Andamento del psa dopo radioterapia

Buongiorno. Ho 64 anni e nel 2010 mi sono sottoposto a radioterapia più trattamento ormonale di sei mesi per un carcinoma alla prostata gl. 4+3.
Prima del trattamento il psa era a 9,74. I successivi controlli trimestrali effettuati a partire da un mese dopo la RT (dicembre 2010) hanno dato i seguenti valori:
0,008; 0,05; 0,03; 0,04; 0,16; 0,29; 0,56; 0,74; 0,59 per finire con quello ritirato poco fa che è di 0,99.
E' vero che non raggiungo il +2 dal nadir fissato come parametro indicatore di una ripresa della patologia, ma questo lento e costante salire del PSA mi sta veramente preoccupando. Cosa ne pensate?
Ringrazio anticipatamente e saluto
[#1]
Prof. Filippo Alongi Radioterapista 2.1k 120 17
La Radioterapia e' un trattamento conservativo. Significa che lei la prostata ce l'ha ancora i sede e le cellule prostatiche hanno la possibilità di produrre il PSA, non necessariamente patologico. E' vero anche che diversi aumenti consecutivi, sebbene sotto il nadir più 2ng/mL sono francamente sospetti. Monitorizzi il PSA fino al superanto eventuale del valore suddetto. Poi, insieme al radio-oncologo che la segue, potrà valutare le possibili scelte terapeutiche di salvataggio adatte al suo caso.
Saluti

Prof. Filippo Alongi
Professore ordinario di Radioterapia
Direttore Dipartimento di Radioterapia Oncologica Avanzata, IRCCS Negrar(Verona)

[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio per la cortese risposta. In effetti mi è stata prescritta una tac con colina e una risonanza intrarettale. Le sarei grato se cortesemente volesse rispondere ad un'altra mia domanda per un aspetto che mi sta veramente angosciando. C'è possibilità che vi sia una metastasi non rimediabile?
So che forse chiedo troppo, ma gradirei un suo parere, almeno statistico.
La saluto e la ringrazio.
[#3]
Prof. Filippo Alongi Radioterapista 2.1k 120 17
Non esistono statistiche attendibili in merito.
Saluti

Il tumore alla prostata è il cancro più diffuso negli uomini, rappresenta il 20% delle diagnosi di carcinoma nel sesso maschile: cause, diagnosi e prevenzione.

Leggi tutto