con un altro non dipende dal tenerci a lei (in questo caso si cercherebbe di riconquistarla, come adesso vuol fare lei con lui) ma dall'orgoglio ferito, dal perdere una piacevole compagna che mostra di preferire un altro uomo, e a volte anche dal biasimo per la "leggerezza" della donna che non resta ad aspettarci.
Come tutte le esperienze, questa le servirà per capire meglio sé stessa, gli altri, la vita.

Dr.ssa Anna Potenza (RM) anna.potenza@medicitalia.it


Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test