Utente 296XXX
gentili dottori, fui operato di seminoma puro nell'aprile 2011, "optando" per la stretta sorveglianza. Ad oggi, a quasi due anni dall'intervento, ho ricevuto la notizia devastante di una ricaduta: un singolo linfonodo para aortico di 1,7 cm.

Lo specialista m'ha ordinato di fare una PET che farà tra un paio di giorni, e mi ha comunque anticipato che le soluzioni sono due ed entrambe con medesima efficacia:

1) 3 cicli di chemio
2) radioterapia

Io sarei più propenso per la seconda ipotesi, e a tal proposito vorrei capire a quanto ammonta il rischio di sviluppare un tumore radioindotto nel corso della mia vita, e a quante sedute consiste il trattamento standard per un seminoma stadio 2A.

Cordiali saluti.

[#1] dopo  
Prof. Filippo Alongi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
8% attualità
16% socialità
NEGRAR (VR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Solitamente la radioterapia prevede dosi intorno ai 30 Gy erogabili in circa 15-20 sedute giornaliere. A queste dosi il rischio di secondi tumori è basso ma non zero(tra l'1 e il 5 %).
Prof. Filippo Alongi
Professore associato di Radioterapia
Direttore Radioterapia Oncologica, Ospedale S.Cuore Don Calabria di Negrar(Verona),

[#2] dopo  
Utente 296XXX

Grazie dottore, gentilissimo.

Sinceramente 1-5% è un po' alta per i mie gusti. Probabilmente farò la chemio a questo punto.

[#3] dopo  
Prof. Filippo Alongi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
8% attualità
16% socialità
NEGRAR (VR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Non è mio fine di spaventarla, ma anche la chemioterapia ha i suoi rischi ematologici. Senta entrambi gli specialisti di persona(oncologo radioterapista e oncologo medico) e poi prenda, con serenità, la decisione più adeguata alle sue priorità mettendo in rapporto rischi con benefici.
Prof. Filippo Alongi
Professore associato di Radioterapia
Direttore Radioterapia Oncologica, Ospedale S.Cuore Don Calabria di Negrar(Verona),

[#4] dopo  
Utente 296XXX

Gentile Dottore, oggi mi hanno prescritto un ciclo di radioterapia... però il linfonodo ingrossato è risultato negativo alla PET... com'è possibile ? Io so che il seminoma è estremamente sensibile alla PET, non c'è il rischio che sia teratoma ?

Cordiali saluti.

[#5] dopo  
Prof. Filippo Alongi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
8% attualità
16% socialità
NEGRAR (VR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Bisogna valutare il caso nello specifico. Alcune forme possono non captare alla PET. Ne parli con chi la segue
Prof. Filippo Alongi
Professore associato di Radioterapia
Direttore Radioterapia Oncologica, Ospedale S.Cuore Don Calabria di Negrar(Verona),