Utente 124XXX
egregi dottori,
sono una donna di 31 anni, da giugno scorso ho avuto una serei di problemi parestesia arti, dolori collo mani e tanto altro ancora.come se non bastasse ho iniziato ad avere attacchi di panico, perche' qui nella mia citta PER SBAGLIO mi hanno dianiosticato un 'aneurisma al cervello. Adesso non soffro piu' di attacchi di panico ma da quel giorno nessun medico da importanza o valore a cio' che dico per tutti sono una malata immaginaria. Dopo aver fatto questa premessa e sperando di non pentirmi di aver raccontato la mia esperienza ansiosa , vi espongo il mio problema.....soffro di articolari diffusi, che ultimammenti si sono concentrati agli arti superiori...mani freddisime e dolori che partono dalle mani e arrivano sino al collo la cosa strana e che quando arrivano queste fitte mi compaiono tante vene sul dorso della mano e sul palmo che prima non si vedevano ad occhio nudo. a volte non riesco a poggiare i gomiti ho sempre le mani freddissime e rosse ho eseguito esmi del sangue e' l'unico valore un po' alterato e' la pcr...ma per il medico di base e' stress....il dolore e' stress....le vene gonfie e doloranti e' stess...secondo voi cosa potrebbe essere?

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora,

potrebbe approfondire la situazione della Sua colonna cervicale mediante una radiografia o una Risonanza ed effettuare una visita reumatologica o ortopedica.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 124XXX

Egregio dottore,
la ringrazio per la sua immediata risposta. Forse mi sono fatta prendere un po' dal nervosismo e non ho detto nulla su esami gia eseguiti, Le spiego un po' questo "calvario":
giugno 2009: da diversi anni soffro di un terribile mal di testa che mi prende un sola parte del viso e sopratt. l'occhio sx, non riesco a lavorare, m'infastidisce la luce tutto questo accompagnato da vomito. il dolore quando arriva dura poi per almeno 48 h, e l'occhio si presenta con i capillari rossissimi; e sono 7 anni che non vedo piu' nitidamente ma vedo continui filamenti neri. ...eseguita dunque visita oculistica risultata tutta nella norma, l'oculista dice che quei filamenti potrebbero essere dei corpi vitrei, la pressione all'occhio e' buona anche se provo la senzazione di dolore e pressione.
effettuata poi visita neurologica....mi viene diagnosticata un'aneurisma al cervello...
fine giugno 2009: primi attacchi di panico parestesie agl'arti...vista doppia...svenimenti crampi muscolari
analisi sangue tutte nella norma
solo la pcr leggermente alta
agosto 2009 : inizia terapia con lyrica sospesa dopo un mese perche' il mal di testa peggiorava da 6 giorni al mese ermai l'avevo tutti i giorni...accompagnato da forti crampi
settembre 2009: dopo una serie di visite al pronto soccorso dove nessuno mi ha mai saputo dire nulla
decido di cambiare neurologo..
ottobre 2009:
ricovero neurologia
esami eseguiti pes arti superiori neg
elettroencefalogramma nella norma
elettrocardiogramma nella norma
ANGIO RISONANZA MAGNETICA DOVE NON RISULTA NESSUNA ANEURISMA
risonanza magnetica encefalo e cervicale tutto nella norma solo una piccola cist dx cervello ma nulla di che

[#3] dopo  
Utente 124XXX

ancora nulla i dolori aumentano.....terapia cons dal mio medico di base
xanax 10 gocce la mattina 10 pomeriggio 20 sera
ma nulla sempre uguale gli attacchi di panico ormai ho imparato a gestirli li controllo e quindi non mi preoccupano piu' di tanto.
novembre 2009: nuovamente al pronto soccorso questa volta mi spediscono dal reumatologo.....in cinque minuti mi visita e per lei non ci sono dubbi....e' fibromialgia
miei sintomi:
dolore nella digitazione,astenia,formicolio arti,dolori collo spalle,crampi,vista offuscata,sensazione di non essere nel propio corpo,frddo estremo,sonno non ristoratore..inizio cosi' una terapia di cymbalta 60 e mag 2 sembra di stare meglio, l'unica cosa che ho notato e' questa grande facilita' a sviluppare lividi e queste vene che si gonfiano alle mani con forti dolori...e' non so che fare...gennaio2010..ho scoperto di essere incinta e il medico mi fa sospendere la cura di botto xanax cymbalta tutto....subisco un'aborto spontaneo

[#4] dopo  
Utente 124XXX

dimenticavo di dirle che ho consultato anche uno psichiatra il quale non ha ritenuto opportuno che seguissi terapie ma continuassi a seguire quella della reum.
ora mi trovo cosi' i dolori aumentano ed io non so che fare il mio medico curante dice che una visita al pronto soccorso di 5 minuti non puo essere considerata per una diagnosi...secondo lei che devo fare?

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

innanzitutto un aneurisma NON SI PUO' diagnosticare soltanto con una visita neurologica. Per quanto riguarda il mal di testa, dalla Sua descrizione, si potrebbe prefigurare un'emicrania (è solo un'ipotesi). Se così fosse esistono dei farmaci da utilizzare durante l'attacco e farmaci di prevenzione che si utilizzano continuativamente per alcuni mesi.
Il mio consiglio è di recarsi presso un centro cefalee per cercare di risolvere il primo problema. Se il cymbalta è stato efficace, su consiglio del medico prescrittore, potrebbe assumerlo nuovamente.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 124XXX

grazie per la sua risposta,
dimenticavo di dirle che l'aneurisma e' stata diagnosticata dopo una prima angio risonanza...NON SONO POI COSI STUPIDA...la ringrazio cmq

[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

non era certamente rivolta a Lei la "polemica" della diagnosi di aneurisma cerebrale solo con la visita.
Siccome non aveva menzionato la precedente Angio-RM, dal Suo post si evinceva una diagnosi esclusivamente dopo la visita neurologica.
Mi scuso con Lei dell'equivoco che si è creato e che Lei gentilmente ha chiarito.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro